Nella competizione per il vaccino anti-Covid, gli USA utilizzano le sanzioni per bloccare la sperimentazione in Russia e in Cina

Mentre prosegue la corsa al vaccino per il Covid-19, gli USA cercano di bloccare la sperimentazione del vaccino russo contro il Covid decretando sanzioni contro gli istituti di ricerca russi che hanno scoperto e brevettato il primo vaccino contro il Covid-19.

Alla fine di Agosto, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha inserito nella lista nera circa 60 istituti di ricerca in tutto il mondo, tra cui tre istituti russi, uno dei quali stava lavorando a un vaccino contro il coronavirus COVID-19, sostenendo che questi istituti erano coinvolti nello sviluppo di armi chimiche e biologiche.

La portavoce russa, Maria Zakarova, ha affermato che questa mossa degli Stati Uniti difficilmente può essere definita il passo giusto verso la cooperazione nella lotta contro la pandemia.

Ha sottolineato che Washington non ha fornito alcuna prova delle sue accuse, mentre la Russia ha smesso di sviluppare armi chimiche e biologiche nel 1992 e ha finito di distruggere tutte le loro scorte nel 2017.

Attualmente, gli Stati Uniti rimangono l’unico membro della Convenzione sulle armi chimiche che possiede ancora armi chimiche e rilascia licenze per produrre “varie invenzioni relative all’uso di agenti di guerra chimica a tutti gli effetti, inclusi agenti nervini”, ha detto Zakarova.

Non è un mistero che gli USA dispongono di laboratori biologici militari in vari paesi del mondo sotto lo stretto controllo del Pentagono. Alcuni di questo sono stati anche al centro di accuse e di inchieste, come avvenuto per i laboratori biologici militari USA che si trovano in Ucraina ed in Georgia.

Le attività della Russia nella sfera biomedica sono di natura puramente pacifica e rispettano pienamente gli obblighi previsti dalla Convenzione sulle armi biologiche e tossiche (BTWC), come evidenziato dalle informazioni fornite ogni anno sulle strutture russe e sulle attività biologiche come parte del rafforzamento della fiducia della BTWC misure, ha detto la Zakarova..

Allo stesso tempo, ci sono molte domande sulle attività biomediche di Washington, sia negli Stati Uniti che oltre i suoi confini nazionali e non c’è motivo di affermare che le attività svolte nei laboratori biologici statunitensi siano pienamente conformi alla BTWC, ha aggiunto la Zakarova.

Laboratorio biologico militare USA in Georgia

La portavoce russa ha ricordato che un’indagine sugli attacchi terroristici che hanno comportato l’invio di spore di antrace negli Stati Uniti nel 2001 ha rivelato che lo scienziato che ha inviato buste con veleno ha lavorato nel biolaboratorio di Fort Detrick, che è in prima linea nella struttura di biosicurezza dell’esercito americano.

“Invece della pressione delle sanzioni, suggeriamo che gli Stati Uniti si siedano al tavolo dei negoziati per discutere in un formato bilaterale tutte le questioni accumulate”, ha detto Zakarova. 

Sembra evidente che Washington vuole bloccare gli altri paesi, in particolare Russia e Cina, dal predisporre un vaccino sperimentato e messo in commercio prima degli Stati Uniti per assicurare alla propria industria farmaceutica (il Big Pharma) i proventi della commercializzazione del vaccino, per quando sarà pronto.

La Russia fornirà 100 milioni di dosi di vaccino anti Covid nei paesi dell’America Latina

Ricercatori russi sperimentano vaccino anti covid

Cento milioni di dosi di Sputnik V, il vaccino russo in fase di sviluppo contro il Covid-19, saranno fornite a diverse nazioni latinoamericane una volta completate le loro prove, come indicato dal Fondo per gli investimenti diretti di quel paese europeo. 

Secondo quanto indicato da Kiril Dmitriev, il capo del citato fondo russo, il 9 settembre si è convenuto di inviare 32 milioni di dosi in Messico e, successivamente, sono stati stipulati accordi per inviarne fino a 100 milioni in più a vari paesi della regione. 

“Ora, la questione più complessa è produrre un numero sufficiente di vaccini per soddisfare la domanda. Siamo disposti a firmare accordi con diversi paesi, ma per noi è importante farlo in modo responsabile in base alle capacità di produzione”, ha detto l’alto funzionario. 

Tra le nazioni che riceverebbero le dosi dell’antidoto russo c’è il Brasile, dove il governo di Vladimir Putin ha già accettato di fornire vaccini allo Stato del Paraná. 

Come azione complementare, la produzione congiunta di questo vaccino sarà avanzata in diversi laboratori brasiliani e si cercheranno accordi simili con le nazioni vicine. 

L’obiettivo della Russia è produrre almeno 200 milioni di dosi entro la fine del 2020 in territori stranieri e raggiungere i 500 milioni nel corso del prossimo anno. 

Il programma di sviluppo del vaccino Sputnik V prosegue nonostante le sanzioni degli USA.

Fonti: France 24 Xinhuanet

Traduzione e sintesi: Gerard Trousson

3 Commenti

  • rossi
    13 Settembre 2020

    GRANDE RUSSIA, GRANDISSIMI GAMALEIA E VECTOR, speriamo che stiano anche preparando un controattacco biologico, chi la fa se lo aspetti….

    • atlas
      13 Settembre 2020

      ma SPERIAMO. Bisogna pensare in grande. Tutti gli stati uniti rasi al suolo, tutta la democra-cia bandita dal mondo, non deve crescere più nemmeno l’erba, si salveranno solo gli Slayer

      ma muoriamo tutti, chissenefrega, meglio l’atomica della mascherina. Che poi, correttamente, andrebbe messa anche sul buco del culo, perchè le scorregge sono aria che trasmette ‘il virus’ …

  • Idea3online
    14 Settembre 2020

    La Russia con il vaccino Sputnik 5 è come se avesse un ruolo di katéchon per trattenere il vaccino di BILL GATES.
    https://www.geopolitica.ru/it/article/bill-gates-vaccinazioni-microchip-e-il-brevetto-060606

Inserisci un Commento

*

code