Nel frattempo in Altre notizie… La guerra per procura in Ucraina è un disastro assoluto per gli USA/NATO

placeholder

Ci sarà un inferno da pagare per i governanti statunitensi ed europei che hanno puntato tutto sulla loro nefasta ambizione di una “sconfitta strategica della Russia”.

La guerra per procura dell’Ucraina contro la Russia può essere sempre più vista come una disastrosa sconfitta per gli Stati Uniti e la NATO. Questo straordinario risultato dovrebbe fare notizia in tutto il mondo. Invece, la macchina dei media occidentali è in overdrive per un fallito ammutinamento in Russia, che su una scala oggettiva di eventi importanti è relativamente minore rispetto al colossale scandalo del fallimento USA/NATO.

Una controffensiva ucraina durata un mese non è riuscita a intaccare le difese della Russia, nonostante miliardi di dollari ed euro in armi incanalate al regime di Kiev dal blocco NATO. Questa è una calamità e uno scandalo davvero sbalorditivi. La morte e la distruzione di decine di migliaia di soldati ucraini sono completamente inutili sono oscene, simili al massacro della prima guerra mondiale da parte di insensibili generali e politici da poltrona.

Anche i funzionari occidentali e il corrotto regime di Kiev, avido di denaro, stanno timidamente ammettendo che la tanto decantata controffensiva – salutata per mesi come un prevedibile colpo di martello contro le forze russe – è un fallimento. Migliaia di soldati ucraini e forze speciali della NATO segretamente sul terreno sono stati uccisi. Centinaia di carri armati e veicoli di fanteria sono stati polverizzati dalla superiore potenza di fuoco russa.

È un massacro e un’orgia di racket di guerra che le élite politiche americane ed europee, insieme ai loro servitori dei media, hanno promosso all’infinito.

Ci sarà un inferno da pagare per i governanti americani ed europei che hanno puntato tutto sulla loro nefasta ambizione per la “sconfitta strategica della Russia” (sotto la capziosa maschera della “difesa della democrazia” in un regime nazista!)

Le conseguenze politiche per il presidente degli Stati Uniti Joe Biden faranno sembrare il suo ritiro dall’Afghanistan nel 2021 un picnic mentre le elezioni presidenziali incombono il prossimo anno.

Per quanto riguarda l’Unione Europea, i cui leader hanno seguito pedissequamente la follia di Washington in Ucraina, le ripercussioni del caos economico e politico mineranno fatalmente questa entità già vacillante.

In definitiva, non c’è modo di sfuggire all’imminente crisi geopolitica sismica, non importa quanto gli elitari governanti occidentali si dimenino e si nascondano per evitare la responsabilità.

Meloni con Zelensky

Il tumulto dell’affare Prigozhin in Russia nell’ultima settimana, che ha visto un tentativo di ammutinamento da parte del capo della compagnia militare privata Wagner, è arrivato in un momento conveniente per gli Stati Uniti e l’UE. Ha momentaneamente distratto dal disastro assoluto che Washington e i suoi alleati della NATO hanno creato in Ucraina. Ma mentre la farsa di Prigozhin svanisce, l’attenzione si concentrerà giustamente sullo scandalo ben più grande della sconfitta guidata dall’Occidente in Ucraina.

Chi risponderà delle innumerevoli vite perse, dei milioni di sfollati, delle economie e dei mezzi di sussistenza americani ed europei gettati nel caos? Tutti i cosiddetti leader occidentali, così come gli spudorati organi di stampa che propagandano la guerra, sono una galleria di canaglia che a tempo debito dovrà affrontare un severo esame da parte del loro pubblico, quando i polli torneranno inesorabilmente a casa.

In modo inquietante, tuttavia, a breve termine, i folli governanti di Washington e dell’Europa non mostrano alcun legame con la realtà e non tornano indietro nella loro ossessione per la guerra.

Questa settimana, il presunto alto diplomatico dell’Unione Europea, Josep Borrell, propone di trasformare il cosiddetto European Peace Facility del blocco in un “fondo per la difesa dell’Ucraina”. L’UE ha già impegnato oltre 50 miliardi di euro di denaro dei contribuenti per sostenere il regime neonazista a Kiev. Ora, burocrati non eletti come Borrell vogliono trasformare l’intero scopo dell’UE in un banchiere per la guerra in Ucraina.

Questa settimana la Danimarca ha preso l’iniziativa, tra gli altri stati europei, di avviare un programma di addestramento dei piloti per gli ucraini e altri mercenari della NATO per pilotare i caccia F-16 di fabbricazione statunitense.

Secondo quanto riferito, anche la Casa Bianca di Biden sarebbe vicina alla firma della fornitura di missili ATACMS a lungo raggio all’Ucraina, che sarebbero in grado di lanciare attacchi sul territorio russo. Biden ha già bruciato 150 miliardi di dollari di denaro pubblico per recintare un regime corrotto di Kiev il cui esercito e le armi della NATO sono stati cancellati. (Naturalmente, questo è un affare super redditizio e auto-rafforzante per il complesso militare-industriale statunitense e i loro magnaccia politici a Washington, incluso Biden.)

In altre parole, invece di rassegnarsi alla realtà che la guerra per procura guidata dagli Stati Uniti in Ucraina contro la Russia è condannata, l’amministrazione Biden e i suoi tirapiedi europei stanno raddoppiando. Sono legati dalle loro stesse camicie di forza ideologiche, interessi personali corrotti, profitti a breve termine dell’élite della guerra e russofobia.

I leader occidentali stanno persino facendo la contorta deduzione che il fallito ammutinamento in Russia sia una ragione in più per cui gli Stati Uniti e la NATO dovrebbero aumentare le armi al regime di Kiev. Antony Blinken, il Segretario di Stato americano, questa settimana si è gongolato per una presunta opportunità di infliggere una sconfitta strategica alla Russia. Tale pensiero è completamente delirante e follemente pericoloso.

Il conflitto in Ucraina potrebbe finire in breve tempo. Non avrebbe mai dovuto iniziare. La soluzione per porre fine alle violenze è la stessa propugnata da tempo da Mosca: formulare accordi di sicurezza geopolitica e in particolare la neutralità dell’Ucraina rispetto all’adesione alla NATO.

I governanti occidentali non hanno imparato nulla. In vista del vertice NATO che si terrà tra due settimane a Vilnius l’11-12 luglio, la Gran Bretagna e altri chiedono che l’adesione dell’Ucraina sia accelerata. Una tale mossa consoliderà il percorso verso una guerra totale con la Russia.

Armare ulteriormente l’Ucraina e spingere per l’adesione alla NATO non è semplicemente scavare un buco più profondo per te stesso. Sta spingendo la situazione oltre l’abisso. (……………………….)

C’è un presentimento che piuttosto che affrontare la responsabilità per la loro nemesi ucraina, l’élite occidentale preferirebbe iniziare la Terza Guerra Mondiale.

Questa è la presa di coscienza più riprovevole della classe politica occidentale e della loro cosiddetta democrazia liberale. È una cabala fascista disposta a suicidare il mondo.

Fino a un punto indefinito, la formidabile deterrenza militare della Russia può tenere a bada la cabala occidentale dalle sue illusioni guerrafondaie, e in questo modo esporre sempre più il sistema psicopatico occidentale per quello che è. Ma per una transizione storica verso un mondo più pacifico, l’onere è sulle persone in Occidente di abbattere il loro sistema guerrafondaio e tenere conto dei loro leader criminali. Sempre che nel frattempo la Terza Guerra Mondiale potrà essere evitata, ovviamente.

Editoriale

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM