Orban: Le sanzioni contro la Russia stanno uccidendo l’Economia Europea

Il premier ungherese Viktor Orban ha criticato duramente l politica delle sanzioni della UE contro la Russia..

Le sanzioni dell’UE contro la Russia sono state “calcolate male” e potrebbero distruggere l’economia europea a meno che Bruxelles non cambi posizione, ha affermato venerdì il primo ministro ungherese Viktor Orban in un’intervista radiofonica.

“Il momento della verità deve arrivare a Bruxelles, quando i leader ammettono di aver commesso un errore di calcolo, che la politica delle sanzioni era basata su presupposti sbagliati e che deve essere cambiata”, ha affermato Orban, un critico esplicito della politica dell’UE. sulla Russia.

Ha detto che mentre l’Ucraina ha bisogno di aiuto, i leader del blocco dovrebbero cambiare la loro strategia nei confronti della Russia.

Ha aggiunto che le sanzioni non sono riuscite a destabilizzare l’economia russa e non hanno costretto Mosca a fermare l’operazione militare. Ha proseguito affermando che hanno invece causato danni diffusi alla stabilità economica dell’UE.

“Le sanzioni non aiutano l’Ucraina, tuttavia, sono dannose per l’economia europea e se continua così uccideranno l’economia europea… Quello che vediamo in questo momento è insopportabile”, ha affermato il leader ungherese.

Orban aveva già avvertito di un’imminente recessione nell’UE a seguito della sua politica anti-russa a maggio, quando ha affermato che l’attuale crisi energetica, insieme agli aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti, “hanno portato insieme un’era di alta inflazione, ” che “porterà l’era della recessione”.

Due mesi dopo, però, sembra nutrire dubbi ancora più profondi sul futuro dell’economia del blocco.

“All’inizio pensavo che ci fossimo solo sparati a un piede [con le sanzioni contro la Russia], ma ora è chiaro che l’economia europea è saltata e nei polmoni ed è rimasta senza fiato”, ha avvertito Orban.

Fonte: Es. New Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM