“Netanyahu è malato di mente”: il parlamentare israeliano, a sostegno di Gaza

placeholder

Un membro del parlamento israeliano afferma che il primo ministro di questo regime, Benjamin Netanyahu, è un “malato mentale”, colpevole della morte dei palestinesi.

“Netanyahu è malato di mente. È ossessionato dall’incendiare e bombardare ed è responsabile di ogni goccia di sangue versata a Gaza […] Il mio cuore va al popolo di Gaza ”, ha detto mercoledì Ofer Cassif, un membro ebreo del parlamento israeliano.

Nelle dichiarazioni rilasciate alla rete statunitense CNN , il deputato israeliano ha accusato Netanyahu di aumentare la tensione nei territori palestinesi occupati con l’intenzione di preservare il suo gabinetto.

Come ha spiegato Cassif, la situazione che attualmente stanno vivendo la Striscia di Gaza assediata e i territori occupati è il risultato del fallimento subito da Netanyahu lo scorso aprile, quando i partiti di opposizione hanno preso il controllo del parlamento .

Ofer Cassif, accusa Netanyahu di essere malato di mente

“Netanyahu è responsabile dello spargimento di sangue, ed è responsabile di ogni goccia di sangue che ebrei e palestinesi versano”, ha ribadito.
L’escalation di violenza del regime israeliano contro i palestinesi è esplosa quando, all’inizio del mese sacro del Ramadan – il mese di digiuno per i musulmani – le autorità israeliane hanno imposto restrizioni all’accesso dei palestinesi alla spianata della moschea di Al-Aqsa. ad Al-Quds (Gerusalemme), nonché l’ordine per lo sgombero delle famiglie palestinesi dal quartiere di Sheikh Yarrah, situato nella stessa città occupata.

La Resistenza palestinese ha ripetutamente invitato Israele a fermare tali attacchi, ma Israele ha ignorato gli avvertimenti e ha persino intensificato le atrocità contro il popolo palestinese attraverso una serie di attacchi aerei contro la Striscia di Gaza assediata , fino al 10 maggio e dopo la scadenza del ultimatum dichiarato dal Movimento di Resistenza Islamica Palestinese (HAMAS), la Resistenza Palestinese, più unita che mai, ha preso l’iniziativa e ha lanciato la grande Operazione Spada di Al-Quds per vendicarsi delle aggressioni israeliane.

Tali atrocità da parte del regime di occupazione a Tel Aviv hanno fatto indignare il mondo e le organizzazioni internazionali, che chiedono la fine immediata delle aggressioni contro il popolo palestinese.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Lucino Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus