Netanyahu: le armi occidentali fornite all’Ucraina sono già “ai confini di Israele”

placeholder

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha riconosciuto che alcune armi fornite dall’Occidente all’Ucraina sono state trovate lungo le linee di confine del suo paese.
In un’intervista pubblicata il 22 giugno dal The Jerusalem Post , il leader israeliano ha spiegato alcuni dei motivi per cui Tel Aviv ha rifiutato di sostenere militarmente il governo di Volodimir Zelenski.
Uno di questi motivi, ha detto, è il timore che le armi occidentali mettano a rischio la sicurezza nazionale di Israele.

“Siamo preoccupati che qualsiasi sistema che consegniamo all’Ucraina possa essere usato contro di noi, in quanto potrebbe cadere nelle mani dell’Iran ed essere usato contro di noi. E comunque, non è una possibilità teorica. In realtà è successo con i sistemi anti-carro occidentali, armi che ora troviamo nei nostri confini. Quindi dobbiamo stare molto attenti a questo riguardo”, ha detto Netanyahu.
Secondo il primo ministro, Israele non cambierà la sua posizione neutrale riguardo all’operazione militare di Mosca in Ucraina.
“Israele si trova in una situazione particolare, diversa dalla Polonia, dalla Germania, dalla Francia o da qualsiasi altro paese occidentale che sta aiutando l’Ucraina. Prima di tutto, abbiamo uno stretto confine militare con la Russia. I nostri piloti stanno volando proprio accanto ai piloti russi nei cieli sopra la Siria. E penso che sia importante mantenere la nostra libertà di azione di fronte ai tentativi dell’Iran di posizionarsi militarmente sul nostro confine settentrionale”, ha affermato.

Il giornalista Seymour Hersh afferma che l’Occidente sa che le armi spedite a Kiev finiscono sul mercato nero
Tuttavia, Netanyahu non ha escluso la possibilità che, a un certo punto, il suo Paese trovi un modo per “aiutare a porre fine a questo conflitto”.

“Non sono sicuro che accadrà. Potrebbe essere del tutto ipotetico, ma potrebbe accadere”, ha detto.
“Bisogna essere molto prudenti negli affari internazionali. C’è simpatia, c’è aiuto per la protezione civile. Ma penso che dobbiamo tracciare il limite con attenzione e la gente lo capisce. Devo dire che la maggior parte dei capi di governo dei paesi occidentali, quando glielo spiego, sostanzialmente annuiscono e sono d’accordo”, ha aggiunto.

Il 16 giugno, l’agenzia di stampa Walla ha riferito che Kiev ha richiesto forniture di sistemi di difesa aerea e antimissile , come l’Iron Dome, da Israele . Tuttavia, queste richieste sono state respinte dalle autorità israeliane a causa dei timori di Tel Aviv che le sue tecnologie segrete potessero cadere nelle mani dell’Iran.

Missili antiaerei Stinger

Nello stesso mese, l’Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione tra le forze dell’ordine (Europol) ha confermato casi di contrabbando di armi da fuoco dall’Ucraina da parte di gruppi criminali.

Nonostante questa prudenza di Israele, le armi occidentali fornite all’Ucraina, in qualche modo (tramite il mercato nero) finiscono nelle mani delle milizie che operano nei paesi confinanti di Israele e che possono usare queste armi per attaccare Israele.

Nota: Non c’è da meravigliarsi poichè queste armi sono arrivate persino in Messico, trovate nelle mani delle bande dei narcos. Chinque abbia abbastanza soldi per acquistare in contanti armi americane o dei paesi Nato, può fare domanda presso gli oligarchi ucraini di Kiev. Riceverà una offerta con spedizione inclusa a prezzi di saldo.

Fonte: Rt Actualidad

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM