Nelllo Yemen si sta avverando lo scenario peggiore per Washington, Rihyad e el Aviv


Si dice che l’ex vicesegretario di Stato americano per gli affari mediorientali, David Schenker, abbia recentemente ammesso che l’esercito yemenita ei Comitati popolari di Ansar Allah “siano sul punto di liberare la città di Ma’rib”.

Schenker ha giustificato la sua paura dell’imminente liberazione di Marib perché loro ( l’esercito yemenita e i comitati popolari ) ‘se controllano il centro energetico in Yemen, avranno effettivamente vinto la guerra’, e questo è ‘lo scenario peggiore che potrebbe accadere per Riyadh, Washington e il popolo yemenita’, come ha detto.

Le confessioni di Schenker non si sono fermate a questo punto, anzi, ha ritenuto che “il treno è stato davvero perso e si può solo rimediare”, comitati e membri delle tribù yemenite stanno per esporre la città di Ma’rib al loro fuoco.

Esperti militari hanno confermato che l’esercito e i comitati controllavano la maggior parte delle aree sui fronti occidentale e nord-occidentale, fino alla prevista vittoria decisiva nell’ultima catena montuosa rappresentata nei Balcani orientali, dopo il loro controllo sulle aree tribali dalla metà di quest’anno , e il loro progresso rispettivamente nelle zone interne medie e nelle aree che si affacciano sulla diga di Ma’rib. Questo farà sì che le forze del fuggitivo Abd Rabbo Mansour Hadi (il fantoccio dei sauditi) e le milizie del partito ‘Islah’ perdano le loro fortificazioni, e abbandonino la città di Marib esposta al fuoco delle forze armate e dei comitati popolari.

Preoccupazioni americane, saudite e “israeliane

Il Jerusalem Post ha detto che, se Ansar Allah “dovesse catturare” la città, sarebbe una sconfitta militare e morale per l’Arabia Saudita. Ansar Allah considera la loro battaglia contro l’ Arabia Saudita come parte della loro guerra globale contro “Israele” e gli Stati Uniti, e che Marib è solo una pietra angolare.. Riyadh sta affrontando un attore regionale. Delle minacce che si estendono su una distanza di migliaia di chilometri dallo Yemen attraverso il Golfo di Oman al Kuwait, e attraverso l’Iraq e Al-Bukamal verso la Siria al Libano .. “Israele” vede anche questo arco di minacce come fonte di seria preoccupazione”.
Lo Yemen è ormai parte integrante dell’asse della Resistenza, come Hezbollah in Siria, le forze di Mobilitazione Popolare in Iraq, la stessa Siria e l’Iran.

Le preoccupazioni americane non si limitavano agli inviati americani nello Yemen: i sauditi, insieme agli occupanti israeliani, sono più critici dei loro omologhi americani, a causa degli sviluppi militari in corso nello Yemen e dell’apertura della piazza Marib al fuoco dell’esercito yemenita, comitati e tribù. Disegnando la mappa della regione e dividendo la sua ricchezza e le aree di influenza, un fatto rivelato pochi giorni fa dal quotidiano israeliano “Jerusalem Post”, che ha sottolineato notevolmente che la battaglia di Ma’rib è la battaglia di ” Israele” .

Pulizia accurata

A questo proposito, il Governatore di Ma’rib Ali Muhammad Taiman ha confermato la continuazione delle operazioni delle Forze Armate e dei Comitati Popolari fino alla completa purificazione del governatorato di Ma’rib dagli invasori e aggressori, e che le vittorie conseguite dai eroi dell’esercito e dei comitati popolari negli assi e nei percorsi del Fronte di Serwah soni culminate nella liberazione di vaste aree e nell’accesso ai confini della città di Ma’rib, lodando le posizioni popolari e l’ampio schieramento nazionale a sostegno del dell’esercito e dei comitati popolari, nella battaglia per liberare la provincia dagli invasori e dagli occupanti.

Toaiman ha rinnovato l’appello per coloro che rimangono degli ingannati che sono ancora dalla parte della coalizione, ad approfittare della decisione di amnistia generale e tornare alla fila nazionale e lasciare che gli invasori e gli occupanti affrontino il loro inevitabile destino nelle mani di gli eroi dell’esercito ei comitati popolari sostenuti dalle tribù libere di vari direttori.

Combattenti Houthy nello Yemen

Forza di difesa aerea yemenita

Come abbiamo detto, quello che esaspera questi scenari oscuri di fronte a Schenker e di fronte all’inviato speciale degli Stati Uniti in Yemen, “Tim Lenderking”, arrivato lunedì nella capitale provvisoria di Aden alla sua prima visita dalla sua nomina a inviato nel suo paese lo scorso febbraio, è la velocità dei successivi sviluppi nel paese, questo piano completo per l’ aggressione generale allo Yemen e un’altra battuta d’arresto potrebbe essere inflitta dalle difese aeree dell’esercito yemenita e dei comitati popolari. All’alba Martedì l’ aereo spia Asagaat yeh, dell’Arabia Saudita è il quinto tipo ( Eagle residenti Scan Eagle) di aereo americano – realizzato quest’anno, progettato e realizzato dalla società Insito, una sussidiaria dell’American Boeing Company, da 11,25 milioni di dollari, abbattuto mentre si trovava in una ricognizione senza equipaggio aereo che funziona per localizzare con precisione i bersagli dall’aria ed è dotato di una telecamera di sorveglianza elettro-ottica e di un’altra telecamera a infrarossi.

L’abbattimento dell’aereo saudita-americano oggi è avvenuto a seguito dell’avanzata dell’esercito e dei comitati, con l’appoggio dei membri della tribù di Ma’rib, da quattro assi principali per stringere il cappio militare sulle forze della coalizione nella città di Ma’rib, tra cui “Al-Falaj, Serwah, Al-Nadod, Al-Alamein, Al-Akhshab, Raghwan, Madghal, e il campo di Al-Khanjar dopo averlo controllato”. Nelle ultime ore, l’avanzata verso il campo di al-Ruwaik vicino alla strada Safer-Al-Abr, dove queste forze hanno preso d’assalto la punta occidentale di Falaj dopo aver inflitto pesanti perdite umane e materiali ai ranghi delle forze della coalizione nella regione dei Balcani orientali, mentre i droni dell’esercito e dei comitati popolari hanno preso di mira i raduni di coalizione e militanti di al-Qaeda nell’area Il falaj, che ha provocato la morte e il ferimento di molti di loro, e la distruzione di un certo numero di veicoli militari.
La vittoria dello Yemen sulla coalizione saudita e anglo americana è ormai a portata di mano.

Mr. Abu Iman

Fonte: Al Alam News

Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus