Nancy Pelosi sotto accusa per aver insinuato che dietro le proteste filo-palestinesi ci sia la Russia

Non ci sono prove che la Russia sia collegata alle proteste filo-palestinesi
L’ex presidente della Camera Nancy Pelosi è sotto accusa dopo aver suggerito che alcuni manifestanti filo-palestinesi siano “collegati alla Russia ”
.

Dobbiamo pensare a quello che stiamo facendo, e quello che dobbiamo fare è cercare di fermare la sofferenza a Gaza … ma chiedere un cessate il fuoco è il messaggio di Putin “, ha detto in un’intervista alla CNN. Domenica mattina lo Stato dell’Unione .

“Non commettere errori, questo è direttamente collegato a ciò che vorrebbe vedere. Penso che alcuni di questi manifestanti siano spontanei, organici e sinceri. Alcuni, penso, sono collegati alla Russia”.
I suoi commenti sono arrivati ​​dopo che le è stato chiesto se temeva che il presidente Joe Biden avrebbe perso il sostegno elettorale dei giovani elettori alle urne a causa del suo sostegno esplicito a Israele e al primo ministro Benjamin Netanyahu nella guerra a Gaza.
Il commento di Pelosi ha scatenato una reazione furiosa tra i membri del movimento contro la guerra. Hanno fatto riferimento ai sondaggi dell’opinione pubblica che mostrano che un’ampia percentuale di democratici sostiene gli abitanti di Gaza e concorda con l’affermazione secondo cui Israele sta commettendo un genocidio contro il popolo palestinese.
Non ci sono prove che la Russia sia collegata alle proteste filo-palestinesi.

I commenti della Pelosi hanno attirato forti critiche, con Nihad Awad, capo del Consiglio per le relazioni americano-islamiche, che ha descritto le sue osservazioni come “deliranti”.
“L’affermazione della deputata Pelosi secondo cui alcuni americani che protestano per un cessate il fuoco a Gaza stanno lavorando con Vladimir Putin sembra delirante e il suo appello all’FBI di indagare su quei manifestanti senza alcuna prova è assolutamente autoritario”, ha detto.

Proteste pro Palestina a New York

“I suoi commenti mostrano ancora una volta l’impatto negativo di decenni di disumanizzazione del popolo palestinese da parte di coloro che sostengono l’apartheid israeliano. Invece di diffamare senza fondamento quegli americani definendoli collaboratori russi, l’ex presidente della Camera Pelosi e altri leader politici dovrebbero rispettare la volontà del popolo americano chiedendo la fine della guerra genocida del governo Netanyahu contro il popolo di Gaza”, continua la dichiarazione.

È stata criticata anche dal giornalista e attivista George Monbiot. “Se Nancy Pelosi non riesce a capire perché la gente chiede un cessate il fuoco, non dovrebbe essere in carica”, ha detto a X.
I commenti della Pelosi hanno segnato la prima volta che un importante parlamentare statunitense ha accusato il leader russo di sostenere i manifestanti statunitensi che chiedono un cessate il fuoco.

Le proteste che chiedono un cessate il fuoco a Gaza si sono recentemente verificate in tutti gli Stati Uniti, anche vicino agli aeroporti e ai ponti di New York e Los Angeles, veglie davanti alla Casa Bianca e marce a Washington. I manifestanti hanno anche interrotto i discorsi e gli eventi del presidente Biden, nonché gli eventi a cui ha partecipato la Pelosi.

Le proteste sono state organizzate da una serie di gruppi di attivisti per i diritti umani, ebrei e pacifisti.

Fonte: Independent

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Un commento su “Nancy Pelosi sotto accusa per aver insinuato che dietro le proteste filo-palestinesi ci sia la Russia

  1. un aspetto positivo nella inquietante situazione attuale sta nel fatto che ormai una gran parte della gente ha finalmente visto i pericolosi giochi condotti da chi guida il cosiddetto occidente e ha potuto notare che non c’è in essi nessuna volontà di democrazia o di libertà. E ciò anche all’interno degli Stati Uniti d’America.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus