Obiettivo Odessa

di Andrea Marcigliano

Uno spettro si profila sempre più spesso nei discorsi dei politici occidentali: la conquista di Kiev da parte dei russi. I russi hanno prima conquistato Kiev. Da lì, si sono diffusi in tutta l’Ucraina. Poi si avventano come predatori sui paesi baltici e sugli altri membri della NATO.

Parlavo di politici… e la loro corte di nani e ballerine – per citare la vecchia battuta di Formica – giornalisti, analisti, geopolitici da poltrona…

Tranne, salvo rarissime eccezioni, i militari. Che sanno benissimo che una tale ipotesi, o un tale spettro, è totalmente assurdo.

Ma questo non perché la Russia non abbia la forza necessaria. Se volesse, potrebbe raggiungere Kiev e oltre, visto anche l’evidente collasso dell’esercito ucraino.

Per quanto riguarda i paesi baltici, che fanno rumore e minacciano di inviare truppe al fronte, potrebbe occuparli tutti e tre nel giro di una settimana. Riposando il settimo giorno.

Ma l’assurdità di questo teorema è del tutto politica.

Mosca non ha mai avuto l’obiettivo di occupare Kiev e tutta l’Ucraina. Non ha alcun interesse a portare sotto il suo controllo un paese povero e devastato, che non sarebbe altro che un onere finanziario. Per non parlare dei rischi di turbolenze persistenti.

Il suo primo obiettivo era quello di riconquistare il Donbass. Dopo la Crimea. Un obiettivo che è già stato raggiunto, in gran parte.

In secondo luogo, fare dell’Ucraina un paese neutrale. Non controllato da Washington come lo era dopo la rivoluzione di piazza Maidan. Su questo punto, Victoria Nuland potrebbe dirci molto.

E questo è ancora lontano dall’essere il caso.

Perché la NATO è ovviamente pronta a far massacrare tutti gli ucraini pur di non cedere. E il burattino Zelensky sa benissimo che in caso di colloqui di pace, la sua testa sarebbe la prima sul ceppo. Metaforicamente… e non solo.

Odessa sotto il fuoco incrociato

Da qui l’attuale impasse. Perché Mosca ha davvero vinto militarmente. Ma non può raggiungere il suo obiettivo politico.

A questo punto, non può che mettere gli occhi su Odessa.

La città che si affaccia sul Mar Nero non era uno degli obiettivi iniziali dell’operazione speciale.

Sebbene il 40% della popolazione sia russa – e, nonostante la politica di Kiev, l’89% degli abitanti parli generalmente russo – Odessa è una città cosmopolita, a lungo ambita dalla Romania, e popolata da molti gruppi etnici e linguistici diversi.

Per molti aspetti una città italiana, visto che furono i mercanti genovesi a darle la sua forma urbanistica alla fine del Settecento.

Un porto franco. Oggi in forte declino, anche a causa delle politiche nazionaliste e centraliste di Kiev.

Il Cremlino non aveva un particolare interesse per la città del Mar Nero.

Ma in questa situazione, Odessa è diventato il nuovo bersaglio preferito.

Inevitabilmente, perché la cattura di Odessa chiuderebbe tutti gli accessi marittimi all’Ucraina. E controllerebbe totalmente il commercio. In particolare, l’esportazione di cereali. L’economia ucraina, dissanguata, dipende in gran parte da questo.

Questo renderebbe inoltre estremamente difficile l’accesso al Mar Nero per le navi della NATO. Che, vista anche l’attuale posizione di Ankara, non poteva che contare sul sicuro appoggio dei porti bulgari e rumeni. Nessuno di loro è paragonabile a Odessa.

Un grande successo strategico.

Al di là delle chiacchiere, quello che possiamo aspettarci nei prossimi tre mesi è un’offensiva russa verso il Mar Nero. Un rischio di cui i comandi militari della NATO sono certamente consapevoli. Consapevoli… ma impotenti. Perché le cancellerie del cosiddetto Occidente collettivo continuano a guardare dall’altra parte. Probabilmente accecato dalle paure di lituani, estoni, polacchi…

Fonte: Electomagazine

6 commenti su “Obiettivo Odessa

  1. Fino a un certo punto però. Tantissime profezie (per chi ci crede)sia Mariane che di vari beati e la stessa Madonna di Anguera e soprattutto il contadino tedesco Alois Irlmaier (ha descritto la terza guerra che vedeva in modo molto dettagliato), dicevano chiaramente che la Russia stupiva il mondo, marciando fulminea sull’Europa improvvisamente, a seguito dell’assassinio di un importante leader politico in occidente. Quest’anno è un anno con elezioni praticamente in mezzo mondo, e hanno già attentato al ministro slovacco, al presidente dell’Iran, e chissà ancora a chi. Non bisogna fidarsi mai di nessuno al potere, perché storta o dritta, le potenze sono ora dominate dal male (massoneria, satanisti,lobby pedofile ecc). “L’orso feroce si alleerà con il leone e il Drago e porterà sofferenza in tanti paesi europei”. Per chi ci crede ovviamente, ma eclissi ed aurore sono tutti avvertimenti, politica a parte!

  2. Le profezie non hanno quasi mai azzeccato niente. Sono le nostre menti a traslarci quello che vogliamo vedere e sperare. L’ analisi dell’ autore è e’ caotica e poco logica, soprattutto il passaggio sull’ Ucraina povera. Forse non sa’ bene di che parla. A risorse naturali l’ Ucraina è una delle nazioni più ricche AL MONDO, e conviene ai russi riconquistarsela e ricostruirsela. Altroché. Altrimenti le ingerenze americane ed UE non avrebbero senso. Avere Kiev nella Nato e nella UE, indebolirebbe la F.R. non poco. E soprattutto, a mio avviso i russi non hanno scelta. Vogliono sicurezza sui propri confini? L’ Ucraina non può stare nella Nato. Ragionamento banale e puerile. Devono occuparla militarmente, come farebbero i NaziUsa sionisti, creando di nuovo una Grande Russia. Ed Odessa è vitale per questo. Al posto loro l’ avevo già attaccata da un pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM