Non è la Cina, ma il mondo occidentale che dovrebbe essere definito il “vero malato”

(*) Andre Vltchek

Non molto tempo fa, il Wall Street Journal ha insultato la Cina, definendola “il vero malato dell’Asia”. La Cina ha fatto ritorsioni, e poi gli Stati Uniti hanno ricambiato. Le irritazioni sono aumentate, i giornalisti sono stati espulsi.

Improvvisamente, vari funzionari cinesi hanno espresso pubblicamente quello che molti in Cina e in Russia hanno, per settimane, articolato sotto voce: che forse fu proprio l’establishment militare americano a portare il nuovo tipo di coronavirus (COVID-19) a Wuhan, in per danneggiare la Cina e riportare il mondo, attraverso complesse strade secondarie, sotto il controllo dell’Occidente.

Improvvisamente, il mondo si sente molto a disagio. Il modo in cui è governato è chiaramente perverso. Le persone non sanno sempre perché, si sentono solo spaventate, ansiose e insicure. In realtà, lo hanno sempre fatto, negli ultimi decenni, ma in qualche modo sta diventando “troppo”.

I paesi non si fidano l’uno dell’altro. Le persone non si fidano l’una dell’altra. Le persone non si fidano dei loro governi. Il capitalismo è disprezzato, ma le nazioni sono state derubate delle alternative.

Lavoro in tutto il mondo e osservo da tempo tutto questo. Quello che vedo, non mi piace.

Temo sempre più che quanto è stato messo in moto da Washington e Londra, potrebbe non finire bene. Che una tragedia stia aspettando proprio dietro l’angolo.

Per molti anni ho avvertito che l’imperialismo sta uccidendo decine di milioni di persone, ogni anno. Prevalentemente l’imperialismo occidentale, ma anche i suoi derivati ​​in alcuni luoghi in cui le élite hanno imparato dal loro ex maestro colonialista come brutalizzare i territori conquistati, come Giacarta, Nuova Delhi o Tel Aviv.

I genocidi di popolazioni (come nello Yemen) e la schiavitù moderna sono diventati i più vili riflessi della modernità. Non i soli, ovviamente, ma i più vili.

Di recente ho scritto per questa rivista (NEO) che non ho mai visto il mondo così frammentato.

Viaggi, Internet, social media: tutti questi strumenti avrebebro dovuto migliorare il mondo e avvicinare le persone. Non è stato così. Vedo confusione e disinformazione intorno a me. Le persone viaggiano ma non vedono o non capiscono cosa avviene. Fissano gli schermi dei computer per ore ogni giorno, come un tempo guardavano gli schermi televisivi, ma non hanno idea di come funzioni il mondo.

La gente veniva da noi, analisti e filosofi, per un consiglio. Noi eravamo abituati ad interagire. Adesso non più. E guarda alla filosofia stessa: è stata ridotta a una disciplina universitaria asciutta e controllata dal regime. Prima, essere filosofi era identico a essere un pensatore. Ora, pateticamente, un filosofo è un individuo con un titolo universitario in filosofia, rilasciato da alcuni college che fanno parte dell’establishment.

E comunque, ora quasi ogni individuo, almeno in Occidente, crede di essere un filosofo; egocentrico, si mette in posa e posta la sua immagine sui social media, usando i selfie, con ego grottescamente potenziati.

Qualcosa è andato storto. Quasi tutto per lo meno. L’umanità sta affrontando un enorme pericolo. Perché? Perché non capisce se stesso. I suoi sogni sono stati ridotti ad alcune ambizioni di bassa lega , patetiche, tristi. Gli alti ideali che hanno contrassegnato le civiltà e che si sono formati nel corso di lunghi secoli sono stati sminuiti dalla narrativa nichilista occidentale.

E poi, di colpo è arrivato il “coronavirus”.

Non sottovalutare il coronavirus! Potrebbe avere il tasso di mortalità di un’influenza ordinaria, ma è molto più pericoloso di così. Il suo pericolo è prevalentemente psicologico e filosofico, molto più che medico.

È arrivato, inaspettatamente e ha manifestato al mondo, che non c’è più unità globale, né solidarietà.

I paesi agiscono e reagiscono in modi estremamente brutali. È spaventoso. Sembra tutto uno dei brutti film horror di seconda categoria prodotti da Hollywood.

I governi si stanno puntando le dita l’un l’altro, irrazionalmente. Le compagnie aeree mentono, derubano i clienti, sostenendo che li stanno proteggendo.

Medici cinesi arrivano in Italia

Di recente sono “fuggito” da Hong Kong, dopo che Korean Air ha cancellato senza sosta i voli per la Cina, senza fare nulla per reindirizzare i passeggeri bloccati. Ho volato per 5 giorni in Sud America, a casa, attraverso diversi aeroporti asiatici, lungo le rotte più bizzarre, a nord, a sud e di nuovo a nord, poi via Amsterdam e Suriname, zigzagando per le città brasiliane, prima di raggiungere il Cile. Stranamente, ad un certo punto, sono finito a Seoul, dove prima mi era stato detto che non avrei dovuto iniziare il viaggio, sperimentando il proverbiale razzismo sudcoreano sulla mia pelle e attraversando scandalose umiliazioni e interrogatori dopo aver pronunciato, all’ingresso prima di partire per Amsterdam, che i nordcoreani trattano sicuramente le persone con molto più rispetto e dignità rispetto a Seul.

Scriverò molto di più su tale questione, nel prossimo futuro, ma questo non dovrebbe essere l’argomento principale di questo saggio.

Quello che è essenziale è che la logica stessa è crollata. Il comportamento di molti paesi è diventato irrazionale, se si ritiene che la logica sia sinonimo di progresso dell’umanità e miglioramento della vita degli esseri umani. Ora le cose hanno senso solo se viste dal punto di vista del desiderio di controllare e usurpare, depredare e umiliare.

E il coronavirus?

Gli Stati Uniti stanno cercando di sfruttare la situazione, monopolizzare la cura e salvare la loro economia e valuta, a spese di miliardi in tutto il mondo?

Il 15 marzo 2020, The Sun ha riferito:

“Donald Trump aides ‘ha offerto ingenti somme a un’azienda tedesca nel tentativo di accaparrarsi il vaccino contro il coronavirus esclusivamente per gli americani”. “

Un giorno dopo, il 16 marzo 2020, Mail Online ha amplificato la storia:

“I funzionari tedeschi stanno cercando di impedire all’amministrazione Trump di attirare la società biofarmacutica tedesca CureVac negli Stati Uniti per ottenere i suoi vaccini sperimentali al coronavirus esclusivamente per gli americani.

Il presidente Donald Trump ha offerto fondi per attirare la società CureVac negli Stati Uniti. Il governo tedesco ha fatto delle controfferte per far rimanere l’azienda, secondo un rapporto del quotidiano tedesco Welt am Sonntag.

Una fonte del governo tedesco non identificata ha detto al giornale che Trump sta cercando di garantirsi il lavoro degli scienziati in esclusiva, e farebbe qualsiasi cosa per ottenere un vaccino per gli Stati Uniti – “ma solo per gli Stati Uniti” “.

Il comportamento dell’Impero potrebbe facilmente mostrarsi più malato del coronavirus stesso.

Aerei USA bombardano

Gli Stati Uniti occupano e aggrediscono i paesi e poi li puniscono quando questi cercano di proteggersi. Israele fa lo stesso. E così fa lo stesso l’ Indonesia, l’India e NATO come blocco. La Turchia si sta trasformando in un regime maniacale. L’Iran, il Venezuela e altri paesi stanno reclamando, brutalizzati per nessun motivo da sanzioni ed embarghi. La Russia viene costantemente demonizzata dall’Occidente, solo per aiutare le nazioni aggredite, in Medio Oriente, in Africa e America Latina.

Guardo tutto questo e mi chiedo: quanto può andare oltre? Tutto questo brigantaggio e idiozia continueranno da ora in poi, e saranno sempre accettati come una normalità?

Ma torniamo al coronavirus. È tutto collegato a quanto ho menzionato sopra, non è vero? Miliardi di persone vengono ora private dei loro diritti e della loro volontà, spinti in giro e completamente controllati, tutto giustificato da una malattia con il tasso di mortalità poco di più di un’influenza ordinaria? E la gente nota che le vittime vengono ora trattate come criminali, qualcosa che sarebbe stato inimmaginabile solo un paio di decenni fa.

La Cina, infettata o no dagli Stati Uniti, viene continuamente insultata, isolata e diffamata. La propaganda anti-cinese occidentale è intervenuta, quasi dall’inizio dell’epidemia. Che cosa brutta; che fatto mostruoso!

I propagandisti occidentali sono vigili, nell’ attesa, controllano il mondo. Come i pesci piranha, attaccano alla velocità della luce, ogni volta che viene versato del sangue o viene esposto un pezzo di carne.

Quando si verifica un disastro, sfruttano appieno le debolezze del loro avversario. Vanno per l’uccisione. E non c’è nulla di umano nel loro comportamento. È un attacco calcolatore contro la vittima. È l’oscillazione chirurgica di un bisturi, progettata per uccidere, nel modo più terrificante.

La Cina ha reagito in modo totalmente opposto: quando l’Italia è stata infettata, i medici cinesi hanno offerto il loro aiuto. Sono volati in Italia con medicine e attrezzature.

E la Cina non è sola. Ogni volta che colpiscono le catastrofi, in qualsiasi parte del mondo, i medici cubani e i commando di soccorso decollano, purché possano viaggiare e aiutare.

Anche il Venezuela. Era solito fornire carburante a basso costo, anche alle persone bisognose che per caso erano cittadini del suo arcinemico – gli Stati Uniti.

E la Russia, in qualsiasi forma (come la più grande Repubblica Sovietica o come Federazione Russa), ha aiutato dozzine e dozzine di nazioni decimate: curando i loro malati, educando i loro studenti, costruendo infrastrutture, diffondendo la cultura attraverso libri e musica, tutto nelle lingue locali.

Aiuti russi distribuiti in Siria

La Russia non parla molto: fa, esegue, aiuta. E così anche Cina, Cuba e altri.

Vorrei vedere il mondo unito. Voglio sperimentare l’umanità intraprendendo un bellissimo progetto: migliorare il pianeta, cercare, insieme, un sistema egualitario, senza miseria, senza malattie incurabili, senza depravazione.

Ma non sono ingenuo. Vedo quello che l’Occidente, il suo estremo capitalismo e l’imperialismo stanno facendo al mondo.

E sono convinto che solo gli ismi classici sono in grado di evocare compassione e solidarietà nelle persone. I propagandisti di Washington e Londra ti dicono il contrario; mentiranno a te che il comunismo e il socialismo sono morti, o almeno totalmente obsoleti. Non fidarti di loro; sai che i loro obiettivi non hanno nulla a che fare con il miglioramento della vita sul nostro pianeta. Qualunque cosa tu ascolti, fidati del contrario.

In questo momento, la nostra razza umana è come una persona malata, molto malata. Non a causa del coronavirus, ma a causa della risposta al coronavirus.

La Cina non è affatto il vero malato dell’Asia. Non importa come sia successo, la Cina si è infettata, ma poi si è alzata in piedi, ha combattuto con grande determinazione e coraggio e ha iniziato a debellare la malattia. I medici cinesi, i cinesi in generale, stanno celebrando. Sono estatici. Stanno vincendo, i loro primi ospedali dedicati ai pazienti con coronavirus si stanno chiudendo a Wuhan. Il loro sistema è chiaramente vittorioso, creato per il popolo.

Quasi contemporaneamente, la Cina ha iniziato ad aiutare altri paesi.

In realtà, la Cina e la sua gente si comportano come dovrebbero comportarsi gli esseri umani. E se questo si chiama “malato”, allora chi sarebbe quello che è “sano”?

*Andre Vltchek è un filosofo, romanziere, regista e giornalista investigativo. È un creatore del Mondo di parole e immagini di Vltchek e uno scrittore che ha scritto numerosi libri, tra cui la Cintura e l’iniziativa stradale della Cina: Paesi che vengono collegati, salvando milioni di vite . Scrive in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook” (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • Eugenio Orso
    24 Marzo 2020

    Si prevede che il prossimo grande focolaio della pandemia saranno gli stati uniti …
    Una giusta nemesi?

    Cari saluti

  • Glu
    24 Marzo 2020

    Ci sarà una giustizia

  • Mardunolbo
    24 Marzo 2020

    Ricevuta info dalla Cina, che ritengo importantissima !
    Con aiuto di giornalisti investigativi, americani, in Cina è stato trasmesso che con la delegazione militare americana dei giochi di ottobre, sarebbe arrivato il virus. Una ricercatrice del laboratorio statunitense , chiuso improvvisamente per ragioni ignote, ufficiale donna, militare, è arrivata a Wuhan per i giochi militari. Hanno identificato lei con nome cognome e viso.
    Guarda caso questa lavorava nel laboratorio di ricerca virus e malattie infettive chiuso rapidamente.
    Ma non è tutto ….una sua parente, ritornata in Olanda è stato il primo caso olandese, dunque si può risalire tranquillamente all’origine prima della pandemia.
    Orbene , questo non autorizza a identificare la portatrice americana come “volontaria” ma identifica certamente come sia stata la delegazione americana a portare il virus. Ovvio che il sospetto che quella si sia portato il virus deliberatamente (su ordine superiore) è assai legittimo.
    Aspettiamo che la notizia si diffonda come merita su internet,ma scordatevi che trapeli nelle tv di stato europee o ameri-cagne !
    Comunque un grande rebus che non penso si possa risolvere e che potrebbe innescare pesantissime situazioni mondiali.

  • eusebio
    25 Marzo 2020

    Gli USA sono già arrivati a 50000 casi, tra poco raggiungeranno la Cina, sono un paese al collasso, la sua ricchissima e ristrettissima oligarchia ha praticamente distrutto la classe media togliendole il lavoro e i diritti, delocalizzando le fabbriche, privatizzando i servizi, azzerando i diritti, ed esportando la satanica ricetta nel resto dell’occidente.
    Il suo spaventoso debito pubblico non più rimborsabile di 25 trilioni di dollari ne fanno uno stato fallito, producono quasi solo armi scadenti su componenti cinesi, importano tutto, pagano un trilione l’anno di interessi sul debito, nessuno vuole più i loro titoli di stato, la FED inonda di dollari il sistema finanziario per permettere alle banche di comprare i titoli di stato ad aste che altrimenti andrebbero deserte eppure la borsa sale mentre i prezzi delle materie prime crollano, segno che l’economia reale è ferma.
    La pandemia potrebbe segnare la fine dell’egemonia USA, difatti Russia e Cina sono le uniche potenze che stanno aiutando i paesi in difficoltà.

    • atlas
      25 Marzo 2020

      R I P E T O: fossi stato un politico di Russia e Cina proprio quì non avrei aiutato UN CAZZO di nessuno ! A meno che non ci si leghi a loro mani e piedi, da schiavi, come siamo degli ameri cani adesso. Io non porgo l’altra guancia e coloro che li odiano e li disprezzano, sia in italia che nelle Sicilie sono tanti, la stragrande maggioranza. Lascino che crepiamo tutti, siamo solo gentaglia bastarda e figlia di puttana !

Inserisci un Commento

*

code