Oltre 50 morti e numerosi feriti dopo il nuovo bombardamento israeliano su un campo profughi nella Striscia di Gaza


L’agenzia palestinese WAFA riferisce che la maggior parte delle vittime sono donne e bambini
Sabato scorso, aerei israeliani hanno bombardato il campo profughi di Al-Maghazi, nel centro della Striscia di Gaza, uccidendo almeno 51 civili e ferendone dozzine. La maggior parte delle vittime sono bambini e donne, riferisce l’agenzia WAFA.

ATTENZIONE: LE SEGUENTI IMMAGINI POSSONO FERIRE LA VOSTRA SENSIBILITÀ:

Inoltre, secondo i corrispondenti dei media, Israele ha effettuato attacchi aerei contro i quartieri occidentali e settentrionali di Gaza, utilizzando munizioni al fosforo bianco, sebbene il diritto internazionale umanitario proibisca di lanciare tali munizioni contro aree civili popolate, infrastrutture civili o nelle loro vicinanze.

All’inizio di questa settimana, le Forze di Difesa Israeliane (IDF) hanno attaccato il campo profughi di Jabalia. L’attacco ha causato il crollo di diversi edifici e, secondo diverse stime, è costato la vita tra le 50 e le 100 persone e ha lasciato diverse centinaia di feriti. Il giorno dopo si è verificato un nuovo attacco contro il sito, che ha causato anche la morte di decine di civili.

Risultati del bombardamento sul campo profughi


Il movimento palestinese Hamas ha affermato che almeno 195 palestinesi sono stati uccisi nei due attacchi israeliani a Jabalia. Ha aggiunto che circa 120 persone risultano ancora disperse sotto le macerie e che almeno 777 sono rimaste ferite.

Allo stesso modo, le truppe israeliane hanno bombardato questo venerdì una scuola situata nel nord dell’enclave palestinese e appartenente all’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA), che ospita migliaia di palestinesi sfollati. Questo ha lasciato più di 20 palestinesi morti e decine di feriti.

Nota: Le forze israeliane, non riuscendo ad avanzare all’interno della striscia (stanno subendo perdite), si accaniscono contro la popolazione civile.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “Oltre 50 morti e numerosi feriti dopo il nuovo bombardamento israeliano su un campo profughi nella Striscia di Gaza

  1. Ieri i sionisti in sucessione hanno bombardato un convoglio di ambulanze, una scuola piena di profughi e l’università al Azher con annessa moschea, uccidendo centinaia di persone, perlopiù bambini.
    I sauditi hanno intercettato un missile lanciato dagli yemeniti sull’entità sionista, e il principe saudita Abdulrahman bin Mosaad ha attaccato Hezbollah affermando che l’Asse della Resistenza non esiste.
    La Cina sbaglia a sostenere il regime saudita, mentre la sfiatata potenza USA manda le navi e gli aerei dei suoi vassalli Canada e Filippine a farle il solletico perchè gli USA non hanno più niente che voli e stia a galla, anche se pare che la vecchia porterei Eisenhower del 1977 sia entrata nel Mar Rosso forse per andare a bombardare lo Yemen, i vecchi vassalli degli USA le remano contro in Medio Oriente.
    Meglio consegnare le risorse petrolifere del Golfo ai popoli sciiti, distruggendo le monarchie wahabite come i sauditi, il Qatar e Abu Dhabi.

  2. Per ammazzare vecchi, donne e bambini i sionisti hanno anche bisogno dell’appoggio delle portaerei degli USA ; gli Stati Uniti con ”circoletti” come Trilateral, Bildenberg sono il cancro del mondo ; Dio maledica l’America.
    E Putin e Xi contrapponendosi al ”cancro” meritano rispetto e gratitudine.

  3. “UHm…mi piace l’ odore delle bombe sui campi profughi la mattina”. Vuoi mettere la soddisfazione di bombardare con aerei di 5^ generazione un campo profughi? Bombe da 1.000 kg al posto di aiuti umanitari? Agli anglo – israeliani (supportati dall’ Occidente) piace così. Evidentemente rende machi…pardon, rende omosex, gender e purtroppo per loro senza DIO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM