MOSCA HA SOSPESO L’ESPORTAZIONE DEL GRANO DOPO L’ATTACCO ALLA FLOTTA DEL MAR NERO A SEBASTOPOLI


Il 30 ottobre la Russia ha sospeso la sua partecipazione all’attuazione degli accordi precedentemente raggiunti sull’esportazione di prodotti agricoli dai porti ucraini. L’accordo sul grano del Mar Nero mediato dalle Nazioni Unite volto all’esportazione di grano ucraino viene interrotto.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che la decisione era una risposta al massiccio attacco di droni in Crimea. L’esercito russo ha assicurato la sicurezza del passaggio delle navi, ma Kiev e la NATO hanno utilizzato i corridoi marittimi per lanciare l’attacco alla flotta russa del Mar Nero.

“Tenendo conto dell’attacco terroristico compiuto il 29 ottobre dal regime di Kiev con la partecipazione di specialisti del Regno Unito contro navi della flotta del Mar Nero e navi civili impegnate a garantire la sicurezza del corridoio del grano”, ha spiegato il ministero della Difesa russo in una dichiarazione.

Mosca ha ufficialmente notificato al Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres la sospensione della partecipazione all’Iniziativa sui cereali del Mar Nero:

“In mezzo all’attacco delle forze armate ucraine, la Russia non può garantire la sicurezza delle navi civili. Così, da oggi, la parte russa sospende l’iniziativa a tempo indeterminato”, si legge nella lettera russa.

Il rappresentante russo alle Nazioni Unite ha anche sottolineato che i droni hanno attaccato non solo le navi russe, ma anche le infrastrutture nelle acque di Sebastopoli. L’attacco è stato effettuato sotto la copertura dei corridoi di sicurezza destinati all’esecuzione della cosiddetta iniziativa del Mar Nero.

A seguito dell’attacco NATO e ucraino, che ha provocato alcuni danni alle navi russe, il mondo dovrà affrontare nuovamente il problema della fornitura di cibo e fertilizzanti ai mercati globali. A loro volta, i media ucraini stanno glorificando le azioni dell’esercito ucraino, condividendo il video che mostra l’UAV britannico che si avvicina alle navi russe nella baia di Sebastopoli. Il video pubblicato dimostra che gli USV britannici hanno raggiunto almeno alcuni degli obiettivi assegnati.

Fonte: southfront.org/

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM