"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Nikki Haley: l’agente di influenza di Israele

di Philip Giraldi

Non era la prima volta che un ex funzionario dell’intelligence senior aveva espresso un giudizio sul fatto che Trump fosse una risorsa dell’intelligence sfruttato dai russi. Durante la campagna, l’ex direttore facente funzione della CIA Michael Morell ha scritto un editoriale per il New York Times dal titolo “I Ran the CIA: Now I’m Endorsing Hillary Clinton”.

Morell ha ragionato che Putin, un astuto e ufficiale dell’intelligence russa nella sua vecia carriera, è “addestrato a identificare le vulnerabilità in un individuo ed a sfruttarle … Nel settore dell’intelligence, diremmo che Putin aveva reclutato Trump come un inconsapevole agente del Federazione Russa. “Morell ha continuato spiegando che ha basato la sua critica sulla sua valutazione che” Mr. Trump ha … preso posizioni politiche coerenti con gli interessi russi, non americani … ”

Essendo stato effettivamente un caso ufficiale, a differenza degli “esperti” della tecnica Clapper e Morell, non sono sicuro di cosa significhi realmente o inconsapevolmente. Ma accetterò la definizione di Morell secondo cui agire per una potenza straniera si adatta alla definizione di un “agente di influenza“. Basandomi su questo, penso che ci siano alcuni individui nell’amministrazione Trump che sono più o meno diretti da un governo straniero e il suo servizio di intelligence e quel governo sarebbe Israele.

Vorrei sapere di più, ad esempio, sui legami che il genero e la famiglia del presidente hanno con Israele e con la sua leadership. I kushner sono estremamente vicini al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e, se i resoconti dei media sono corretti, si sono impegnati nel sostegno finanziario degli insediamenti israeliani in Cisgiordania, che gli Stati Uniti, così come il resto della mondo, considerano illegali.

E poi c’è l’ambasciatore americano in Israele, David Friedman, che è noto per essere un sostenitore dei coloni e Jason Greenblatt, il “negoziatore” regionale designato. Quale è esattamente il loro rapporto con Israele? Qualcuno di loro ha la doppia nazionalità? I contribuenti americani che non pagano i loro stipendi e le loro spese, pur dovendo subire il danno che stanno facendo alla reputazione dell’America attraverso la loro identificazione con un regime di apartheid, non dovrebbero sapere a chi sono veramente leali? Forse un po ‘di trasparenza sarebbe dovuta.

David Friedman (sinistra) con Marc Zell

Per i modelli di Per Morell, Kushner, Friedman e Greenblatt potrebbero essere considerati agenti d’influenza dato il loro breve periodo in cui i funzionari statunitensi sembrano includere l’assicurazione che Israele sia stato soddisfatto per tutto quello che loro fanno. Quante volte si incontrano privatamente con i funzionari israeliani? Gli agenti dell’intelligence sono coinvolti nelle loro riunioni? Cosa non riferiscono a Washington?

Tuttavia, il mio candidato che più verosimilmente è un agente di influenza israeliano de facto è l’ambasciatore americano delle Nazioni Unite Nikki Haley. Haley ha chiarito sin dall’inizio che lei è tutta a favore di Israele e che non ha mai fatto nulla di diverso quando ha dato quell’impressione, in modo così drammatico come nell’ultima settimana in cui stava dichiarando di “prendere i nomi” e minacciava rappresaglie contro qualsiasi paese che fosse così “irrispettoso” “come per avere il coraggio di votare contro il disastroso riconoscimento di Washington di Gerusalemme quale capitale di Israele, cosa che ha anche contribuito a realizzare.

Come governatore della Carolina del Sud, Haley fu identificata come un sostenitore indiscusso di Israele. Subito dopo essersi insediata alle Nazioni Unite, si è lamentata del fatto che “da nessuna parte l’insuccesso delle Nazioni Unite è stato più coerente e più scandaloso che nella sua inclinazione contro il nostro stretto alleato Israele” e ha promesso che “i giorni in cui viene colpita Israele sono finiti”. Ha fatto visita in Israele, è stata applaudita e onorata dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

A febbraio, Haley ha bloccato la nomina dell’ex primo ministro palestinese Salam Fayyad a una posizione diplomatica alle Nazioni Unite perché è un palestinese. In un’audizione congressuale della scorsa settimana, le è stata chiesta la decisione: “È questa posizione dell’amministrazione che il sostegno a Israele e il sostegno per la nomina di un individuo ben qualificato di nazionalità palestinese a un appuntamento alle Nazioni Unite si escludono a vicenda?” Haley ha risposto di sì, che l’amministrazione sta “supportando Israele” bloccando l’accesso a ogni palestinese.

Nikki Haley al CNSU dell’ONU

Haley è inevitabilmente un intransigente su Siria e Iran, riflettendo il pregiudizio israeliano. Ha detto che il cambio di regime a Damasco è una priorità dell’amministrazione Trump. In un recente attacco ha coinvolto nell’avvertimento la Casa Bianca per aver “identificato potenziali preparativi per un altro attacco di armi chimiche da parte del regime di Assad”. Haley ha elaborato un tweet, “… ulteriori attacchi saranno attribuiti ad Assad ma anche a Russia e Iran che sostengono il suo uccidendo la sua stessa gente “. A un certo punto, Haley ha avvertito:” Dobbiamo vedere la Russia scegliere di schierarsi con il mondo civilizzato contro un governo di Assad che terrorizza brutalmente la sua stessa gente “.

Vorrei sottolineare che nessuna di queste posizioni prese da Haley corrisponde a un vero interesse americano, ma tutte coinvolgono le preferenze israeliane. Come nei casi di Kushner, Friedman e Greenblatt, vorrei sapere con quale frequenza si incontra da sola con i funzionari israeliani e, soprattutto, i servizi segreti. Sta prendendo direttive dal governo israeliano? Lei è un agente di influenza israeliano o solo una pazza credulona? Il pubblico americano, che la paga e deve sopportare le conseguenze delle sue azioni, deve saperlo.

Fonte: Russia Insider

Traduzione Sergei Leonov

*

code

  1. Eugenio Orso 2 settimane fa

    Piaccia o non piaccia il presidente Assad, lui, ovviamente con il suo gruppo di potere e i militari siriani, ha rappresentato l’ultimo vero baluardo contro le bande tagliagole mercenarie jihadiste che avrebbero ridotto tutta la Siria a inferno diviso in gironi/emirati in lotta perenne fra loro, provocando la fuga di gran parte della popolazione e stragi inaudite (ancor peggiori di quelle osservate).
    Le interferenze nella politica Usa non sono russe, come millantano le inchieste e i media occidentali serve, ma sono ebree-israeliano-sioniste, con il coinvolgimento sionista, delle lobby ebraiche e di israele … Questo lo capisce anche un bimbo!

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. XD 2 settimane fa

      Beh… ovviamente sì.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. max tuanton 2 settimane fa

    Eccetto Orso (che ora NE parla giustamente )tutti gli altri controinformatori se NE stanno in silenzio dei veri eroi da fumetto su carta parlano del niente il loro motto e'” vietato disturbare il sonno ” QUANDO c’e’da affrontare il tema ebrei cominciano a balbettare divagano diventano spossati evaporano ,adesso poi Colmo dei colmi fanno I partiti ” LA mossa del cavallo” e questi SAREBBERO LA controinformazione .Digitate:” LUI E TORNATO FILM COMPLETO” Le lancette del tempo DEVONO tornare indietro !!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      “preferisco i cattivi ai cretini, poichè ogni tanto i primi si riposano” Talleyrand

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mardunolbo 2 settimane fa

    Salvo i soliti commenti-monologhi del Tuanton, spesso non si commentano le informazioni che verificano,attestano e riconfermano quanto gia’ si conosce della perfidia sionista e dei tentativi continui di denigrare i rivelatori delle trame.
    la Nikka Halei , che certamente e’ ebraica, ha gia’ piu’ volte manifestato la sua furibonda partigianeria per Israele e l’unica cosa che le si possa augurare e’ di vederla lacera e confusa dopo essersi “incontrata” con dei bei negroni rigorosamente ameri-cani (importati da ebrei nelle schiavizzazioni forzate indotte dai soliti ebrei nel commercio9 degli schiavi).
    Solo cosi’ sara’ ripagata dalle sue parole di odio da maestrina prepotente.
    Ricorda molto una tizia che presiede,ahinoi, una dirigenza in Italia e che anche lei avrebbe bisogno di una terapia d’urto di natura immigrazionista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 2 settimane fa

      le vedrei bene tutte e due in case di prostituzione in Germania, a Francoforte, appena si esce dalla stazione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. max tuanton 2 settimane fa

    LA mia veemenza e’ dovuta xche’ non riesco a commentare ,su YouTube su Facebook niente ,riesco solo con 1 cell,visto che mi ci trovo vi do 2 video digitate “Davide benetello una storia fraudolenta ” questi sono veramente DEGLI alieni ! L’altro video :” Davide benetello olocausto” il video da 32 minuti e’ di un bel bel Pastore veramente bravo e chiaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Woland 2 settimane fa

      ma piantala con sto benetello della mutua. Se ti interessa l’argomento leggi un libro serio, di mattogno, o graf o qualche altro storico preciso e documentato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace