Negoziati in buona fede non sono nel DNA di Washington

di Stephen Lendman

Washington non negozia con paesi sovrani indipendenti. Fa soltanto richieste unilaterali.
I colloqui diretti o indiretti con le nazioni libere dal suo controllo sono destinati a fallire anche se inizialmente sembrano avere successo.

Di volta in volta, le promesse degli Stati Uniti sono vuote.
Non valgono la carta su cui sono scritte, prima o poi vengono violate. Succede più e più volte.
Ecco perché i colloqui con gli Stati Uniti si stanno rivelando inutili, una perdita di tempo.

Indipendentemente da ciò che è stato promesso, non ci si può mai fidare dei suoi regimi al potere.

Da quando il 6 aprile sono iniziati i colloqui del JCPOA (accordo sul nucleare) tra Iran, paesi E3, Russia e Cina, non sono stati compiuti progressi per ottenere che il regime di Biden sollevi tutte le sanzioni imposte illegalmente alla Repubblica islamica dal suo predecessore – o altre questioni chiave.

Il mese scorso, dopo l’incontro con Netanyahu in Israele, l’interventista Blinken ha sfidato la realtà dicendo quanto segue:
“(Non abbiamo ancora visto se l’Iran è pronto e disposto a prendere una decisione per fare ciò che deve fare (sic).”
“Questo è il test e non abbiamo ancora una risposta (sic).”

Fatto: l’Iran è in piena conformità con i suoi obblighi del trattato JCPOA.
Fatto: i passi compiuti dopo l’abbandono illegale da parte di Trump dell’accordo storico sono consentiti dagli articoli 26 e 36 dell’accordo.

Fatto: in netto contrasto, gli Stati Uniti e l’E 3 continuano a violare i loro obblighi del JCPOA, mentre incolpano falsamente l’Iran per la propria non conformità, oltre a far risorgere più volte il luogo comune smentito molto tempo fa sullo sviluppo della “bomba” iraniana.
Quello che non è mai esistito, non esiste ora.

Il mondo intero sa che Israele è l’unico stato regionale armato e pericoloso con armi nucleari, ma in Occidente non si sente una parola, solo grandi bugie sull’Iran e su altri paesi liberi dal controllo egemonico degli Stati Uniti.
Martedì, il capo negoziatore iraniano a Vienna Abbas Araqchi ha affermato che quasi due mesi di colloqui non sono riusciti a ottenere progressi su questioni chiave.

Dopo diversi round di colloqui, rimangono irrisolti.

L’Iran’s Nour News ha accusato gli Stati Uniti e la Gran Bretagna di “manipolare i colloqui per compiacere Israele” a spese del rispetto dei loro obblighi JCPOA.
Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh ha accusato i loro regimi al potere di cambiare gli obiettivi dei colloqui di Vienna.

Oltre a suggerire falsamente che l’Iran potrebbe cercare di sviluppare armi nucleari, Blinken ha raddoppiato le sue grandi bugie accusando falsamente Teheran di “azioni destabilizzanti nella regione” – le stesse con cui abitualmente operano la NATO, Israele e i loro partner dominati dagli Stati Uniti, non la Repubblica islamica .

Dal momento che Blinken e altri estremisti del regime di Biden hanno promesso di tornare alla conformità al JCPOA, non hanno adottato misure concrete per mantenere il loro impegno in oltre quattro mesi da quando hanno sostituito Trump con un furto elettorale sfacciato.

Prima di iniziare il quinto round di colloqui a Vienna la scorsa settimana, Araqchi ha affermato che “bisogna ancora risolvere importanti questioni”.
Pur non partecipando direttamente ai colloqui, il regime di Biden ha ostacolato la risoluzione di questioni chiave.
Suggerisce un’impasse, una realtà probabile che tutte le parti sono riluttanti ad ammettere.

Finché le questioni intrattabili rimarranno irrisolte e gli intransigenti del regime di Biden si rifiuteranno di revocare tutte le sanzioni imposte illegalmente dal loro predecessore – la loro politica in questo momento – i colloqui rimarranno in una situazione di stallo, non importa per quanto tempo continueranno.

Blinken Netanyahu

Non viene riportato esattamente ciò di cui hanno discusso Blinken e Netanyahu.

Lui e gli estremisti israeliani dominanti sono attivamente impegnati contro il ripristino dell’ accordo del JCPOA con il ritorno alla conformità di Washington.

Dato il supporto unilaterale degli Stati Uniti di lunga data per tutto ciò che riguarda Israele e l’ostilità verso l’Iran dalla sua rivoluzione liberatrice del 1979, è difficile immaginare che gli intransigenti al comando di entrambe le ali del partito di guerra degli Stati Uniti cambino le loro posizioni su entrambi i paesi.

Per ora i colloqui sul JCPOA a Vienna continuano, un sesto round probabilmente seguirà quello attuale, forse più round per settimane o più a venire.
Se gli estremisti responsabili dell’agenda geopolitica di Biden fossero stati seri nel tornare alla conformità al JCPOA e nell’abolire le sanzioni imposte illegalmente, non sarebbero stati necessari altri round.

Invece si trascinano senza soluzione di questioni chiave e il rifiuto del regime di Biden di revocare tutte le sanzioni imposte illegalmente all’Iran.

Se invariata, quest’ultima posizione è un rompicapo.
Anche se nulla è certo e le sorprese sono possibili, l’impasse sembra essere la direzione in cui le cose stanno andando.
In tal caso, l’Iran sarà falsamente accusato per la violazione del diritto internazionale da parte del regime di Biden su tutto ciò che riguarda il JCPOA e la Repubblica islamica.

Fonte: Stephen Lendman

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • atlas
    Inserito alle 00:49h, 03 Giugno Rispondi

    qualcuno mi aiuti a capire quali sono le notizie, sia per questo che per il precedente e successivo articolo. Mi consentano, ma per me è come sforzarsi nel comprendere la comicità di Benigni