Niente da offrire se non l’egemonia

In netto contrasto con i doppi funzionari statunitensi/occidentali – di cui non ci si può mai fidare – il leader mondiale preminente, Vladimir Putin, dice ciò che intende, intende ciò che dice, è un uomo di parola e molto tempo fa ha dimostrato la sua affidabilità.

Se la comunità mondiale delle nazioni avesse una leadership come Putin, la pace, l’equità e la giustizia regnerebbero sovrane sulle continue guerre USA/Occidente sull’umanità e sul governo, da parte e per i pochi privilegiati, a spese di tutti gli altri.

Durante il suo discorso di giovedì, di 42 minuti al Valdai Discussion Club a Mosca — seguito da una sessione di domande e risposte di tre ore senza note predisposte, teleprompter o altri aiuti — Vladimir Putin ha affrontato la questione di “Un mondo post-egemonico: giustizia e Sicurezza per tutti”.

Decine di rappresentanti di 47 nazioni erano presenti per ascoltare le sue osservazioni.

Un nuovo ordine mondiale multilaterale sta sostituendo il momento unipolare dell’Occidente dominato dagli Stati Uniti, ha sottolineato Putin.

E non si può tornare a come erano le cose durante la maggior parte del periodo successivo alla seconda guerra mondiale.

Quest’ordine non c’è più, Putin osserva:

I funzionari “(A) aggressivi, neocoloniali” negli Stati Uniti e in Occidente sono nemici mortali della pace mondiale, dell’equità, della giustizia e della stragrande maggioranza delle persone ovunque.

L’Occidente dominato dagli Stati Uniti “non ha nulla da offrire al mondo se non la conservazione del suo dominio” – nient’altro che il flagello dell'”egemonia”.

Forze statunitensi in Polonia

Ci troviamo su una frontiera storica”, ha sottolineato Putin, aggiungendo:

Ci attende probabilmente il decennio più pericoloso, imprevedibile e, allo stesso tempo, importante dalla fine della seconda guerra mondiale”.

L’umanità è minacciata dall’obiettivo geopolitico “pericoloso, sanguinario e sporco” dell’Occidente dominato dagli Stati Uniti di egemonizzare la comunità mondiale delle nazioni con la forza bruta e ogni sporco trucco immaginabile.

Nessuno può “stare fuori”.

“Chi semina vento raccoglierà tempesta”.

“La crisi (made-in-the-USA) ha assunto una portata davvero globale”.

“Colpisce tutti, altrimenti non dovremmo farci illusioni”.

Nel 1978, Alexander Solzhenitsyn disse che “l’Occidente ha una cecità derivante dal suo senso di superiorità”.

Citando lui, Putin ha sottolineato che “(a)quasi mezzo secolo dopo, la cecità di cui (lui) ha parlato… è diventata semplicemente abbrutita, specialmente dopo l’emergere (dopo la seconda guerra mondiale) del cosiddetto mondo unipolare”.

Operando secondo il suo “ordine basato su regole” – in flagrante violazione del diritto internazionale e della propria stessa legge costituzionale – l’impero delle menzogne ​​e delle guerre eterne contro nemici inventati richiede la sottomissione della comunità mondiale ai suoi scopi diabolici.

Obbedisci o ti distruggiamo è la politica ufficiale di Hegemon USA.

Così è “cancellazione della cultura”.

In modo simile a come la Germania nazista ha bruciato i libri, gli Stati Uniti e l’Occidente hanno bandito tutto ciò che è russo (incluso Dostojevski, Ciajkovskij, Checov ed altri).

I loro regimi di governo cercano di eliminare “il potenziale creativo (e) lo sviluppo di altre civiltà”, ha spiegato Putin.

La dissoluzione della Russia sovietica nel 1991 è stata all’origine della crescente crisi odierna.

Ha “distrutto l’equilibrio delle forze politiche”.

“L’Occidente (collettivo) si è sentito vincitore e ha proclamato un ordine mondiale unipolare in cui solo la sua volontà, la sua cultura, i suoi interessi avevano il diritto di esistere”.

Nel perseguimento dei loro scopi diabolici, (i regimi statunitensi/occidentali) provocano e intensificano un conflitto dopo l’altro.

Conducono guerre preventive perpetue con mezzi caldi e/o altri contro nemici inventati.

In particolare sono in corso su ciò che riguarda Russia e Ucraina, nonché Cina e Taiwan.

“Le provocazioni statunitensi (includono) la destabilizzazione (dei) mercati alimentari ed energetici mondiali”, ha affermato Putin, aggiungendo:

La sedicente “infallibilità” americana/occidentale è un’illusione “molto pericolosa”.

“La presunzione delle elite (dei loro regimi al potere) è fuori scala”.

E questo test di realtà di Putin, ha proseguito dicendo:

“Americanofobia, anglofobia, francofobia, germanofobia sono forme di razzismo, proprio come la russofobia e l’antisemitismo o qualsiasi manifestazione di xenofobia”.

La comunità mondiale delle nazioni è a un bivio: «o continuare ad accumulare il peso dei problemi che inevitabilmente ci schiacceranno tutti, o cercare di trovare soluzioni… che potrebbero non essere ideali, ma che funzionano e che sono in grado di rendere il nostro mondo più stabile e più sicuro”.

Dopo la fine della Guerra Fredda, il messaggio della Russia “andiamo d’accordo” all’Occidente dominato dagli Stati Uniti è stato ignorato.

Sul probabile complotto di Kiev fabbricato negli Stati Uniti per far esplodere una bomba sporca pensando falsamente alla Russia, Putin ha accolto con favore un’indagine sulle capacità nucleari di Kiev “il più rapidamente possibile”, aggiungendo:

“Sappiamo (nel regime controllato dagli Stati Uniti è) che fa tutto il possibile per nascondere le tracce dei (suoi) preparativi”.

In netto contrasto con la spinta all’egemonia degli Stati Uniti praticamente con ogni sporco trucco del manuale, la Russia dà la priorità alla pace mondiale, alla stabilità e alle relazioni di cooperazione con le altre nazioni, secondo lo stato di diritto.

L’Occidente dominato dagli Stati Uniti è un nemico mortale della gente comune ovunque.

La Russia è il loro alleato, Putin dice:

“Il futuro ordine mondiale si sta formando davanti ai nostri occhi”.

“E in questo ordine mondiale, dobbiamo ascoltare tutti, tenere conto di ogni punto di vista, ogni nazione, società, cultura, ogni sistema di visioni del mondo, idee e credenze religiose, senza imporre una sola verità a nessuno, e solo su questo base, comprendendo la nostra responsabilità per il destino dei nostri popoli e del pianeta, per costruire una sinfonia della civiltà umana”.

Se l’Occidente collettivo abbracciasse la visione di cui sopra, immagina come sarebbero le cose diverse invece del triste stato delle cose di oggi.

Immagina un mondo sicuro e adatto in cui vivere invece del contrario a causa del puro male che infesta l’Occidente collettivo e della riluttanza dei loro regimi al potere di cambiare.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:20h, 29 Ottobre Rispondi

    La forza della ragione… contro delirio di onnipotenza angloamericano…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 12:40h, 29 Ottobre Rispondi

    Gli USA in Ucraina si proponevano di rapinare la Russia delle sue risorse e di mettere nei guai l’industria tedesca ,facendola rimanere a corto di energia : l’economia della carta – la finanza americana- contro l’economia delle cose tedesca. L’economia tedesca non può reggere e infatti il Cancelliere è pronto a partire per la Cina con una delegazione di industriali. Non può reggere neanche l’industria italiana agganciata a quella tedesca. Gli americani sono nostri nemici, agiscono contro i nostri interessi con la complicità di molti noti traditori.

  • Giorgio
    Inserito alle 16:52h, 29 Ottobre Rispondi

    La cabala sarà pure dovunque …. ma intanto chi ci occupa militarmente, economicamente e politicamente sono gli scarponi USA-UK-NATO-SIONISTI …. e non quelli russi-cinesi-iraniani ….
    Dire che sono tutti d’accordo, equivale ad assolvere i nostri carnefici (o qualunque altro carnefice, tanto son tutti in combutta tra loro) e che non abbiamo nessuna speranza …. e a diffondere rassegnazione e disfattismo, accettando l’oppressione liberal democratico globalista ….
    MAI e POI MAI !!!!!

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 18:57h, 29 Ottobre Rispondi

    NIENTE DA OFFRIRE SE NON L’EGEMONIA … e infatti l’egemonia della lìngua inglese avrebbe reso gli anglofoni +- i meno bilingui del mundo, e il bilinguismo permette maggiore intelligenza (ad es., nelle scuole si vedrebbe che: quasi sempre, in Sardegna, un bambino bilingue italiano/sardo è +intelligente di chi sa solo italiano; in Scozia il bambino bilingue cêlticoscozzese/inglese sarebbe quasi sempre +intelligente del bambino che parla solo inglese; …). troppo lontani i tèmpi in cui gli USA erano fortemente bilingui (sarebbe più di 100anni fà, ormai), ad es. -> mnhs.org -> Swedish American Newspaper Publishing/Svensk-amerikansk tidningsutgivning -> “Between 600 and 1,000 Swedish language newspapers were published in the United States” “Chicago, were according to one estimate, 187 Swedish language periodicals were published”. in Cali4nia, un po’, soffia vento di secessione (California National Party, ad es.) dagli USA, probab. a causa della maggiore intelligenza dei californiani rispetto agli altri degli USA… e infatti LosAngeles sarebbe fortemente bilingue spagnolo/inglese e ormai lo spagnolo sarebbe +parlato dell’inglese

Inserisci un Commento