"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Orban considera Macron come una “nuova recluta” dell’Unione….

Doveva essere il “vertice della solidarietà” quello tenutosi la scorsa settimana a Bruxelles, con i soci della UE che dovevano serrare le fila di fronte al Brexit del Regno Unito e stabilire in armonia le condizioni  dell’uscita del Regno Unito ma, in realtà, il vertice si è chiuso con grandi polemiche, forti litigi ed aspre critiche fa i  soci europei. Non sono mancate anche le battute pesanti nei confronti del francese il quale, con la sua aria di “primo della classe” sembra che “stia sulle palle” a tutti i rappresentanti dell’Est Europa.

Una dura polemica è seguita  alle dichiarazioni di Emmanuel Macron, il neo presidente francese il quale, nel suo discorso tenuto al vertice di Bruxelles, aveva criticato i paesi dell’Est  per la loro mancanza di solidarietà e per il cinismo dimostrato nel trattare la questione dei rifugiati. “I paesi europei che non rispettano le norme della Commissione  (le quote dei migranti)  devono pagare a pieno le conseguenze”, aveva dichiarato Macron con aria solenne.

Il premier ungherese Viktor Orban aveva subito definito “poco attendibile” la dichiarazione di Macron, nel corso di una conferenza stampa a margine dell’incontro di Bruxelles, per essere stata questa la prima apparizione pubblica del neo eletto all’Eliseo.

Il leader magiaro ha assicurato che attaccare i pasi dell’Est non è il miglior modo  di creare vincoli di collaborazione fra i soci dell’Unione. In tono ironico Orban ha detto che ” presto (il francese) si dovrà rendere conto di come funzionano qui le cose ma  ha comunque voluto scusare  l’errore fatto da Macron e  lo ha considerarto un errore “da novizio e da recluta” della Organizzazione europea. “Il ragazzo farà eperienza ed imparerà con il tempo”, ha detto Orban.

Migranti bloccati alle frontiere ungheresi

Il primo a rispondere alle accuse di Macron, per la verità,  era stato il ministro polacco degli Esteri, Witold Waszczykowski: “spero che il presidente Macron (…) voglia spiegare bene le sue parole ai cittadini polacchi, agli ungheresi e d quelli degli altri paesi dell’Europa centrale”, aveva detto il ministro.

Il leader ungherese era stato però il più duro nel rispondere affermando che “non ci sarà mai consenso in Europa sull’immigrazione ed ha ribadito l’idea che, nonostante i proclami, i paesi dell’Europa occidentale stanno tentando di disfarsi dei migranti che hanno lasciato entrare senza alcuna giustificazione, soltanto con l’idea di spedirli poi nei paesi dell’est, ma noi non ci stiamo a questo gioco, ha aggiunto.

L’Ungheria è situata alle frontiere dell’Europa, aveva ricordato Orban in un suo discorso alla radio pochi giorni prima, così che se si mettono in pericolo le frontiere dell’Ungheria questo riguarda l’Europa ed ha sottolineato che, se l’Ungheria non svolgesse questo compito, metterebbe a rischio anche la Germania e l’Astria.  Budapest assolve il compito di difendere le sue frontiere, al contrario di quello che sta facendo l’Italia che lascia entrare centinaia di migranti dall’Africa per farne poi un business per le mafie e per i trafficanti.

Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk aveva inviato un rapporto ai vari  premier europei segnalando che l’immigrazione illegale verso l’Italia nell’ultimo anno era aumentata del 26 % rispetto all’anno precedente e che occorreva una azione comune da parte del paesi della UE.

Qualcuno dei leaders dei paesi dell’Est Europeo, come il presidente  della repubblica Ceka, Milos Zeman, aveva risposto che, se  l’Italia e altri paesi volevano accogliere milioni di migranti africani senza alcun diritto di asilo per metterli a carico delle casse europee, questo rappresenta un problema esclusivo dell’Italia  e di quei paesi che vogliono attuare questa politica sconsiderata e non riguarda i paesi che vogliono difendere le proprie frontiere e mantenere la propria stabilità sociale.

Il premier italiano Gentiloni ha fatto finta di non aver sentito le dure parole di critica dei leaders dei paesi dell’Est europeo, convinto di dover comunque uniformarsi alle direttive di Bruxelles, come migliore polizza per assicurare la durata del suo Governo.

Fonti: La Gaceta.es

RT.com

Traduzione e sintesi:  L.Lago

*

code

  1. Tania 3 mesi fa

    “al contrario di quello che sta facendo l’Italia che lascia entrare centinaia di migranti dall’Africa per farne poi un business per le mafie e per i trafficanti.“

    VEROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele Simonazzi 3 mesi fa

    Ai nostri” padroni”non interessa l’europa dell’est ex comunista povera ,’ vogliono l’europa occidentale dove c’e’ ll cristianesimo dove c’e il Papa e dove vi sono ancora idee fasciste che serpeggiano,questi infami sanno che LA rivolta puo’ partire solo da noi ,LA francia,e LA germania ,e’ gia successo una Volta non sono mica stupidi ,gli immigrati sono un alibi del momento le tentano tutte pur di far cadere questi 3 popoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emilio Bertetto 3 mesi fa

    Agli Ungheresi tutti il rispetto.
    Italiani conigli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 3 mesi fa

      Volevo dirlo io, lo trovo scritto, concordo!
      In più aggiungo : traditori da DNA… (Non tutti, solo la maggioranza degli italiani)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 3 mesi fa

        Ci sono gli italiani e gli itaGliani, i secondi sono la feccia ottusa che pensa di aver capito tutto perché il pensiero unico ora dice che siamo tutti di “sinistra”…
        Adesso essere di “sinistra” fa tendenza, cosa significano i risultati di questa porcata galattica siccome gli itaGliani sono fondamentalmente ignari di essere dei dementi telecomandati, non se ne rendono conto, me ne potrei pure strafregare se non fosse che ci andiamo di mezzo tutti!!!!!!!
        E io sono di sinistra da DNA, di quelle vere, non con il paraocchi, io VEDO, e purtroppo vedo che i movimenti nazionalisti sono la nostra salvezza, roba che me l’ avessero detto 20 anni fa sarei inorridita.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. leopardo 3 mesi fa

          ” I movimenti nazionalisti sono la nostra salvezza”. Hai detto una gran veritá.
          Noi possiamo salvarci solo fuori da questa europa, recuperando la nostra
          sovranitá e la nostra lira. Produrre italiano e consumare italiano. Dunque dazi
          per tutti i prodotti che competono con quelli italiani, soprattutto sulla porcheria
          cinese. E poi, importantissimo, import-export solo a livello di baratto, cioé
          scambiare beni e servizi solo con altri beni e servizi, eliminando l´intervento
          monetario ossia delle banche rapinatrici. E´quello che ha fatto Hitler e che
          ha fatto decollare l´economia tedesca, al punto che i giudei, ancora prima che
          iniziasse la guerra, avevano decretato di boicottare tutti i prodotti tedeschi,
          dopo di che, i loro capitalisti cosí come i loro bolscevichi, ossia i vertici del
          comunismo russo, hanno indotto la Germania alla guerra difficilissima da vincere
          contro il mondo intero, soprattutto con una frana di “alleato” come l´italietta.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele Simonazzi 3 mesi fa

    Sentivo sul web degli ex reduci para’ Della folgare( inno dei para Della folgore fasc.su internet belliss)che dicevono di aver tenuto a el -Alamein fino in ultimo erano I tedeschi che hanno ceduto percio mai credere alle TV e alla stampa di regime giudeocratica,e’ il suo lavoro screditare e avvilire gli spiriti degli Italiani xche’ gli schiavi si sentano deboli.Se Orban abbassa gli stipendi ,gli ungheresi fanno LA fame e’ per quello che non vuole altri schiavi gli bastano quello che gia ha,c’e’ tanto caldo in Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 mesi fa

      Micron e’ solo un fighetto messo li’ per il suo bel visino e presto se ne renderanno tutti conto.Ecco cosa succede a dare cittadinanza facile e diritto di voto a corpi estranei alla societa’ di appartenenza.Tutti i giorni spulcio i giornali per vedere se in un qualsiasi villaggio pakistano e’ stato eletto un sindaco londinese,o se il governo nigeriano mi volesse offrire una vacanza pagata comprensiva di vitto alloggio e pocket money,ma niente,maledizione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 3 mesi fa

        Campa cavallo che l’erba cresce!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace