Non osare nominare i tuoi nemici è già vigliaccheria! Trojan statunitensi in Europa

di Bruno Bertez

Gli europei stanno soffrendo.
Ma non è niente in confronto a quello che soffriranno in futuro.

Soffriranno materialmente nelle loro comodità, e ancora di più, per chi ha dignità, nella loro autostima.
I più lucidi hanno capito che siamo ridotti ad essere gli zerbini degli anglosassoni.

Gli europei più coscienti sanno di essere sottomessi e messi in ginocchio.

Gli USA vogliono arruolarci definitivamente e irrimediabilmente nella loro grande alleanza offensiva contro il blocco cinese. Indebolirci economicamente, finanziariamente e monetariamente è il loro modo di sottometterci.

Vogliono rompere ciò che resta del marco tedesco nell’euro e che noi ci mobilitiamo come loro per sciogliere il denaro e spendere in deficit. Hanno alleati per questo – traditori appunto – come Macron. Persone come lui, Borrell o come Van der Leyen sono cavalli di Troia.

Infatti gli americani, grazie ai loro cavalli di Troia, sono riusciti nell’AMGOT, la tutela contro la quale Charles de Gaulle ha combattuto1 .

Le élite europee sono d’accordo con gli americani sia per ragioni culturali, sono formate nell’ideologia globalista liberal americana ma soprattutto per le ragioni smidollate dello sfruttamento dei comprador. Le grandi fortune sono in dollari e hanno lasciato l’Europa molto tempo fa. Il capitale rimanente è lì semplicemente per far sudare il burnus dei lavoratori europei.

L’opinione pubblica si sta gradualmente rivoltando e i sondaggi indicano chiaramente che vogliono i negoziati.

Gli anglosassoni non la vogliono perché è una guerra di terze parti paganti; chi paga sono gli Ukros morti e gli europei sfruttati, gli zerbini. Vogliono andare il più lontano possibile.

Gli anglosassoni vogliono continuare la loro opera di indebolimento della Russia.

Euroservi degli interessi USA

Le élite europee sono totalmente sottomesse agli Stati Uniti e li aiutano dicendo loro di stare attenti, “non andare troppo lontano perché altrimenti non saremo più in grado di servirti, le nostre popolazioni sono in procinto di insorgere contro voi”. Al momento non stanno guidando la rivolta degli europei, no, stanno fingendo di radunarli per meglio deviarli. Hanno hackerato le opinioni europee per disinnescarle a beneficio degli americani; è una stronzata pura e semplice. È un po’ come il gioco che faceva Pétain, al servizio dei tedeschi: ma perché funzionasse doveva ogni tanto fare la commedia per difendere i francesi!

Persone come Borell, totalmente al servizio degli USA non protestano contro la politica americana, la servono in un altro modo, Borell fornisce la vasellina che permette agli americani di “fottere meglio gli europei”!

Leggi questo testo di Politico
Hanno contribuito Giorgio Leali, Stuart Lau, Camille Gijs, Sarah Anne Aarup e Gloria Gonzalez.

Nove mesi dopo aver invaso l’Ucraina, Vladimir Putin sta iniziando a spaccare l’Occidente.

Nota BB : noterai che è Putin che spacca l’Occidente perché sa fare tutto! L’Occidente non è fratturato a causa delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti o a causa della folle politica dei governi europei che accettano che i loro popoli paghino la loro energia da 4 a 5 volte il prezzo normale agli americani!

I massimi funzionari europei sono furiosi con l’amministrazione di Joe Biden e ora accusano gli americani di fare fortuna con la guerra, mentre i paesi dell’UE soffrono e crollano.

” Il fatto è che, se si guarda con sobrietà, il Paese che beneficia maggiormente di questa guerra sono gli Stati Uniti perché vende più gas e a prezzi più alti, e perché vende più armi “, ha detto a Politico un alto funzionario.

I commenti bomba – sostenuti in pubblico e in privato da funzionari, diplomatici e ministri altrove – seguono la crescente rabbia in Europa per i nuovi sussidi statunitensi che minacciano di distruggere l’industria europea.

Il Cremlino dovrebbe rallegrarsi dell’avvelenamento dell’atmosfera tra gli alleati occidentali.

” Siamo davvero in un momento storico”, ha detto l’alto funzionario dell’UE, affermando che il doppio colpo di interruzione del commercio dovuto ai sussidi statunitensi e agli alti prezzi dell’energia rischia di rivoltare l’opinione pubblica contro di loro, lo sforzo bellico e l’alleanza transatlantica. “ L’America deve rendersi conto che l’opinione pubblica sta cambiando in molti paesi dell’UE . »

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha invitato Washington a rispondere alle preoccupazioni europee. ” Gli americani – i nostri amici – prendono decisioni che hanno un impatto economico su di noi “, ha detto in un’intervista a Politico.

Nota BB: Hai notato di sfuggita la codardia di Borrell, gli americani pagati: osa fingere di criticarli, umilmente, servilmente, ma si affretta ad aggiungere -i nostri amici! Dovrebbe leggere i rapporti dei think tank americani che hanno analizzato tutto, previsto tutto e consigliato Bident nella sua impresa di mettere le cose a posto: di forzare l’allineamento degli europei nella prospettiva di costruire la grande alleanza offensiva contro la Cina.

I leader europei a Kiev

Il più grande punto di tensione nelle ultime settimane sono stati i sussidi e le tasse verdi di Biden che, secondo Bruxelles, deviano ingiustamente il commercio dall’UE e minacciano di distruggere le industrie europee. Nonostante le obiezioni formali dell’Europa, Washington finora non ha mostrato segni di cedimento.

Nel frattempo, lo sconvolgimento causato dall’invasione dell’Ucraina da parte di Putin sta spingendo le economie europee in recessione, con l’aumento dell’inflazione e una devastante compressione delle forniture energetiche che minacciano blackout e razioni questo inverno.

Mentre cercano di ridurre la loro dipendenza dall’energia russa, i paesi dell’UE si rivolgono invece al gas americano, ma il prezzo che gli europei pagano è quasi quattro volte superiore allo stesso costo del carburante in America.

Poi c’è il probabile aumento degli ordini di kit militari fabbricati negli Stati Uniti mentre gli eserciti europei si esauriscono dopo aver inviato armi all’Ucraina.

Questo è troppo per gli alti funzionari di Bruxelles e di altre capitali dell’UE. Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che gli alti prezzi del gas negli Stati Uniti non sono “amichevoli” e il ministro dell’economia tedesco ha invitato Washington a mostrare più “solidarietà” e contribuire a ridurre i prezzi del gas e i costi energetici.

Ministri e diplomatici con sede altrove nel blocco hanno espresso frustrazione per il modo in cui il governo di Biden sta semplicemente ignorando l’impatto delle sue politiche economiche interne sugli alleati europei.

Quando i leader dell’UE si sono rivolti a Biden in merito agli alti prezzi del gas negli Stati Uniti alla riunione del G20 a Bali la scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti sembrava semplicemente ignorare la questione, secondo l’alto funzionario citato sopra. Altri funzionari e diplomatici dell’UE hanno convenuto che l’ignoranza degli Stati Uniti sulle conseguenze per l’Europa fosse un grave problema.

” Gli europei sono chiaramente frustrati dalla mancanza di informazioni e consultazioni preliminari “, ha affermato David Kleimann del think tank Bruegel.

I funzionari di entrambe le sponde dell’Atlantico riconoscono i rischi che l’atmosfera sempre più tossica porrà all’alleanza occidentale. I litigi sono esattamente ciò che Putin vorrebbe, hanno concordato i diplomatici europei e americani.

La crescente disputa sull’Inflation Reduction Act (IRA) di Biden – un enorme pacchetto fiscale, climatico e sanitario – ha spinto ancora una volta i timori di una guerra commerciale transatlantica in cima all’agenda politica. . I ministri del commercio dell’UE dovrebbero discutere la loro risposta venerdì mentre i funzionari di Bruxelles elaborano piani per una cassa di guerra di emergenza di sussidi per salvare le industrie europee dal collasso.

” L’Inflation Reduction Act è molto preoccupante “, ha affermato il ministro del Commercio olandese Liesje Schreinemacher. “ Il potenziale impatto sull’economia europea è molto significativo . »

“ Gli Stati Uniti seguono un’agenda interna, purtroppo protezionista e discriminatoria nei confronti degli alleati americani ”, ha affermato Tonino Picula, capogruppo del Parlamento europeo per le relazioni transatlantiche.

Un funzionario statunitense ha sottolineato che i prezzi per gli acquirenti di gas europei riflettono le decisioni del mercato privato e non sono il risultato della politica o dell’azione del governo statunitense. ” Le società statunitensi sono state fornitori trasparenti e affidabili di gas naturale in Europa “, ha affermato il funzionario. La capacità di esportazione è stata inoltre limitata da un incidente a giugno che ha costretto alla chiusura di un importante impianto.

Nella maggior parte dei casi, ha aggiunto il funzionario, la differenza tra i prezzi all’esportazione e all’importazione non si accumula sugli esportatori di GNL statunitensi, ma sulle società che rivendono il gas all’interno dell’UE. Il maggior detentore europeo di contratti gas americani a lungo termine è, ad esempio , la società francese TotalEnergies.

Questo non è un argomento nuovo da parte americana ma non sembra convincere gli europei. ” Gli Stati Uniti ci vendono il loro gas con un effetto moltiplicatore di quattro volte quando attraversano l’Atlantico “, ha detto mercoledì alla televisione francese il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton. “ Certo, gli americani sono nostri alleati… ma quando qualcosa non va, bisogna dirlo anche tra alleati. »

Anche l’energia più economica è rapidamente diventata un enorme vantaggio competitivo per le imprese americane. Le aziende stanno pianificando nuovi investimenti negli Stati Uniti o addirittura trasferendo le loro attività esistenti fuori dall’Europa in fabbriche americane. Proprio questa settimana, la multinazionale chimica Solvay ha annunciato che avrebbe preferito gli Stati Uniti all’Europa per nuovi investimenti, l’ultimo di una serie di annunci simili da parte dei principali giganti industriali dell’UE.

Alleati o no?
Nonostante i disaccordi energetici, è stato solo quando Washington ha annunciato un pacchetto di sussidi industriali da 369 miliardi di dollari per sostenere le industrie verdi ai sensi del Cut Inflation Act che Bruxelles è entrata in modalità panico e si è sentita messa da parte.

” L’Inflation Reduction Act ha cambiato tutto “, ha detto un diplomatico europeo. “ Washington è ancora nostro alleato o no? »

Per Biden, la legislazione è un traguardo climatico fondamentale. ” Non è un gioco a somma zero “, ha detto il funzionario statunitense. “ L’ERI aumenterà la torta degli investimenti nell’energia pulita, non la dividerà . »

Ma l’UE la vede diversamente. Un funzionario del ministero degli Esteri francese ha affermato che la diagnosi era chiara: si tratta di ” sovvenzioni discriminatorie che distorcono la concorrenza “. Questa settimana, il ministro dell’Economia francese, Bruno Le Maire, ha addirittura accusato gli Stati Uniti di imboccare la strada dell’isolazionismo economico cinese, esortando Bruxelles a replicare un simile approccio: ” L’Europa non deve essere l’ultima dei Mohicani “, ha affermato .

L’UE sta preparando le sue risposte, come una forte spinta ai sussidi per evitare che l’industria europea venga spazzata via dai rivali statunitensi. ” Stiamo vivendo una strisciante crisi di fiducia sulle questioni commerciali in questa relazione “, ha affermato l’eurodeputato tedesco Reinhard Bütikofer.

” A un certo punto, devi farti valere “, ha detto l’eurodeputata francese Marie-Pierre Vedrenne. “ Siamo in un mondo di lotte di potere. Quando fai il braccio di ferro, se non sei muscoloso, se non sei fisicamente e mentalmente preparato, perdi. »

Dietro le quinte, c’è anche una crescente irritazione per il denaro che affluisce nel settore della difesa statunitense.

Gli Stati Uniti sono stati di gran lunga il più grande fornitore di aiuti militari all’Ucraina, fornendo oltre 15,2 miliardi di dollari in armi e attrezzature dall’inizio della guerra. L’UE ha finora fornito attrezzature militari all’Ucraina per un valore di circa 8 miliardi di euro, secondo Borrell.

Secondo un alto funzionario di una capitale europea, il rifornimento di alcune armi sofisticate può richiedere ” anni ” a causa di problemi nella catena di approvvigionamento e nella produzione di chip. Ciò ha alimentato i timori che l’industria della difesa statunitense potesse trarre ancora più profitto dalla guerra.

Il Pentagono sta già sviluppando una tabella di marcia per accelerare le vendite di armi, mentre cresce la pressione degli alleati per soddisfare la crescente domanda di armi e attrezzature.

Un altro diplomatico dell’UE ha sostenuto che ” i soldi che guadagnano con le armi ” potrebbero aiutare gli americani a rendersi conto che guadagnare ” tutti quei soldi con il gas ” potrebbe essere ” un po’ troppo “.

Il diplomatico ha sostenuto che uno sconto sui prezzi del gas potrebbe aiutarci a ” tenere unita la nostra opinione pubblica ” e a negoziare con paesi terzi sulle forniture di gas. ” Non va bene, in termini di ottica, dare l’impressione che il tuo miglior alleato stia effettivamente ricavando enormi profitti dai tuoi problemi “, ha detto il diplomatico.

fonte: Bruno Bertez

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Gasparino
    Inserito alle 17:45h, 26 Novembre Rispondi

    Dall’ultima guerra ad oggi . . l’Europa non ha capito niente, non ha ancora somatizzato il termine . Hanno fatto espandere soprassedendo agli stati Sovrani come tanti creduloni i confini Amerikani con le loro pericolose basi Militari senza rendersi conto proprio come tanti coglioni di quanto pericolosi essi siano nei vari Territori Europei ( facendosene padroni del territorio ospitante ). Adesso dettono legge a mò di padrone delle feriere e guai al Vassallo che prova a porsi davanti cercando di ostacolare l’espansionismo del Padrone forte dei suoi giannizzeri che come Pretoriani difendono il territorio del loro comanante in capo

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 19:04h, 26 Novembre Rispondi

    Gli USA stanno danneggiando l’economia europea, in particolare quella tedesca : erano diventate troppo concorrenziali. In Ucraina attaccano la Russia e la Germania per rapinarle : e questo è il senso della guerra combattuta con la carne da cannone ucraina. E i dirigenti ucraini e europei , complici, sono prevedibilmente ben ricompensati.. Però nel mondo agli americani non rimangono molti ”amici” Quando si vendicheranno i tedeschi ?

  • Giorgio
    Inserito alle 11:37h, 27 Novembre Rispondi

    L’esito finale degli avvenimenti in corso non può che essere la fine del dominio anglo americano …
    E più tempo impiegano i popoli europei per prenderne coscienza più gravi saranno le conseguenze …
    Se l’esito finale è scontato … c’è da dire che purtroppo la storia non si svolge mai in modo lineare, ma alterna battute d’arresto, accelerazioni, deviazioni, prima di arrivare all’epilogo finale …. Basta aprire qualunque libro di storia per verificarlo … E i parlamentari italiani ed europei, oltrechè corrotti, opportunisti e servili, in storia sono più ignoranti degli asini (senza offesa per gli asini) …

  • antonio
    Inserito alle 22:16h, 27 Novembre Rispondi

    i pezxxnti ai governicchi europidi biasimavano Orban ed Erdogan ?

Inserisci un Commento