Niger: la Guinea annuncia che non applicherà le sanzioni imposte dall’ECOWAS e mette in guardia i capi di Stato dall’intervento militare


di Alessandro L.

Dopo il sostegno espresso da Mali e Burkina Faso, il Niger può contare sull’appoggio della Guinea, altro Paese guidato da una giunta militare guidata dal colonnello Mamadi Doumbouya.

In una dichiarazione pubblicata lunedì 31 luglio 2023, il presidente del National Rally Committee for Development annuncia che la Guinea non attuerà la batteria di sanzioni prese dall’ECOWAS domenica 30 luglio 2023, durante un vertice speciale tenutosi ad Abuja.

La Guinea avverte che qualsiasi intervento militare in Niger porterà alla dislocazione dell’ECOWAS, riafferma la sua visione panafricanista e invita l’ECOWAS a concentrarsi su questioni socio-economiche strategiche piuttosto che preoccuparsi del destino dei presidenti estromessi.

“Il CNRD rimane convinto che le nuove autorità faranno ogni sforzo per garantire stabilità e armonia in Niger e nella sub-regione. Le misure sanzionatorie raccomandate dall’ECOWAS, compreso l’intervento militare, sono un’opzione che non può essere una soluzione al problema attuale ma comporterebbe un disastro umano le cui conseguenze potrebbero andare oltre i confini del Niger. Pertanto, il CNRD si astiene dall’applicare queste sanzioni illegittime e disumane contro il popolo fraterno e le autorità del Niger, ed esorta l’ECOWAS a tornare a sentimenti migliori. La Repubblica di Guinea ribadisce con questo comunicato stampa la sua visione panafricanista portando la sua solidarietà alla popolazione del Niger e invitando le nuove autorità del CNSP a preservare l’unità e la coesione nazionale.», indica il comunicato stampa delle autorità guineane.

Niger: manifestanti con bandiere russe

Nota: Un nuovo duro colpo per i neocolonialisti francesi ed anglosassoni che pensavano di mantenere i paesi africani sottomessi. Al contrario questi paesi si stanno risvegliando e giocano di sponda con la Russia e la Cina per non rimanere vincolati alle direttive dei colonialisti occidentali. Dopo Burkina Fasso e Mali, anche la Guinea si schiera con il nuovo corso segnato dal cambi di regime in Niger. Il paradosso della storia è quello che, proprio coloro che hanno seminato cambi di regime e colpi di stato per i loro interessi in Africa, in Latino America ed est Europa, ora si trovano a deprecare quanto avviene al di fuori del loro controllo e dei loro interessi. Anglosassoni e francesi schiumano rabbia per il nuovo corso ma sono impotenti nel fermarlo. La Storia procede in avanti e lascia indietro i neocolonialisti ed i loro lacchè dei governi europei (quelli del “giardino incantato” di Borrel).

Fonte: Notizie Cameroun

Traduzione e nota: Luciano Lago

6 commenti su “Niger: la Guinea annuncia che non applicherà le sanzioni imposte dall’ECOWAS e mette in guardia i capi di Stato dall’intervento militare

  1. Se intervengono gli alleati della Francia, l’ECOWAS, potranno intervenire gli alleati del Niger?
    Forse Macron decontestualizza gli eventi pensando ai ragazzi della via Paal, o a quando era un loro coetaneo

  2. l’occidente satanista e plutocratico ha osato scatenare sanzioni economiche politiche e militari contro la Russia, pensavano che l’erede di Pietro il grande sarebbe rimasto inerte? chi semina vento raccoglie tempesta, e devono ringraziare che il presidente russo è un pacifista per bene, il compagno stalin li avrebbe puniti come meriterebbero.
    Che Dio lo protegga è l’unico che può impedire che la dittatura liberista continui a dominare il mondo, onore e gloria a santa Madre Russia e al presidente Vladimir putin

  3. Con un colpo di Stato militare in Africa gli USA perdono un regime Africano Filo-USA controllato dalla Francia che acquistava l” Uranio ad un basso costo e lo smerciava in tutti i paesi Filo-USA della NATO !
    Il nuovo governo Africano si capisce che è amico della Russia e della Cina perciò se la Francia e i paesi della UE e della NATO vorranno l” Uranio Africano lo dovranno PAGARE !
    Oppure a testa bassa dovranno far pace con la Russia e pregarla di vendergli l” Uranio Russo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM