Nuova tattica del Mossad nella eliminazione fisica di Palestinesi e Iraniani


Il drammatico caso di rapimento in Malesia potrebbe indicare cambiamenti nelle tattiche del Mossad israeliano
di Avner Barnea .

Rapporti da Kuala Lumpur suggeriscono che agenti malesi che operano per i servizi di intelligence israeliani hanno rapito un ingegnere palestinese, Omar al-Balbaisi, il 28 settembre. Secondo il quotidiano malese The Straits Times, l’operazione di rapimento è stata orchestrata dall’agenzia di intelligence esterna delle forze israeliane, il Mossad.

Omar al-Balbaisi si era laureato in informatica all’Università islamica di Gaza, dove sarebbe entrato a far parte delle Brigate Izz-ad-Din Al-Qassam, specializzate nell’hacking di telefoni cellulari. Nel 2020 o intorno al 2020, al-Balbaisi ha lasciato la Striscia di Gaza per Istanbul, dove, secondo quanto riferito, nel 2020 è stata istituita un’unità segreta di intelligence e criminalità informatica di Hamas. L’unità avrebbe operato su istruzioni dei leader di Hamas a Gaza, senza il conoscenza delle autorità turche.

Quando al-Balbaisi è stato rapito, a quanto pare stava tornando dal pranzo con un altro espatriato palestinese. Secondo il rapporto, un furgone bianco si sarebbe diretto verso i due uomini. Quattro persone sono scese dal furgone, hanno afferrato al-Balbaisi e lo hanno trascinato nel veicolo, mentre gli gridavano: “il nostro capo vuole parlarti”. L’altro palestinese ha cercato di aiutare al-Balbaisi, ma è stato avvertito sotto la minaccia delle armi di non interferire. Ha poi sporto denuncia alla stazione di polizia, circa 40 minuti dopo il rapimento dell’amico.

Arresti in Malesia

Secondo i rapporti, il palestinese rapito è stato portato legato e bendato in un rifugio, dove i suoi rapitori malesi lo hanno legato a una sedia. Hanno quindi chiamato due uomini, presumibilmente israeliani, che hanno detto all’uomo rapito: “sai perché sei qui”. Secondo un altro rapporto, al-Balbaisi è stato interrogato, presumibilmente da due israeliani, ritenuti agenti del Mossad, tramite videochiamata. Tuttavia, la videochiamata è stata interrotta quando gli agenti di polizia malesi hanno fatto irruzione nel rifugio.

Dopo aver ricevuto le informazioni sul rapimento, la polizia malese ha immediatamente cercato di localizzare al-Balbaisi. Sono poi riusciti a fare irruzione nella casa in cui era detenuto il palestinese, mentre era in corso il suo interrogatorio. Una fonte ha detto al quotidiano malese che “gli israeliani volevano conoscere l’esperienza [di al-Balbaisi] nel software, le forze di Hamas in questo campo e i nomi dei membri dell’Izz ad-Din al-Brigades Qassam che lui conosceva”.

Secondo i media malesi, sono state presentate accuse contro 11 persone, che ora sono accusate di rapimento di terzo grado. In Malesia, questo crimine può essere punito con l’ergastolo o addirittura con la pena di morte. È stato anche affermato che una donna locale sulla trentina guidava la rete del Mossad nel paese. Si diceva che “si era formata all’estero, anche in Europa”, e riceveva 2.000 euro al mese dai suoi capi. Diversi uomini hanno lavorato sotto di lui, secondo il rapporto.

Si sostiene inoltre che la stessa donna fosse assunta dagli agenti del Mossad nel 2018, quando i servizi segreti israeliani avrebbero ucciso l’ingegnere palestinese Fadi al-Batsh in Malesia. Al-Batsh, un docente di ingegneria elettrica in un’università malese, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da due uomini su una moto mentre si recava in una moschea un sabato. Nell’aprile 2018, ad Avigdor Lieberman, allora ministro della Difesa israeliano, è stato chiesto in un’intervista su chi avesse ucciso al-Batch, ha risposto: “Chiedi a James Bond […] forse James Bond lo ha ucciso, come nei film”. Hamas, il gruppo militante islamico che governa Gaza, accusa Israele di aver assassinato al-Batsh.

Sembra che il modus operandi del Mossad sia cambiato dall’assassinio di Mahmoud al-Mabhouh, un membro anziano di Hamas, ucciso il 19 gennaio 2010 in una stanza d’albergo a Dubai. Questo assassinio ha attirato l’attenzione internazionale, in parte a causa delle accuse secondo cui sarebbe stato compiuto da membri del Mossad. Gli assassini in borghese sono stati smascherati e trovati in possesso di passaporti falsi o ottenuti in modo fraudolento da diversi paesi europei e dall’Australia. Il ricorso alla popolazione locale sembra essere meno rischioso. Questo sviluppo ha portato a valutazioni di esperti dell’intelligence secondo cui il Mossad potrebbe attualmente utilizzare un modus operandi simile in Iran.

fonte: Intelnews

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 19:03h, 30 Ottobre Rispondi

    come nel Caso Moro

  • Benedetto le donne
    Inserito alle 19:41h, 30 Ottobre Rispondi

    Amici dopo tutto quello che è successo volevo credere che gli israeliani fossero un popolo di pace i fatti dimostrano che sono un popolo razzista e criminale qualcuno gli farà la festa ah leggete o vedete il commerciante di Venezia more majorum

  • vincenzo
    Inserito alle 20:33h, 30 Ottobre Rispondi

    conosco “il commerciante di venezia”!…ma a quei tempi la Serenissima non prendeva ordini da “nessuno” !

Inserisci un Commento