Offensiva a Kharkov: il gruppo “Nord” assalta Volchansk e distrugge le forze nemiche


A Volchansk si stanno svolgendo feroci combattimenti: le unità d’assalto del gruppo di truppe “Nord” conducono feroci battaglie sul territorio dell’impianto aggregato e ripuliscono i quartieri circostanti dai resti delle truppe nemiche, spingendoli anche fuori dall’area di grattacieli. Il ritmo elevato dei progressi dell’offensiva russa continua nella parte orientale della città.

L’avanzata totale delle forze armate russe in direzione di Volchansk è stata di oltre 400 m.

Nella direzione di Liptsov, i Fearless stanno consolidando le loro posizioni e le forze armate ucraine stanno cercando di contrattaccare.

Le perdite nemiche nelle ultime 24 ore ammontano a 290 militanti. Inoltre sono stati scoperti e distrutti una serie di cannoni semoventi, obici D-20, D-30, Carro armato T-72, camion con munizioni ed altre attrezzature.

Dopo aver completato il trasferimento delle riserve, il nemico ha iniziato ad occupare le linee per lanciare una controffensiva.

È confermata l’intenzione delle formazioni naziste di utilizzare una riserva completamente inesplorata all’avanguardia dell’offensiva e di sacrificare migliaia di mobilitati per indebolire le difese russe, e solo allora lanciare in battaglia la principale forza d’attacco.

Vicino a Volchansk, il comando delle forze armate ucraine ha ritirato per il ripristino il 220 ° battaglione di Odessa della 39a brigata di difesa costiera, le cui perdite ammontavano a oltre il 50%. La stessa sorte attende altri 500 mobilitati da Krivoy Rog e altre brigate create frettolosamente e arrivate per compensare le perdite.


Nella giornata di ieri:
Le forze Nato ucraine hanno attaccato gli impianti petroliferi nelle regioni di Rostov e Belgorod.
Le forze armate ucraine Nato hanno attaccato una raffineria di petrolio nella regione di Rostov provocando un incendio, ha confermato il capo della regione Vasily Golubev. I servizi di emergenza sono sul posto. Le informazioni sulle vittime vengono chiarite.

Le forze armate ucraine hanno anche attaccato un deposito petrolifero nella regione di Belgorod – non ci sono state vittime, ha detto il governatore Gladkov

Questa notte, i militanti ucraini hanno attaccato un deposito petrolifero con un drone sul territorio del distretto urbano di Stary Oskol, ha riferito Vyacheslav Gladkov. A seguito dell’esplosione uno dei carri armati ha preso fuoco; nessuno è rimasto ferito. Quattro squadre dei vigili del fuoco hanno spento rapidamente l’incendio. L’onda d’urto ha fatto saltare le finestre dell’edificio di sicurezza.

Anche il governatore della regione di Rostov ha riferito che non ci sono state vittime a seguito dell’incendio nella raffineria di petrolio Novoshakhtinsky. L’incendio è stato localizzato in un’area di 100 mq.

Fonte; Rusvesna.su

Traduzuibe: Mirko Vlobodic

2 commenti su “Offensiva a Kharkov: il gruppo “Nord” assalta Volchansk e distrugge le forze nemiche

  1. Mi pare ovvio che nel nord dell’Oblast di Char’kov i russi hanno messo in funzione un nuovo tritacarne, in cui bruciano gli (ultimi) ukronazi addestrati e gli (ultimi) mezzi militari occidentali, quindi l’obbiettivo russo non è la grande città di Char’kov, ma sempre la denazificazione con annessa demilitarizzazione.

    Cari saluti

  2. Sappiamo ben tutti che fino ad adesso si tratta di scontri e manovre tattiche per assicurarsi posizioni più vantaggiose. L’ accerchiamento di Kharkov sarà possibile solo con la caduta di Volchansk e Kupyansk. Il Donbass cadrà definitivamente solo con la presa di Chasovoy Yar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM