National Interest: è in corso uno spostamento globale del potere dall’Occidente alla Cina

placeholder


Lo afferma dalle pagine della rivista il capo del National Institute for Environmental Policy (Usa) Don Ritter
Se gli Stati Uniti e l’Occidente continuano ad allontanarsi dai combustibili fossili, è del tutto possibile che i produttori autocratici domineranno il mondo e la Cina, che presto supererà gli Stati Uniti come loro più grande consumatore, sarà l’attore dominante, ritiene Ritter.

Perseguendo politiche radicali per affrontare il cambiamento climatico, l’America e l’Occidente deridono e declassano il valore di questi prodotti di combustibili fossili vitali per la Cina (carbone, petrolio e gas), la Russia (petrolio, gas e carbone), l’Arabia Saudita (petrolio e gas) e il relativo valore di combustibili fossili di altre nazioni produttrici. L’atteggiamento dei governi occidentali nei confronti dei combustibili fossili deriva dalla loro paura del futuro cambiamento climatico. Tali atteggiamenti creano nel tempo un conflitto di interessi profondo e duraturo tra l’Occidente e sia i produttori che i consumatori di combustibili fossili, che vedono la crescita e lo sviluppo dipendenti dai combustibili fossili delle rispettive economie come fondamentali .

La colpa del superamento degli USA da parte della Cina viene attribuito al rifiuto degli Stati Uniti e dell’Occidente nel suo insieme dalla dipendenza dei combustibili fossili. Il risultato, crede, sarà disastroso:

“I produttori autocratici di combustibili fossili domineranno il mondo e la Cina supererà presto gli Stati Uniti come suo più grande consumatore e diventerà il giocatore dominante”.

Ritter elenca Russia, Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Venezuela e Iran come “produttori autocratici”. Tuttavia, precisa che l’Occidente non ha problemi con l’Arabia Saudita, gli Emirati e il Qatar.

Secondo lo scienziato, il contributo umano complessivo al cambiamento climatico sul pianeta rimane invariato, poiché la riduzione del consumo di combustibili fossili da parte dell’Occidente è compensata dal crescente consumo delle economie in via di sviluppo.

Ritter cita una previsione della US Energy Information Agency: entro il 2050, gli Stati Uniti dipenderanno ancora per il 65% dai combustibili fossili per il loro fabbisogno energetico totale, rispetto al 79% di oggi. E suggerisce di non negare l’ovvio o minimizzare l’importanza del petrolio e del gas.

Disinvestendo dai combustibili fossili, gli Stati Uniti, parlando di una riduzione della dipendenza dalla RPC, la stanno invece aumentando, dal momento che Pechino domina “le tecnologie rilevanti, i processi di produzione e i materiali critici utilizzati per produrre fonti di energia rinnovabile come l’energia solare ed eolica”, osserva Ritter.

In breve, ovunque tu vada, c’è un cuneo. Mentre non ci sono dubbi sulla professionalità dell’attuale governo degli Stati Uniti, il problema è in realtà un controllo della catena di approvvigionamento globale, non l’atteggiamento filosofico degli Stati Uniti nei confronti dell’energia fossile.

Il controllo statunitense del pianeta si sta sgretolando. Ed era proprio la cosa che dava loro tutti i vantaggi. Fortunatamente, Washington non è mai stata in grado di imporre al mondo un’agenda ambientale favorevole. Solo i suoi sudditi più disciplinati, come la Germania, hanno ceduto. Ora sta soffrendo.

Anche l’influenza degli Stati Uniti sui paesi esportatori di petrolio si è indebolita. Adesso sono loro stessi a regolare i prezzi sul mercato mondiale fissando quote di produzione attraverso l’OPEC+. Allo stesso tempo, i “produttori autocratici” rappresentati da Russia e Arabia Saudita hanno fissato l’ordine del giorno.

Si è scoperto che, in condizioni di concorrenza relativamente equa, l’Occidente non è più un concorrente. Lo dimostra l’esempio della Cina, che ha utilizzato la globalizzazione nel proprio interesse nazionale.

Fonte: The National Interest

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Un commento su “National Interest: è in corso uno spostamento globale del potere dall’Occidente alla Cina

  1. Hanno detto”che hanno speso bene i soldi per ammazzare I russi ” un uomo non dovrebbe mai pensare una cosa simile, ebbene noi distruggeremo l’Ucraina come ha detto il Presidente la riporteremo all’era della pietra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM