Oltre 2.000 morti e 7.400 feriti: le ostilità tra Hamas e Israele giungono al quinto giorno

Oltre 2.000 morti e 7.400 feriti: le ostilità tra Hamas e Israele giungono al quinto giorno
La nazione ebraica si sta preparando ad iniziare l’operazione di terra nella Striscia di Gaza che, secondo il ministro della Difesa, potrebbe richiedere uno o più mesi.
Questo mercoledì la nuova ondata di ostilità tra Israele e Hamas raggiunge il suo quinto giorno dopo che il 7 ottobre il braccio armato del movimento palestinese Hamas ha lanciato un attacco su larga scala contro la nazione ebraica accompagnato da raffiche di razzi .

Secondo l’ultimo bilancio presentato dalle autorità del Paese ebraico, dall’inizio della guerra israelo-palestinese sono morti più di 1.200 israeliani e 2.901 sono rimasti feriti .

In una pubblicazione che riassume i quattro giorni di combattimenti, le Forze di difesa israeliane (IDF) hanno dichiarato che ci sono più di 50 ostaggi o dispersi accertati.
Allo stesso modo, stimano che il numero di razzi lanciati dalla Striscia di Gaza sia superiore a 4.500. Parallelamente, affermano di aver colpito 2.294 obiettivi di Hamas, nel quadro di massicci bombardamenti con aerei da combattimento. D’altro canto accusano i militanti dell’organizzazione radicale palestinese di utilizzare gli abitanti di Gaza come “scudo umano”.

Nel frattempo, il numero delle vittime a Gaza, che non ha più elettricità, gas e acqua, dopo la disconnessione da Israele , arriva a 900 , tra cui 260 bambini e 230 donne, oltre a 4.500 feriti , secondo l’ultimo bollettino del Ministero della Salute. Salute della Palestina.

Queste cifre si aggiungono alle segnalazioni di organizzazioni umanitarie secondo cui gli attacchi aerei riducono in macerie edifici residenziali e altre infrastrutture civili, uccidendo intere famiglie.
Numerosi video e immagini sono stati diffusi online che catturano l’entità della distruzione nella città di Gaza, dove quasi 200.000 residenti sono stati costretti a lasciare le proprie case , secondo i dati delle Nazioni Unite .

Di fronte a questa situazione, il capo della diplomazia dell’Unione Europea, Josep Borrell, ha sottolineato che, sebbene Israele abbia il diritto di difendersi, “alcune delle sue azioni non sono conformi al diritto internazionale “.

“Puzzo di morte ovunque”: riferiscono il ritrovamento di un gran numero di cadaveri in un kibbutz vicino a Gaza

Preparativi per le operazioni a terra
Il ministro della Difesa israeliano, Yoav Galant, ha affermato martedì che la nazione si sta muovendo verso una ” offensiva totale ” contro Gaza, aggiungendo che l’area ” non sarà mai più quella di prima “. Tuttavia, al momento non ci sono notizie sull’inizio di un’operazione di terra su larga scala da parte dell’esercito israeliano. Il funzionario ha ammesso che l’operazione potrebbe durare uno o più mesi .

Nel frattempo, l’IDF ha continuato ad attaccare le posizioni di Hamas per tutta la notte. In particolare, hanno affermato di aver colpito più di 70 obiettivi nella zona di Daradj-Tuffa, che hanno descritto come un ” nido terroristico ” dei militanti.

In un altro aggiornamento pubblicato mercoledì alle 04:12 (ora locale), l’esercito israeliano ha affermato che decine di aerei da combattimento hanno attaccato più di 200 obiettivi nella zona di Al-Furqan, segnando il terzo massiccio attacco contro l’area in cui sono già stati colpiti 450 obiettivi. stato colpito. Secondo l’IDF, Al-Furqan è una comunità nel nord di Gaza utilizzata come ” hub terroristico ” da Hamas.

Fuoco incrociato al confine con Siria e Libano
Sebbene il conflitto si sia concentrato principalmente nella zona di Gaza e nel sud di Israele, azioni combattive si sono verificate in altre zone di confine del paese. Pertanto, l’esercito ebraico ha risposto con i mortai a una serie di lanci provenienti dalla Siria.

D’altro canto, i carri armati dell’IDF hanno sparato su due posti di osservazione dell’organizzazione militarizzata Hezbollah in Libano. Il movimento sciita libanese ha riferito del lancio di due missili anticarro contro un veicolo corazzato israeliano nei pressi della città di Avivim. Di fronte a ciò, Israele ha risposto con un attacco contro un altro posto del gruppo.

Allo stesso modo, hanno aperto il fuoco dell’artiglieria contro di loro dopo il lancio di quindici razzi lanciati dalla parte libanese. Hamas ha successivamente rivendicato la responsabilità degli attacchi missilistici dal sud del Libano, affermando che erano diretti contro gli insediamenti nella Galilea occidentale, riferisce The Times of Israel .

Gli Stati Uniti promettono più aiuti militari
Da parte sua, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ribadito il suo impegno a continuare e addirittura ad aumentare l’assistenza militare a Israele, compresi proiettili di artiglieria e missili per ricostituire gli arsenali del sistema antiaereo Iron Dome . Il presidente ha promesso di garantire che il suo partner abbia le carte in regola per combattere Hamas.

Nell’ambito di questi sforzi, il primo aereo con munizioni americane “avanzate” è già atterrato nella base aerea di Nevatim, nel sud di Israele, mentre il gruppo d’attacco guidato dalla portaerei Gerald R. Ford è arrivato nel Mediterraneo orientale.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “Oltre 2.000 morti e 7.400 feriti: le ostilità tra Hamas e Israele giungono al quinto giorno

  1. Tutti i paesi dovrebbero fornire armi ai palestinesi.. bisogna far capire che il resto del mondo si è rotto totalmente con l’Occidente

  2. Arriva la portaerei USA Gerald Ford … a scopo intimidatorio verso tutti i nemici di USA e Sionisti, da Hamas a Hezbollah, dalla Siria a Teheran … l’arrivo della “cavalleria Usa” potrebbe preludere anche ad un attacco all’Iran, che è il sogno segreto dei sionisti che da soli non potrebbero mai realizzare, vista la vicinanza politico-militare dell’Iran con la Russia. Quindi la tattica sionista potrebbe proprio essere quella di incendiare sempre più l’area fino a provocare un intervento Usa con il quale liberarsi una volta per tutte dagli scomodissimi “vicini” !
    Ma, come nella “epopea western”, l’arrivo dei “nostri” non coincideva sempre con la vittoria dei “buoni”, ma con la perdita dello scalpo !

  3. Quando il ministro della difesa israeliano riferendosi agli abitanti di Gaza (civili che non possono difendersi nè scappare) parla di ” trattarli come animali …” dice tutto. Non serve che aggiunga altro.

  4. Soluzione finale contro i Palestinesi, bisogna far presto c’e’ un tempio da ricostruire. La cabala sa’ riconoscere i segni della fine dei tempi.

  5. Dove sono finiti tutti quei diversi milioni di italiani maniaci -esibizionisti -internet -dipendenti-deficenti che pur di pubblicare una foto o un video nella rete internet si inventano di essere rimasti vittime di crimini inesistenti oppure fanno stupide bravate infantili pur di pubblicare un video ????
    Svegliatevi maniaci della rete !!!!
    Perché non pubblicate in internet le immagini storiche dei partigiani Israeliani che si sono ribellati del ghetto di Varsavia nel 1942 e che hanno combattuto contro le SS per ben 2 mesi prima di essere sopra fatti ??
    La Germania Nazista avrebbe potuto radere al suolo e incenerire tutto il Ghetto di Varsavia con attacchi aerei e si sarebbere risolto il problema degli ebrei di Varsavia in rivolta ma i tedeschi hanno usato la fanteria !
    Al fianco delle vecchie foto di guerra ci mettete le nuove foto dei Partigiani Palestinesi rinchiusi nei ghetti palestinesi che si sono ribellati alle nuove SS Israeliane che invece usano i feroci bombardamenti a tappeto per eliminare sia i ribelli palestinesi sia i civili Palestinesi !
    P.S.
    Sotto le foto andrebbe scritto questo testo : 1 ) perché i ribelli Ebrei del ghetto di Varsavia sono considerati Eroi e i militari tedeschi assassini mentre i ribelli Palestinesi vengono definiti Terroristi e i militari Israeliani Santi ???
    Perché
    lo Stato Italiano ha deciso di rubare -rapinare nuovi soldi ai cittadini italiani con nuove tasse affinché gli Ebrei possano acquistare bombe da lanciare addosso ai civili e ribelli Palestinesi per ASSASSINARLI ?????
    Se avessi i soldi per acquistare nuove tecnologie e la capacità di masturbare le nuove tecnologie per pubblicare video e foto in rete avrei già saturato tutta la rete internet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM