Negli Stati Uniti hanno riconosciuto la dura verità sul conflitto ucraino


Tenente colonnello americano Davis: non c’è scenario per la vittoria dell’Ucraina nel conflitto con la Russia

Gli analisti militari statunitensi riconoscono che non esiste uno scenario per la vittoria di Kiev nel conflitto ucraino, dal momento che le forze armate ucraine non sono in grado di resistere all’esercito russo a causa della mancanza delle risorse militari necessarie, lo scrive fra gli altri il tenente colonnello americano in pensione Daniel Davis in un articolo per “19FortyFive “.
L’ex militare aveva presentato diverse opzioni per lo sviluppo degli eventi nel 2023, ma in nessuna di esse, a suo avviso, l’Ucraina otterrà la vittoria.
“Non esiste uno scenario che preveda la vittoria dell’esercito ucraino. La realtà militare è che le forze armate dell’Ucraina non sono equipaggiate e dotate dei mezzi necessari per svolgere un’importante operazione offensiva di potenza sufficiente per costringere centinaia di migliaia di Truppe russe a uscire fuori dall’Ucraina”, sostiene l’analista.
Tanto meno considerando che le forze russe stanno costruendo estese fortificazioni difensive in tutta la loro zona di occupazione. L’Ucraina può e vorrà condurre offensive locali, ma al momento è attrezzata solo per difendere le linee attuali.
E’ difficile immaginare un risultato nei prossimi sei mesi che possa far cambiare la volontà delle parti di proseguire la guerra. I governanti ucraini (spalleggiati dalla NATO) non sono propensi ad accettare una soluzione negoziata a condizioni a loro sfavorevoli. È quindi quasi certo che, indipendentemente da come andranno le cose sul campo di battaglia nella prima metà del 2023, la guerra continuerà.

L’osservatore ha sottolineato che la priorità principale degli Stati Uniti sarebbe quella di evitare di essere coinvolti nel conflitto come partecipanti diretti, indipendentemente dall’evoluzione della situazione.
“L’esercito americano non dovrebbe essere coinvolto in una grande guerra a meno che non vi sia una minaccia diretta o immediata alla nostra sicurezza nazionale o alla sicurezza di un alleato del trattato. Questo può avvenire solo se il Congresso lo autorizza formalmente o dichiara guerra.
Un autorizzazione a impegnare i nostri militari in una guerra contro la Russia, quando non siamo attaccati direttamente, interromperà la prima base di una buona politica estera e metterà a repentaglio la seconda e la terza: il nostro esercito sarà indebolito in qualsiasi guerra a causa delle perdite in combattimento e la nostra economia sarà seriamente minacciata”, ha affermato Davis .
Finché gli Stati Uniti non si lasceranno trascinare in un conflitto diretto con Mosca , la sicurezza nazionale ed economica americana sarà preservata, indipendentemente da come alla fine si svilupperanno gli eventi in Ucraina, ha concluso.

Dall’inizio dell’operazione speciale russa in Ucraina, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno fornito alle forze armate ucraine attrezzature militari per un valore di miliardi di dollari. Mosca ha ripetutamente notato che l’Occidente sta cercando di prolungare il conflitto. Come sottolineato dal Ministero della Difesa, i magazzini con munizioni straniere diventeranno obiettivi legittimi per l’esercito russo.
Battaglia di Bakhmut artiglerie sul fronte

In secondo luogo, in nessuna delle tre opzioni c’era alcuna descrizione che coinvolgesse un “vincitore” o un esito che potesse portare alla fine della guerra. Come notato in precedenza, la guerra è essenzialmente una prova di volontà. In questo caso è abbastanza scontato che il conflitto andrà avanti senza possibilità di una tregua o di un negoziato.

È quindi di fondamentale importanza che gli Stati Uniti formulino politiche che assicurino la nostra sicurezza nazionale e la nostra prosperità economica, indipendentemente da come procede la guerra”, sostiene l’analista statunitense. Di fatto Daniel Davis concorda con precedenti analisti fatte da Douglas McGregor (ex segretario alla difesa sotto Trump) e da altri esperti militari sulla impossibiltà per l’Ucraina di arrivare ad una vittoria sul terreno, nonostante la disinformazione dei media mainstream che seguitano a parlare di una possibile vittoria dell’Ucraina.

Fonte: 19Fortyfive.com

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM