Niger: quando il rifiuto colpisce Washington allo stesso modo dei suoi vassalli

di Mikhail Gamandiy-Egorov

La Repubblica del Niger denuncia la cooperazione militare con gli Stati Uniti. Questa posizione del paese membro dell’Alleanza degli Stati del Sahel (AES) non solo conferma la sua ferma posizione a favore del panafricanismo e del multipolarismo, ma rafforza anche la tesi più volte sollevata in precedenza, vale a dire che il regime statunitense sta già soffrendo la crisi dello stesso rifiuto su scala continentale africana dei suoi fedeli vassalli europeisti.

Se per alcuni, e in particolare per gli arroganti rappresentanti del regime di Washington, questo è stato accolto come un’onda d’urto, per gli osservatori che conoscono veramente i sentimenti che regnano nella maggioranza africana, come del resto nel mondo, la decisione delle autorità del Il Niger è stata tutt’altro che una sorpresa.

Il Consiglio Nazionale per la Protezione della Patria (CNSP), in un comunicato stampa pubblicato il 16 marzo 2024, ha denunciato l’accordo sullo status delle forze americane e dei dipendenti civili del Dipartimento di Difesa americano di stanza in territorio nigerino – scrive il Niger Agenzia di Stampa (ANP) . Tra le ragioni addotte per denunciare questi accordi c’è che la presenza di questa forza americana sul suolo del Niger è eccessivamente costosa per i contribuenti nigerini, le autorità nigerine non sono informate di nulla di ciò che accade nel loro campo e tanto meno delle operazioni che queste forze effettuano dal Niger. Gli aerei americani sorvolano il territorio senza alcuna autorizzazione e queste forze non sono coinvolte nella lotta al terrorismo che provoca tanti morti nel Paese.

Nel comunicato stampa, il Niger ricorda che il 12, 13, 14 marzo 2024 una delegazione di funzionari americani di alto livello ha soggiornato in Niger. “ Formalmente, l’arrivo della delegazione americana non ha rispettato le pratiche diplomatiche. Infatti, è stato unilateralmente e con una nota verbale che il governo americano ha informato il governo nigeriano della data di arrivo, della composizione della sua delegazione, e senza alcuna precisione sullo scopo della sua visita , spiega il comunicato stampa del governo nigeriano che , per cortesia e seguendo antiche tradizioni di accoglienza e ospitalità, ha ricevuto questa delegazione americana.

“ In sostanza, gli scambi tra le due delegazioni si sono concentrati principalmente sulla transizione militare in corso in Niger, sulla cooperazione tra i due paesi, in particolare quella militare e sulla lotta al terrorismo, sugli orientamenti politici e sulle prospettive del Niger riguardo l’aspetto relativo alla scelta dei partner sul piano diplomatico, militare e strategico, fermo restando che nell’approccio americano tutte e tre queste questioni sono profondamente legate ” continua il governo nigerino.

Affrontando la questione della transizione in corso in Niger e del ritorno, quanto prima possibile, dell’ordine costituzionale e democratico, il governo del Niger ha ribadito alla delegazione americana ” la sua ferma volontà di organizzare quanto prima il ritorno ad una vita normale ed a un ordine costituzionale”. . Si tratta di un impegno solenne, assunto con piena responsabilità dal Presidente del Consiglio Nazionale per la Tutela della Patria, Capo dello Stato ”.

Niger Manifestanti pro Russia

Per quanto riguarda la scelta dei suoi partner diplomatici, strategici e militari, il governo del Niger si rammarica ” del desiderio della delegazione americana di negare al popolo sovrano nigeriano il diritto di scegliere i propri partner e il tipo di partenariato veramente dedicato alla lotta contro il terrorismo”, anche se gli Stati Uniti d’America hanno deciso unilateralmente di sospendere ogni cooperazione tra i nostri due paesi ”.

Inoltre, il governo del Niger denuncia, con ” forza, l’atteggiamento condiscendente accompagnato da minacce, di ritorsioni da parte del capo della delegazione americana nei confronti del governo e del popolo del Niger ” perché per il Niger “ questo atteggiamento è destinato probabilmente a minare la qualità delle nostre relazioni secolari e a ridurre la fiducia tra i nostri due governi già danneggiata dagli eventi del 19 ottobre 2023 ”.

Per quanto riguarda il caso specifico della Federazione Russa e della Repubblica Islamica dell’Iran, il Niger ribadisce di non aver mai firmato alcun accordo segreto per la fornitura di uranio all’Iran e tratta da pari a pari con la Russia nell’ambito dell’acquisto delle sue armi. Il governo nigerino ha riaffermato il suo impegno a cooperare con tutti i paesi amanti della giustizia in conformità con le norme del diritto internazionale. Fine del comunicato stampa.

Ora e in termini di prospettive a questo punto sta diventando evidente che, in primo luogo, l’Occidente collettivo nel suo insieme – in realtà non è diverso nelle sue principali forme e particolarità. È importante chiarire che stiamo parlando specificamente dei regimi occidentali e non necessariamente dei cittadini dei paesi interessati nel loro insieme. Washington, pur essendo molto più intelligente dei suoi vassalli e subappaltatori europeisti, dopo tutto ciò è nella natura stessa anglo-americana, sta seguendo le orme dei fallimenti e delle umiliazioni di questi ultimi. Per che cosa ? Perché è incapace di agire diversamente. Ancora una volta – agisce con estrema arroganza, disprezzo, condiscendenza – obblighi, ecc.…

In secondo luogo, e questo è un punto che Continental Observer ha già sollevato più volte, il regime statunitense oggi non ha nulla di serio, né di vitale, da offrire al continente africano. Assolutamente niente. Se si tratta solo di parole vuote, false promesse e, come al solito, lezioni di pseudo-democrazia, con la salsa neocoloniale specifica dell’estrema minoranza planetaria occidentale. Poter utilizzare solo i vassalli a sua disposizione – con l’obiettivo di poter sfruttare il loro potenziale sempre più morente per destabilizzazioni di ogni tipo, contro nazioni africane libere, sovrane e orgogliose.

In terzo luogo, come è accaduto negli ultimi anni con i regimi europeisti, in particolare quello francese, l’effetto domino è ben lungi dall’essere terminato. E se Washington pensava seriamente di poter evitare lo stesso rifiuto in Africa sperimentato dal suo vassallo, in qualità di regime macroniano, si sbagliava ampiamente. Tutto continuerà solo perché il processo specifico dell’era multipolare contemporanea sta solo guadagnando velocità. Una velocità davvero impressionante.

E infine un ultimissimo punto – finché l’establishment occidentale – sia esso Washingtoniano, londinese, parigino o berlinese – non ha capito che l’Africa contemporanea si afferma forte e chiaro come polo essenziale dell’ordine multipolare internazionale, di ogni progetto – come ha affermato la minoranza planetaria occidentale-NATO – sarà perduta in anticipo. Ma per gli occidentali i problemi e le umiliazioni sono appena iniziati sul serio. Ed è ben meritato. Perché, a parte i molteplici crimini commessi su scala globale, l’estrema minoranza globale allo stesso tempo non ha fatto alcuno sforzo per riconoscere almeno l’ordine mondiale contemporaneo. Nessuna lamentela, assumiamoci solo la responsabilità del danno. Dall’attuale ordine mondiale multipolare nascerà l’ordine internazionale multipolare post-occidentale. Punto.

Fonte: Observateur Continental

Traduzione: Gerad Trousson

6 commenti su “Niger: quando il rifiuto colpisce Washington allo stesso modo dei suoi vassalli

  1. Lo scacchiere mondiale ha preso una piega contraria ai genioni banditi fessacchiotti dell’America e c. .
    L’occidente, già di dimensioni modeste, si riduce continuamente di superficie, e inoltre ha poche ricchezze minerali e di idrocarburi ………. come la “terra promessa”, sono tutti territori POVERI, data la negatività dell’occidente. Cosa vuol dire fare i conti senza l’OSTE.

  2. In Indocina i colonialisti francesi furono sconfitti militarmente in modo umiliante e dovettero darsela a gambe ! Poteva l’occidente lasciare l’Indocina (Vietnam, Cambogia, Laos ecc) indipendente e libera di collaborare con i vicini russi e cinesi ? Quando mai ! Quindi in sostituzione degli sconfitti francesi arrivarono i marines USA agitando il pericolo “comunista”, in realtà per tenere in piedi regimi fantoccio per circondare da est Russia e Cina, e come sappiamo fecero la stessa fine ! Ora la storia si ripete ! Cacciati i francesi dai paesi africani “francofoni” arriva direttamente il padrone americano a dettare legge ed impedire la collaborazione di questi paesi (Niger, Mali ecc.) con Russia e Cina ! Anche questa volta andrà a finire nello stesso modo, cioè con la cacciata degli USA dall’Africa ! https://narraredistoria.com/2022/05/08/13-marzo-7-maggio-1954-dien-bien-phu-la-fine-del-colonialismo-francese/

  3. Tutti gli imperi, nella storia, sono finiti per non aver voluto condividere il potere (per dirlo terra-terra), dopo averlo avuto tutto nelle proprie mani. Sarebbe curioso che l’impero americano facesse eccezione. Terminerà, dopo aver raggiunto il climax del dominio (dopo la caduta del muro di Berlino), esattamente come sono terminati tutti i precedenti, dopo aver raggiunto il loro massimo.

    1. Ciclicità storica. E l’ umana caratteristica di voler possedere sempre più e non accontentarsi mai. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM