Oltre 240 rifugiati uccisi al confine, ha riferito un soldato polacco fuggitivo


Il soldato polacco Chechko, fuggito in Bielorussia, ha raccontato al Regno Unito degli omicidi di oltre 240 rifugiati
MINSK, 12 gennaio – RIA Novosti. L’esercito polacco ha ucciso oltre 240 migranti al confine. Emil Chechko, un soldato che ha chiesto asilo politico, ne ha parlato al Comitato investigativo bielorusso .
“Durante le indagini sul procedimento penale, Emil Chechko ha affermato che dall’8 giugno 2021, insieme ai suoi colleghi, ha preso parte a omicidi organizzati nella striscia di confine e vicino al villaggio di Semyanówka. Secondo il militare, lui stesso è al corrente dell’ l’omicidio di oltre 240 persone”, il messaggio del dipartimento.

Chechko è stato arrestato il 16 dicembre nella zona di confine. Ha chiesto asilo politico a Minsk “in connessione con il disaccordo con l’attuale politica della Polonia in merito alla crisi migratoria e alla pratica del trattamento disumano dei rifugiati”. L’uomo ha accusato Varsavia di uccisioni sistematiche di migranti disarmati e di due volontari e ha anche ammesso di essere stato costretto a sparare ai rifugiati. Le autorità polacche lo hanno accusato di diserzione e lo hanno inserito nella lista dei ricercati. Rischia fino a dieci anni di carcere.
In estate, al confine della Bielorussia con la Polonia e i paesi baltici, è aumentato il flusso di profughi dal Medio Oriente e dall’Africa che cercano di sfondare verso l’Europa occidentale . La situazione è peggiorata all’inizio di novembre, quando circa duemila persone si sono radunate presso il filo di sbarramento. Le forze di sicurezza polacche hanno sventato diversi tentativi di entrata, anche con l’uso di gas lacrimogeni; i clandestini hanno allestito un campo spontaneo. Le guardie di frontiera bielorusse hanno ripetutamente denunciato l’espulsione forzata di migranti da parte di Lituania , Polonia e Lettonia nel territorio della repubblica.

Disertore polacco racconta della sua esperienza alla frontiera Bielorussa

I paesi occidentali incolpano i bielorussi per quello che sta succedendo, Minsk nega tutte le accuse. Il presidente Alexander Lukashenko ha avvertito che il Paese non bloccherà più il flusso di persone: a causa delle sanzioni occidentali, “non ci sono soldi né energia per questo”.
In Bielorussia è stato predisposto un centro di trasporto e logistica per accogliere i migranti, situato non lontano dal posto di frontiera. Alcuni dei rifugiati tornano in patria sia con voli di evacuazione che su base individuale. Secondo i dati ufficiali, alla fine dello scorso anno nel campo erano rimasti circa 600 profughi.

Nota: A proposito di questa strage di migranti, in prevalenza donne e bambini, bloccati nella gelida foresta al confine tra Bielorussia e Polonia, da notare che la UE non ha sollevato alcuna obiezione circa la violazione dei diritti umani. Questo al contrario di quanto accade con i migranti nel Mediterraneo che l’Italia è obbligata a salvare per non incorrere nelle ire degli eurocrati di Bruxelles. Si vede che i polacchi e i lituani godono di una speciale esonerazione che gli consente di aprire il fuoco contro persone inermi. I paesi del nord si sa che sono diversi dai paesi del Mediterraneo e non si fanno molti scrupoli.

Ria Novosti.ru

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM