Notizie dal Fronte Ucraina: Sospesa la grande offensiva per la presenza di ingenti forze russe

placeholder

Quando tutto era preparato per l’offensiva dell’Ucraina contro il Donbass, arriva la notizia che la Russia ha fermato l’offensiva senza sparare un solo colpo e ha lasciato quelli della Nato in stato di shock. Incluso l’esercito ucraino non aveva definito il piano d’azione previsto se l’esercito russo avesse aiutato il Donbass, solo mancava l’ordine di Zelensky ma non si ha notizia se possa avere dato tale ordine mentre si rileva una grande attività militare mella zona.
Sono in allerta massima unità dell’esercito ucraino come quelle del Donbass e si è saputo che gli eserciti si trovavano non a 3 km. di distanza ma a solo 500 mt. e 700 Mt distanziati fra loro. Una fonte del Ministero della Difesa dell’Ucraina ha segnalato che l’Esercito ucraino si trova molto meglio preparato adesso che mai e questo significa che attualmente ci sono tutte le condizioni disponibili per riprendere in Ucraina una parte significativa del territorio dei ribelli, soltanto si necessita l’ordine del comandante in capo per attaccare, riporta una fonte ucraina.
Abbiamo vari piani delle azioni delle forze armate ucraine, uno di questi include il possibile arrivo dell’esercito russo per aiutare le repubbliche e, se questo succede, l’esercito ucraino si ritirerà, sostiene la fonte . E’ molto probabile che allora dovremo ritirare le truppe per non ripetere il disastro della guerra del 2014, ha detto la fonte. Per una operazione di successo l’Ucraina necessita il non intervento della Russia nel conflitto. Altra cosa è che la Russia abbia l’intenzione di intervenire, in quel caso dovremo ricorrere all’aiuto dei nostri soci occidentali della NATO.

Allora tutti si domandano perchè non è iniziata la grande offensiva largamente annunziata, con la mobilitazione di tutte le forze ucraine, cosa che è avvenuta veramente. Quello che è accaduto è che la Russia ha messo in moto il suo apparato di guerra ed ha paralizzato l’esercito ucraino prima ancora che si muovesse tanto che gli ucraini sono rimasti sconcertati quando la milizia delle repubbliche ha eliminato tutte le postazioni di artiglieria da cui erano partiti gli attacchi contro il Donetsk. Dicevano che le milizia del Donbass disponeva delle armi sconosciute molto efficaci per neutralizzare i nidi di artiglieria ed effettivamente, quando i russi hanno visto che l’esercito ucraino aveva concentrato grandi forze nella linea del fronte, i russi hanno fornito alle milizie nuove armi tecnologiche molto efficaci. Nel contesto dell’aggravamento della situazione nel Donbass, Mosca sta realizzando ogni volta piu esercitazioni mlitari sulla direzione strategica sud occidentale. Inoltre si sono viste esercitazioni con la flotta del Mar Nero, con le manovre a terra delle brigate 20 dell’esercito mobilitando le unità di intervento combinate in Crimea nel campi di addestramento di Opuk dove i russi stanno preparando esercitazioni a grande scala con le unità di paracadutisti della divisione di Novorossiyk.


Quello che sta succedendo in Ucraina Mosca lo considera come una minaccia militare alle sue frontiere, soprattutto dopo che il comandante delle forze congiunte ucraine, tenente Sergey Naev, ha segnalato che nella frontiera con la Crimea le unità delle forze armate parteciperanno a contrattacchi di rappresaglia tanto nell’aria come nel mare ma non ha specificato in dettaglio quali forze e quali azioni.

Reparti aerotrasportati russi


Davanti a questo le unità aerotrasportate russe si addestreranno nel campo di addestramento della Crimea di Opuk con esercitazioni nella penisola dal 18 al 20 Marzo (praticamente domani).
Secondo il Ministero della difesa russo, Mosca utilizzerà oltre 2.000 soldati e 500 unità di equipe militare oltre a forze speciali delle Divisioni aerotrasportate di Novorossiysk . I paracadutisti saranno trasportati al campo di tiro della Crimea con aerei II-76MD da Stavropol e in grandi navi da sbarco della Flotta del Mar Nero da Novorossiusk.
A giudicare dal disegno degli esercizi dalle azioni della forza aerotrasportata, queste saranno per lo più di carattere difensivo. Le unità realizzeranno compiti di difesa marittima della costa contro un potenziale sbarco marittimo del nemico così come realizzeranno esercizi di combattimento da veicoli di armamento di assalto anfibio, tank e unità di artiglieria auto-propulsate.
Questo sembra un eufemismo per il quale i russi occuperebbero tutto l’est dell’Ucraina e soprattutto, se facciamo caso alle fonti israeliane che hanno pubblicato come la Russia ha occupato la Bielorussia con i famosi uomini verdi, gli stessi che hanno occupato la Crimea in 24 ore e se questo significa anche che potrebbero entrare in Ucraina da quella frontiera.
Tuttavia al momento, essendo vicini all’approssimarsi della data di invasione del Donbass, la Russia ha attivato la sua potente guerra elettronica ed ha paralizzato le unità ucraine bloccate sulle loro posizioni davanti a cui le truppe ucraine hanno frmato la loro offensiva che avevano iniziato colpendo con l’artiglieria le posizione della Repubbliche del Donbass mentre queste hanno rispsosto al fuoco con queste armi avanzate. Sembra certo che grandi formazione ucraine sono entrate sul fronte ma sono state obbligate a sospendere l’offensiva, secondo fonti della Difesa Ucraina, secondo le quali l’operazione militare a grande scala è stata sospesa indefinitivamente perchè molte unità hanno trovato una forte resistenza da parte della milizia ma soprattutto perchè la guerra elettronica russa ha iniziato a bloccare le comunicazione delle forze armate dell’Ucraina nel Donbass i sistemi di guerra elettronica hanno dato un forte colpo alle forze ucraine, generando seri problemi alle comunicazioni delle unità e riconoscimento delle forze ucraine, sospensione GPS, ecc..

Sistemi elettronici russi


Questi sistemi elettronici già stanno operando nel Donbass e si sono stabiliti grandi contingenti di forze russe alla frontiera, incluse artiglieria e mezzi corazzati ,come ha riferito il rappresentante dell’Ucraina.
Tuttavia non ci sono state informazioni ufficiali e sembra che questo permetterebbe all’Ucraina di mettere in azione il piano B, che consiste di accusare la Russia di intervento in un conflitto armato.
Si è saputo che le forze ucraine hanno cancellato l’offensiva per causa della presenza di grandi unità russe alla frontiera del Donbass che potrebbero intervenire in meno di 24 ore nel paese e prendere in mano la situazione. Le autorità ucraine hanno già individuato le manovre russe come una minaccia russa e hanno optato per rinunciare all’offensiva e limitarsi a nuove grandi esercitazioni. I soci della NATO non sono decisi a intervenire ed hanno valutato la guerra elettronica russa come un atto di guerra.
Al momento gli alleati dell’Ucraina aspettano l’evolversi degli eventi.

Fonti Varie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus