Oltre 3mila morti per il terremoto in Siria… e Guterres: non è più lecito applicare sanzioni



Sale a 3.162 il bilancio delle vittime in Siria a causa del terremoto, e la portavoce della Croce Rossa Internazionale conferma che le sanzioni ostacolano il lavoro umanitario in Siria.
Il bilancio delle vittime in Siria, a seguito del terremoto, è salito a 3.162, con decine di migliaia di feriti, mentre continuano le operazioni di ricerca e soccorso.

Il corrispondente di Al- Mayadeen a Lattakia ha riferito che le operazioni di rimozione delle macerie nella città di Jableh e dintorni sono continuate senza sosta da lunedì scorso, in mezzo a una grande carenza di capacità, confermando che un certo numero di corpi sono stati recuperati oggi da sotto le macerie.

Nella città di Aleppo e dintorni, gravemente colpita dal terremoto, continuano le operazioni di ricerca e soccorso e rimozione delle macerie, con squadre di soccorso provenienti da paesi amici della Siria che sono arrivate all’aeroporto della città negli ultimi due giorni.

Con il passare di oltre 72 ore dal terremoto, le possibilità di recuperare i sopravvissuti da sotto le macerie degli edifici hanno iniziato a diminuire, ma non sono scomparse, poiché le squadre di soccorso sono riuscite a estrarre vivi da sotto le macerie diversi sopravvissuti, tra cui bambini.
Due edifici che rappresentano una minaccia per la sicurezza pubblica sono stati rimossi nel quartiere di Al-Maysar e sono in corso lavori per rimuovere altri due edifici nel quartiere di Al-Salihin, il che indica anche che la ricerca si è conclusa con 50 edifici crollati e il lavoro e la ricerca sono in corso nei restanti 4 edifici.

La Croce Rossa chiede una soluzione a lungo termine alla crisi

In tale contesto, Iman Trabelsi, portavoce regionale del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR), ha invitato “il mondo a riavvicinarsi alla crisi umanitaria in Siria” e ha invitato a “trovare soluzioni radicali a lungo termine, in particolare a livello di protezione e riabilitazione delle infrastrutture”, rilevando “l’effetto paralizzante delle sanzioni” e il suo impatto sui cittadini siriani.

Trabelsi ha detto a Sputnik: “Oggi vediamo che la cosa più importante, oltre ai bisogni immediati, come cibo, acqua, salute, salvare i feriti e gli ospedali, è che le soluzioni devono essere radicali”.

E ha proseguito: “Le soluzioni radicali da parte degli attori umanitari non avvengono se non abbiamo la capacità di fornire soccorsi immediati, ma abbiamo anche la capacità e la capacità di presentare progetti a lungo termine, soprattutto a livello di protezione delle infrastrutture di base o riabilitazione l’infrastruttura di base.” .
Una portavoce della Croce Rossa internazionale ha confermato: “Oggi, dopo 12 anni di conflitto, i siriani non hanno solo bisogno che portiamo loro una scatola di cibo o materiale per cucire, hanno bisogno di fogne, acqua, elettricità, riabilitazione e strade”.

Traboulsi ha dichiarato: “Sebbene questo disastro naturale sia un evento molto triste, è un’opportunità per il mondo di reindirizzare la sua attenzione e guardare alla crisi umanitaria in Siria”.

Ha anche sottolineato: “Questo evento peggiora le cose, e vediamo che le sanzioni colpiscono soprattutto i cittadini siriani per l’impossibilità di accedere ai servizi più semplici, e questo era presente anche prima del terremoto”.

Fonte: Al-Mayadeen Net + agenzie

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM