MOSCA STA EFFETTUANDO MASSICCI ATTACCHI ALLE INFRASTRUTTURE MILITARI DEL REGIME DI KIEV (VIDEO)

Alla vigilia dell’attesa offensiva delle forze armate ucraine (AFU), le forze armate russe (RAF) continuano a effettuare massicci attacchi contro le infrastrutture militari e ingegneristiche dell’Ucraina.

In precedenza, nel pomeriggio del 4 maggio, le unità AFU hanno tentato un’offensiva nell’area di Zaporizhzhya. Secondo i rapporti dal campo di battaglia, le unità russe stanno conducendo una difesa attiva. Apparentemente, in questa sezione del fronte stiamo osservando un’operazione generale di ricognizione in forza dell’AFU.

Un messaggio dal fronte (lato russo):

“È stata una giornata intensa con sei feriti. Tutti i tentativi del nemico di superare le nostre difese oggi non hanno avuto successo, ma l’intensità dei combattimenti è stata elevata. Due ragazzi sono rimasti gravemente feriti e hanno atteso a lungo l’evacuazione, ma sono finiti sul tavolo operatorio. È difficile far uscire i feriti quando siamo costantemente sotto il fuoco, tanto più che dobbiamo coprire distanze considerevoli – il trasporto non passerà sotto il naso del nemico…. Due delle stesse squadre di evacuazione sono state prese di mira e solo la terza è stata in grado di completare il processo senza subire perdite. Sì… Più arido è il terreno, più insolente è il nemico. Ebbene, sembra che le cose vadano verso l’offensiva tanto attesa, che è stata rimandata, anche se hanno cominciato a profetizzarla prima del nuovo anno».

Gli attuali attacchi russi, nella notte del 4 maggio, sono diretti sia a obiettivi nella parte posteriore dell’AFU sia a concentrazioni di truppe nelle immediate vicinanze della linea del fronte. Principalmente utilizzati sono i droni kamikaze “Geranium 2”. Sono coinvolti anche missili e artiglieria.

Al momento, è noto che la RAF ha effettuato attacchi mirati su Sloviansk, Konstantinovka e Kurakhovo. In quest’ultima località è scoppiato un grande incendio nel luogo dell’impatto.

Presumibilmente un grande deposito di munizioni dell’AFU è in fiamme.
La RAF ha anche colpito le retrovie e i siti di concentrazione del raggruppamento di Artemivsk (Bakhmut) dell’esercito ucraino. Al momento in molte regioni dell’Ucraina suonano allarmi antiaerei. Si possono sentire esplosioni nelle regioni di Kiev, Zaporizhzhya, Odessa, Chernigov e Sumy, così come nella parte controllata da Kiev della regione di Kherson.

A Odessa, un drone kamikaze ha colpito la sede dell’Accademia militare. C’è stata una massiccia esplosione e un incendio.
La RAF sta compiendo sforzi per complicare l’imminente offensiva delle unità ucraine e della NATO. I risultati degli attacchi notturni diventeranno più chiari entro l’ora di pranzo del 4 maggio. Allo stesso tempo, i russi, in particolare le squadre d’assalto Wagner PMC, non hanno ancora risolto il problema della carenza di proiettili per artiglieria e sistemi missilistici a lancio multiplo . Gli attuali attacchi russi certamente ostacoleranno, ma è improbabile che interrompano l’offensiva dell’AFU.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM