Nuove sanzioni statunitensi contro la Cina: il confronto globale è entrato in una nuova fase?


di Bruno Bertez .

Così, ad ottobre, l’amministrazione Biden ha annunciato le restrizioni più significative della storia alla fornitura di semiconduttori e apparecchiature per la produzione di tutti i tipi di chip elettronici in Cina.

Si tratta, infatti, di un nuovo “passo” nel confronto globale tra queste due superpotenze: niente di simile è mai accaduto prima nella storia dei due Paesi.

Gli americani vietano il commercio di semiconduttori e apparecchiature con la Cina senza un’autorizzazione speciale, così come la fornitura di tecnologie americane alla Cina. Questo è essenzialmente un nuovo round della “guerra” di Trump con Huawei. Decine di aziende cinesi saranno ora interessate.

Questo è un colpo molto potente e doloroso per la microelettronica cinese perché dipende dalle importazioni, anche se per alcuni alleati (come Samsung o TSMC) gli americani hanno fatto un’eccezione per un anno.

Anche per la Russia la notizia è spiacevole: il livello di sviluppo della microelettronica non è molto avanzato e le importazioni cinesi sono state considerate uno dei possibili modi per risolvere questo problema.

È importante capire che non ha senso interpretare il confronto tra Stati Uniti e Cina attraverso lo stesso prisma della Guerra Fredda.
La Cina è un partner commerciale americano chiave (e viceversa), il più grande investitore nel mercato statunitense, ed è difficile sopravvalutare la penetrazione reciproca delle due economie. È impossibile tagliare tutti i legami all’istante, e non sembra che gli americani proveranno a farlo, ma “rallentare” lo sviluppo di un concorrente è abbastanza realistico.

Un altro problema è che un ritiro forzato dal mercato cinese sarebbe un duro colpo per molte aziende occidentali, e anche qui bisogna stare molto attenti: se la rottura è troppo forte, può avere un impatto negativo sulle economie degli Stati Uniti. e l’UE, che stanno attraversando un periodo difficile nello stato attuale.

SLG Briefing di intelligence, strategia e analisi, comunità di esperti

fonte: Bruno Bertez

traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus