NATO: l’alleanza militare più pericolosa del pianeta

La massiccia espansione della NATO, non solo nell’Europa centrale e orientale, ma anche in Medio Oriente, America Latina, Africa e Asia, fa presagire una guerra senza fine e un potenziale olocausto nucleare.

Di Chris Hedges
Information Clearing House –
L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) e l’industria delle armi che dipende da essa per miliardi di profitti, sono diventate l’alleanza militare più aggressiva e pericolosa del pianeta. Creato nel 1949 per contrastare l’espansione sovietica nell’Europa centrale e orientale, si è evoluto in una macchina da guerra globale in Europa, Medio Oriente, America Latina, Africa e Asia.

La NATO ha ampliato la propria impronta, violando le promesse fatte a Mosca, una volta terminata la Guerra Fredda , con l’ incorporare nell’alleanza 14 paesi dell’Europa centrale e orientale. Presto aggiungerà Finlandia e Svezia.
La stessa NATO ha bombardato Bosnia, Serbia e Kosovo. Ha lanciato guerre in Afghanistan, Iraq, Siria e Libia, provocando quasi un milione di morti e circa 38 milioni di persone cacciate dalle loro case. Sta costruendo un’impronta militare in Africa e Asia. Ha invitato Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud, i cosiddetti “Asia Pacific Four”, al suo recente vertice a Madrid alla fine di giugno. Ha ampliato la sua portata nell’emisfero australe, firmando un accordo di partenariato per l’addestramento militare con la Colombia, nel dicembre 2021. Ha sostenuto la Turchia, con il secondo esercito più grande della NATO, che ha invaso e occupato illegalmente parti della Siria e dell’Iraq. Le milizie sostenute dalla Turchia sono impegnate nella pulizia etnica dei curdi siriani e di altri abitanti della Siria settentrionale e orientale. L’esercito turco è stato accusato di crimini di guerra – inclusi attacchi aerei multipli contro un campo profughi e uso di armi chimiche – nel nord dell’Iraq.


In cambio del permesso del presidente Recep Tayyip Erdoğan per la Finlandia e la Svezia di aderire all’alleanza, i due paesi nordici hanno deciso di espandersile loro leggi sul terrorismo interno rendono più facile reprimere i curdi e altri attivisti, revocare le loro restrizioni alla vendita di armi alla Turchia e negare il sostegno al movimento guidato dai curdi per l’autonomia democratica in Siria.

È un vero record per un’alleanza militare che con il crollo dell’Unione Sovietica è stata resa obsoleta e avrebbe dovuto essere smantellata. La NATO ei militaristi non avevano alcuna intenzione di abbracciare il “dividendo della pace”, favorendo un mondo basato sulla diplomazia, sul rispetto delle sfere di influenza e sulla cooperazione reciproca. Era determinato a rimanere in attività. Il suo mestiere è la guerra. Ciò significava espandere la sua macchina da guerra ben oltre il confine europeo e impegnarsi in un incessante antagonismo verso Cina e Russia.

La NATO vede il futuro, come dettagliato nella sua ” NATO 2030: Unified for a New Era “, come una battaglia per l’egemonia con gli stati rivali, in particolare la Cina, e chiede la preparazione di un conflitto globale prolungato.

“La Cina ha un’agenda strategica sempre più globale, supportata dal suo peso economico e militare”, ha avvertito l’iniziativa NATO 2030. “Ha dimostrato la sua volontà di usare la forza contro i suoi vicini, così come la coercizione economica e la diplomazia intimidatoria ben oltre la regione indo-pacifica.
Nel prossimo decennio, la Cina probabilmente sfiderà anche la capacità della NATO di costruire la resilienza collettiva, salvaguardare le infrastrutture critiche, affrontare le tecnologie nuove ed emergenti come il 5G e proteggere i settori sensibili dell’economia, comprese le catene di approvvigionamento. A lungo termine, è sempre più probabile che la Cina proietti potenza militare a livello globale, anche potenzialmente nell’area euro-atlantica”.

L’alleanza ha respinto la strategia della Guerra Fredda che assicurava che Washington fosse più vicina a Mosca e Pechino di quanto lo fossero Mosca e Pechino l’una all’altra. L’antagonismo tra USA e NATO ha trasformato Russia e Cina in stretti alleati. La Russia, ricca di risorse naturali, tra cui energia, minerali e cereali, e la Cina, un colosso manifatturiero e tecnologico, sono una potente combinazione. La NATO non fa più distinzione tra i due, annunciando nella sua più recente dichiarazione di intentiche l'”approfondimento della partnership strategica” tra Russia e Cina ha portato a “tentativi di reciproco rafforzamento per minare l’ordine internazionale basato su regole che vanno contro i nostri valori e interessi”.

nato In Ucraina

Il 6 luglio, Christopher Wray, direttore dell’FBI, e Ken McCallum, direttore generale dell’MI5 britannico, hanno tenuto una conferenza stampa congiunta a Londra per annunciare che la Cina era “la più grande minaccia a lungo termine per la nostra sicurezza economica e nazionale”. Hanno accusato la Cina, come la Russia, di interferire nelle elezioni americane e britanniche. Wray ha avvertito i leader aziendali a cui si sono rivolti che il governo cinese era “intenzionato a rubare la tua tecnologia, qualunque cosa faccia funzionare il tuo settore, e ad usarla per minare la tua attività e dominare il tuo mercato”.

Questa retorica incendiaria fa presagire un futuro inquietante.

Non si può parlare di guerra senza parlare di mercati. Le turbolenze politiche e sociali negli Stati Uniti, insieme al loro potere economico in diminuzione, li ha portati ad abbracciare la NATO e la sua macchina da guerra come antidoto al suo declino.

Washington e i suoi alleati europei sono terrorizzati dalla Belt and Road Initiative (BRI) cinese da trilioni di dollari destinata a collegare un blocco economico di circa 70 nazioni al di fuori del controllo degli Stati Uniti.
L’iniziativa prevede la realizzazione di linee ferroviarie, strade e gasdotti che saranno integrati con la Russia. Pechino dovrebbe impegnare 1,3 trilioni di dollari per la BRI entro il 2027. La Cina, che è sulla buona strada per diventare la più grande economia del mondo entro un decennio, ha organizzato il partenariato economico globale regionale, il più grande patto commerciale del mondo di 15 nazioni dell’Asia orientale e del Pacifico che rappresentano il 30% del commercio globale. Rappresenta già il 28,7% della produzione manifatturiera globale, quasi il doppio del 16,8% degli Stati Uniti

Il tasso di crescita della Cina lo scorso anno è stato di un impressionante 8,1% , anche se quest’anno è rallentato a circa il 5% . Al contrario, il tasso di crescita degli Stati Uniti nel 2021 è stato del 5,7% , il più alto dal 1984, ma si prevede che quest’anno scenderà al di sotto dell’1% dalla Federal Reserve di New York.

Se Cina, Russia, Iran, India e altre nazioni si liberano dalla tirannia del dollaro USA come valuta di riserva mondiale e dalla Società internazionale per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali (SWIFT), le istituzioni finanziarie utilizzano una rete di messaggistica per inviare e ricevere informazioni come come istruzioni per il trasferimento di denaro, scatenerà un drammatico calo del valore del dollaro e un crollo finanziario negli Stati Uniti Le ingenti spese militari, che hanno portato il debito degli Stati Uniti a $ 30 trilioni, 6 trilioni di dollari in più rispetto all’intero PIL degli Stati Uniti, questo diventerà un peso insostenibile. Il servizio di questo debito costa $ 300 miliardi all’anno.
Abbiamo speso di più per le forze armate nel 2021, 801 miliardi di dollari, pari al 38% della spesa mondiale totale per le forze armate, rispetto ai successivi nove paesi, tra cui Cina e Russia, messi insieme. La perdita del dollaro come valuta di riserva mondiale costringerà gli Stati Uniti a tagliare drasticamente la spesa, chiudere molte delle sue 800 basi militari all’estero e far fronte agli inevitabili sconvolgimenti sociali e politici innescati dal collasso economico. È cupamente ironico che la NATO abbia accelerato questa possibilità.

La Russia, agli occhi degli strateghi della NATO e degli Stati Uniti, è l’antipasto. Il suo esercito, spera la NATO , si impantanerà e si degraderà in Ucraina. Sanzioni e isolamento diplomatico, secondo il piano, scacceranno Vladimir Putin dal potere. Un regime cliente che eseguirà le offerte degli Stati Uniti sarà installato a Mosca.

La NATO ha fornito più di 8 miliardi di dollari in aiuti militari all’Ucraina, mentre gli Stati Uniti hanno impegnato quasi 54 miliardi di dollari in assistenza militare e umanitaria al paese.

La Cina, invece, è la portata principale . Incapaci di competere economicamente, gli Stati Uniti e la NATO si sono rivolti allo strumento contundente della guerra per paralizzare il loro concorrente globale.

La provocazione della Cina replica all’adescamento NATO della Russia.

L’espansione della NATO e il colpo di stato del 2014 a Kiev sostenuto dagli Stati Uniti hanno portato la Russia ad occupare prima la Crimea, nell’Ucraina orientale, con la sua numerosa popolazione di etnia russa, e poi a invadere tutta l’Ucraina per contrastare gli sforzi del paese per aderire alla NATO.

La stessa danza della morte si sta svolgendo con la Cina su Taiwan, che la Cina considera parte del territorio cinese, e con l’espansione della NATO nell’Asia del Pacifico. La Cina fa volare aerei da guerra nella zona di difesa aerea di Taiwan e gli Stati Uniti inviano navi militari attraverso lo Stretto di Taiwan che collega i mari della Cina meridionale e orientale. Il segretario di Stato Antony Blinken a maggio ha definito la Cina la più seria sfida a lungo termine all’ordine internazionale, citando le sue rivendicazioni su Taiwan e gli sforzi per dominare il Mar Cinese Meridionale. Il presidente di Taiwan, in una trovata pubblicitaria simile a Zelensky, ha recentemente posato con un lanciarazzi anticarro in una foto di un volantino governativo.

Il conflitto in Ucraina è stato una manna per l’industria degli armamenti , che, visto l’umiliante ritiro dall’Afghanistan, aveva bisogno di un nuovo conflitto. I prezzi delle azioni della Lockheed Martin sono aumentati del 12%. Northrop Grumman è in rialzo del 20%. La guerra viene utilizzata dalla NATO per aumentare la sua presenza militare nell’Europa centrale e orientale. Gli Stati Uniti stanno costruendo una base militare permanente in Polonia. La forza di reazione della NATO, composta da 40.000 uomini, viene ampliata a 300.000 soldati . Miliardi di dollari in armi stanno riversando nella regione.

Il conflitto con la Russia, tuttavia, si sta già ritorcendo contro

. Il rublo è salito a un massimo di sette anni contro il dollaro. L’Europa sta andando verso la recessione a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio e del gas e del timore che la Russia possa interrompere completamente le forniture. La perdita di grano, fertilizzanti, gas e petrolio russi, a causa delle sanzioni occidentali, sta creando scompiglio nei mercati mondiali e una crisi umanitariain Africa e Medio Oriente. L’aumento dei prezzi del cibo e dell’energia, insieme a carenze e inflazione paralizzante, portano con sé non solo privazione e fame, ma sconvolgimenti sociali e instabilità politica. L’emergenza climatica, la vera minaccia esistenziale, viene ignorata per placare gli dei della guerra.

I war maker sono spaventosamente sprezzanti riguardo alla minaccia di una guerra nucleare. Putin ha avvertito i paesi della NATO che “avranno conseguenze più grandi di quelle che hai affrontato nella storia” se andranno a intervenire direttamente in Ucraina e hanno ordinato alle forze nucleari russe di essere messe in stato di allerta maggiore . La vicinanza alla Russia delle armi nucleari statunitensi con base in Belgio, Germania, Italia, Paesi Bassi e Turchia significa che qualsiasi conflitto nucleare cancellerebbe gran parte dell’Europa.
La Russia e gli Stati Uniti controllano circa il 90 per cento delle testate nucleari del mondo, con circa 4.000 testate ciascunanelle loro scorte militari, secondo la Federation of American Scientists.

Il presidente Joe Biden ha avvertito che l’uso di armi nucleari in Ucraina sarebbe “completamente inaccettabile” e “comporterebbe gravi conseguenze”, senza precisare quali sarebbero tali conseguenze. Questo è ciò che gli strateghi statunitensi chiamano “ambiguità deliberata”.

L’esercito americano, dopo i suoi fiaschi in Medio Oriente, ha spostato la sua attenzione dalla lotta al terrorismo e dalla guerra asimmetrica all’affrontare Cina e Russia. La squadra di sicurezza nazionale del presidente Barack Obama nel 2016 ha condotto un gioco di guerra in cui la Russia ha invaso un paese della NATO nei Paesi baltici e ha utilizzato un’arma nucleare tattica a basso rendimento contro le forze della NATO. I funzionari di Obama erano divisi su come rispondere.

“Il cosiddetto Comitato dei presidi del Consiglio di sicurezza nazionale, inclusi ufficiali di gabinetto e membri dei capi di stato maggiore congiunti, ha deciso che gli Stati Uniti non avevano altra scelta che reagire con le armi nucleari”, scrive Eric Schlosser in The Atlantic . “Qualsiasi altro tipo di risposta, ha affermato il comitato, mostrerebbe una mancanza di determinazione, danneggerebbe la credibilità americana e indebolirebbe l’alleanza della NATO. Tuttavia, la scelta di un bersaglio nucleare adatto si è rivelata difficile. Colpire la forza d’invasione russa ucciderebbe civili innocenti in un paese NATO. Colpire obiettivi all’interno della Russia potrebbe portare il conflitto a una guerra nucleare totale. Alla fine, il Comitato dei presidi dell’NSC ha raccomandato un attacco nucleare alla Bielorussia, una nazione che non aveva avuto alcun ruolo nell’invasione dell’alleato della NATO, ma che ha avuto la sfortuna di essere un alleato russo”.

L’amministrazione Biden ha formato un Tiger Team di funzionari della sicurezza nazionale per condurre giochi di guerra su cosa fare se la Russia usa un’arma nucleare, secondo il New York Times. La minaccia di una guerra nucleare è minimizzata con discussioni sulle “armi nucleari tattiche”, come se esplosioni nucleari meno potenti fossero in qualche modo più accettabili e non portassero all’uso di bombe più grandi.

In nessun momento, inclusa la crisi dei missili cubani, ci siamo avvicinati al precipizio della guerra nucleare.

“Una simulazione ideata dagli esperti dell’Università di Princeton inizia con Mosca che spara un colpo di avvertimento nucleare; La NATO risponde con un piccolo attacco e la guerra che ne segue provoca oltre 90 milioni di vittime nelle prime ore”, ha riferito il New York Times .

Più a lungo continua la guerra in Ucraina – e gli Stati Uniti e la NATO sembrano determinati a incanalare miliardi di dollari di armi nel conflitto per mesi se non anni – più l’impensabile diventa pensabile. Flirtare con Armageddon per trarre profitto dall’industria delle armi e portare a termine l’inutile ricerca di rivendicare l’egemonia globale degli Stati Uniti è nel migliore dei casi estremamente sconsiderato e nel peggiore dei casi genocida.

Fonte: ìhttps://chrishedges.substack.com

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus