Nonostante Minacce Di Guerra In Donbass, Gli Stati Uniti Continuano Le Consegne Di Armi In Ucraina


Di Paul Antonopoulos

MOSCA, Russia – L’ulteriore e continua “consegna” di armi statunitensi all’Ucraina aumenta le tensioni e minerebbe gli sforzi per la pace sul suolo ucraino, hanno riferito funzionari russi dopo che l’inviato speciale degli Stati Uniti, Kurt Volker, ha annunciato tali piani e ulteriori sanzioni.

“Deve passare attraverso il Congresso è un pacchetto di finanziamenti militari di circa $ 250 milioni e la possibilità di vendere attrezzature aggiuntive”, ha detto Volker ai giornalisti a Bruxelles lunedì. “Entro i prossimi mesi ci saranno alcuni annunci sulle prime tranche. E sarà in corso. “

Ha anche affermato che l’Ucraina è “sotto attacco” da parte della Russia e ha difeso una presenza militare occidentale vicino o persino all’interno di quel paese, per “aumentare la visibilità delle azioni della Russia”.

L’idea di imporre ulteriori sanzioni alla Russia per l’incidente del 25 novembre nello Stretto di Kerch sembra “guadagnare un po ‘di trazione” tra gli alleati di Washington in Europa, ha continuato Volker, suggerendo che questo potrebbe accadere “nei prossimi mesi o due”.

Reazioni al Cremlino

A Mosca, i legislatori russi hanno criticato le dichiarazioni di Volker come distruttive, dicendo che l’inviato Usa sta contribuendo ad aumentare le tensioni in Ucraina piuttosto che a risolverli pacificamente.

“Ciò conferma ancora una volta che gli Stati Uniti considerano l’Ucraina un burattino e un agente per procura per attuare i propri disegni aggressivi contro la Russia”, ha detto a RT, Yuri Shvytkin, vicepresidente del comitato per la difesa e la sicurezza della Duma.

“Fornendo all’Ucraina qualsiasi tipo di arma, gli Stati Uniti incoraggiano in primo luogo l’escalation delle tensioni con la Russia, il che ovviamente non giova alla stabilità nella regione”, ha aggiunto Shvytkin.

Parlare di una presenza militare occidentale sta effettivamente contribuendo alla riluttanza dell’Ucraina ad attuare gli accordi di Minsk e a prolungare il conflitto, ha affermato il legislatore. Il fattore di Minsk ha sospeso la guerra aperta tra le due province dell’Ucraina orientale, che ha rifiutato di riconoscere il colpo di stato del 2014, e il governo di Kiev, che ha descritto il conflitto come una “aggressione russa”.

Il mese scorso, tre navi di pattuglia ucraine hanno tentato di navigare con la forza dal Mar Nero al Mar d’Azov, attraverso lo stretto di Kerch, e sono stati arrestati dalla Guardia costiera russa. Lunedì, Volker è apparso dalla parte di Kiev e ha accusato la Russia di aggressione nei confronti dell’Ucraina.

“La Russia non ha fatto nulla di illegale, quindi non c’è nulla per cui gli Stati Uniti ei suoi vassalli rispondano”, ha detto a RT la senatrice Olga Kovitidi, membro del comitato di difesa e sicurezza del Consiglio della Federazione. “Le azioni statunitensi mirano all’escalation globale dei conflitti attraverso l’incitamento e la concorrenza sleale”.

Dichiarazioni che si qualificano come “provocazioni sistemiche” sono già diventate “un attributo integrale della politica estera degli Stati Uniti”, ha affermato Kovitidi.

“Se il confine del nostro paese viene violato da qualcuno, chiunque sia, ci sarà una risposta appropriata”, ha detto Shvytkin.

Fonte: FRN

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • amadeus
    19 Dicembre 2018

    Gli u.s. hanno tutto da guadagnare e nulla da perdere, dal momento che la guerra si combatte su un territorio che non é il loro e a morire saranno gli altri e non gli americani, finora i russi hanno mostrato molta pazienza, ma se dovessero muoversi, l’ucraina sarebbe occupata in 48 ore.

    • SUE
      19 Dicembre 2018

      Il problema non è che l’Ucraina potrebbe essere occupata in 48 ore, il problema è che questo verrebbe preso a pretesto dai soliti noti per iniziare un chaos totale contro la Russia e quindi estendere il tutto in Europa.

  • ASD
    19 Dicembre 2018

    La Russia ha già invaso l’Ucraina con l’annessione della Crimea e regioni est(ancora non ufficialmente). Ucraina è un paese sovrano e potrà decidere da solo con chi schierarsi e da chi comprare le armi e altro. Che la Russia non sia d’accordo e non vuole perdere un altro paese satellite e un’alta storia.

    • Nicola
      20 Dicembre 2018

      ASD19 Dicembre 2018
      La Russia non ha invaso l’Ucraina ma si è ripresa la Crimea e regioni est sue da secoli. (magari invadesse tutta l’ucraina).
      L’ucraina NON è un paese sovrano e NON può decidere da solo con chi schierarsi e da chi comprare le armi e altro.
      la Russia non vuole perdere il paese da cui è nata mille anni fa essa stessa, e questa è la storia. Punto e basta, imbecille!

Inserisci un Commento

*

code