"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Nuovo bombardamento della coalizione USA sulle forze siriane tra Homs e Deir Ezzor

Gli aerei della coalizione guidata dagli Stati Uniti hanno effettuato un nuovo attacco contro le forze governative siriane nella zona desertica di Homs-Deir Ezzor la scorsa notte, hanno riferito i media statali siriani e l’agenzia media di Hezbollah in Siria.

Secondo i rapporti, i bombardamenti hanno preso di mira le posizioni delle forze filogovernative nei pressi di al-Bukamal, al-Mayadin e la stazione di pompaggio del T2.

I media statali siriani hanno sottolineato che i bombardamenti si sono verificati nel corso dei continui attacchi dell’ISIS contro le posizioni governative nei pressi dell’area desertica. I bombardamenti miravano chiaramente a favorire l’offensiva dell’ISIS contro l’Esercito siriano.

Il capitano Bill Urban, un portavoce del Comando centrale degli Stati Uniti, ha negato qualsiasi conoscenza del suo comando su questi attacchi aerei, secondo la Reuters.

“Non abbiamo alcuna segnalazione operativa di un attacco della coalizione a guida Usa contro obiettivi o forze pro-siriane del regime”, ha detto il Capitano Urban.

Nella coalizione a guida USA sono presenti forze aeree del Regno Unito, della Francia, dell’Arabia Saudita oltre a Bahrein, Giordania,  Emirati Arabi Uniti e Canada.

Nota: Non è chiaro quindi quali forze abbiano bombardato le truppe siriane ma una cosa è certa: la coalizione a guida USA si trova in Siria non con l’obiettivo di combattere l’ISIS (che risulta ormai sconfitto ed in fuga) ma per occupare una parte del territorio siriano e favorire i gruppi terroristi che operano per rovesciare il Governo di Damasco. D’altra parte i continui ritrovamenti di armi della NATO nei depositi abbandonati dai terroristi, confermano questo e dimostrano lo scoperto doppio gioco delle forze occidentali in Siria.

*

code

  1. Manente 3 mesi fa

    Visto che gli americani negano, alla prossima aggressione basta abbattere gli aerei, poi si vedrà se ci sarà qualcuno che avrà qualcosa da ridire !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      Vero, Manente ! La Russia dia, una buona volta, un po’ di S300 ai siriani, cosi’ abbattuto qualche aereo, si vedra’ a chi appartiene !
      Gia’ ma Putin sta saggiando i meccanismi mentali di Usa ed Israele, quindi ancora non gli e’ chiaro cosa frulla nelle loro teste…
      O forse finge di non capire , aspettando che “la venga bona” ?
      Noi qui fremiamo impazienti di vedere la spazzatura mondiale eliminata e fatta a pezzi, mentre in Russia ,invece, sono + calmi !
      Aspettando cosa, non si sa !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Riki 3 mesi fa

        aspettano godot

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Anonimo 3 mesi fa

    Provocazioni meschine, la Russia dovrebbe reagire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Anonimo 3 mesi fa

    Solita minestra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. La soluzione 3 mesi fa

    Solita minestra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. amadeus 3 mesi fa

    bisogna essere determinati a incominciare a abbattere questi intrusi con i missili altrimenti sarà una guerra infinita, i Siriani si indeboliranno sempre più e loro li prenderanno per deterioramento fisico e mentale, perché l’esercito siriano sono sempre gli stessi, loro invece immetteranno sempre forze fresche in questa guerra, e prima o poi i siriani cadranno, la coalizione mira a una guerra di logoramento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 3 mesi fa

      Concordo Amadeus ! Infatti i russi stanno facendo , come scrissi tempo fa, un errore strategico e tattico enorme !
      Attendere non e’ atteggiamento ne’ razionale ne’ militarmente valido e la “contenzione” del nemico porta ad un logoramento e perdita dei territori conquistati.
      Altro errore strategico enorme fu instaurare una “forza d’interposizione” che garanti’ ai terroristi l’uscita indenni dalle citta’ della Siria, per farli arrivare lontano !
      Assurdo ! Per ritrovarseli faccia a faccia da un’altra parte !
      Mancanza di logica e di esperienza di guerra reale. Hanno fatto solo l’esperienza di guerra contro la Germania nella 2 Guerra ed un attacco a sorpresa contro il Giappone , negli ultimi mesi, per prendersi delle isole a nord.
      Esperienza di guerre di conquista: zero !

      Rispondi Mi piace Non mi piace