Mosca ha il diritto di intraprendere una guerra per procura contro la NATO in tutto il mondo mentre il blocco dà il via libera agli attacchi profondi in Russia

Giovedì l’amministrazione Biden si è unita ai leader della Germania, dei paesi nordici e degli Stati baltici nell’abolire le restrizioni formali sull’uso dei sistemi di attacco a lungo raggio della NATO inviati in Ucraina per colpire aree situate nel profondo della Russia. Sputnik ha chiesto a un importante commentatore europeo della difesa quali sarebbero le implicazioni politiche e strategiche della decisione.

Venerdì i funzionari russi hanno criticato Washington e i suoi alleati per l’escalation della guerra per procura in Ucraina in seguito alla decisione dei paesi della NATO di approvare attacchi a lungo raggio contro la Russia. Dal canto suo il Cremlino e il Ministero degli Affari Esteri russo, hanno sottolineato che l’alleanza non ha mai esitato ad autorizzare i suoi delegati a Kiev nel prendere di mira l’entroterra russo.

Siamo consapevoli che i tentativi di colpire il territorio russo con armi di fabbricazione americana sono già in corso. Questo ci basta e dimostra chiaramente la portata del coinvolgimento degli Stati Uniti in questo conflitto “, ha detto venerdì ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov .

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha confermato venerdì che gli alleati hanno approvato lo spiegamento di armi da attacco a lungo raggio e ha detto che il blocco si aspetta che Kiev utilizzi le armi “responsabilmente”, in conformità con il diritto internazionale.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha criticato Stoltenberg, affermando in un messaggio su Telegram che è “ovvio che la NATO sta mentendo e creando una cortina di fumo, inventando una storia che non ha ancora deciso se autorizzare o meno il regime di Kiev a compiere attacchi con armi occidentali sul territorio russo. »

L’ex presidente russo e vice capo del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev ha dichiarato venerdì che la Russia ” partirà dal fatto” che tutte le armi a lungo raggio utilizzate dall’Ucraina “sono direttamente controllate dal personale militare del paese della NATO”, e ha sottolineato che “Non si tratta di semplice assistenza militare, ma di partecipazione ad una guerra contro di noi”, che costituisce un possibile “casus belli”.

Droni USA in Ucraina

All’inizio di questa settimana, il presidente Putin ha avvertito che i paesi della NATO dovrebbero essere consapevoli di “ con cosa stanno giocando ” quando si tratta di approvare attacchi a lungo raggio contro la Russia attraverso l’Ucraina. “Devono ricordare che questi sono, di regola, stati con un territorio piccolo e una popolazione molto densa. Questo è un fattore che dovrebbero tenere a mente prima di parlare di attacchi in profondità nel territorio russo ”, ha detto Putin.

Funzionari statunitensi hanno riferito giovedì al New York Times che la Casa Bianca ha cambiato la sua posizione sull’uso da parte di Kiev di sistemi di attacco di origine occidentale per attaccare l’entroterra russo in relazione agli insuccessi ucraini sul fronte di guerra di Kharkov, e hanno indicato che potrebbero essere utilizzate le armi di fabbricazione americana nei primi attacchi che potrebbero iniziare “entro poche ore o pochi giorni”.

L’Ucraina ha assemblato una gamma di equipaggiamenti NATO per lanciare i suoi attacchi a lungo raggio, tra cui il sistema missilistico da crociera anglo-francese Storm Shadow/SCALP, con una gittata compresa tra 250 e 560 km, e il sistema missilistico tattico dell’esercito americano (ATACMS), con una gittata di 160-300 km e spara utilizzando installazioni di artiglieria missilistica di precisione HIMARS e MLRS.

La grande domanda
” L’offensiva russa vicino a Kharkov è stata usata come pretesto per cambiare la politica occidentale “, ha detto a Sputnik Mikael Valtersson, ex ufficiale delle forze armate svedesi e osservatore militare specializzato nella difesa aerea.

“ Il ragionamento nei circoli occidentali era che l’Ucraina doveva essere in grado di rispondere se gli attacchi fossero arrivati ​​dal lato russo del confine del 1991. Da un punto di vista militare, questo può essere comprensibile, ma costituisce comunque un grande passo avanti verso un’escalation dell’Occidente contro la Russia ”, ha detto l’osservatore.

Valtersson prevede che le conseguenze militari del via libera della NATO per Kiev saranno ” minori “, poiché l’esercito ucraino dispone di un numero limitato di sistemi di attacco a lungo raggio.

Poi c’è l’esperienza che le forze di difesa aerea russe hanno accumulato negli ultimi due anni mettendo a punto le loro attrezzature appositamente per intercettare proiettili come ATACMS e Storm Shadow.

Tuttavia, la minaccia rappresentata dai missili a lungo raggio non è trascurabile, soprattutto considerando la volontà di Kiev di utilizzarli, come in passato, per colpire aree civili nel Donbass e nella città russa di Belgorod.

La “grande domanda”, secondo Valtersson, è “in che misura le potenze occidentali saranno coinvolte negli attacchi e negli altri preparativi per gli attacchi”.

“ Gran parte della sorveglianza e delle comunicazioni sul campo di battaglia dell’Ucraina dipende già dall’assistenza occidentale. Questo aiuto è probabilmente altrettanto importante quanto le forniture militari o il sostegno economico da parte dell’Occidente”, ha sottolineato l’osservatore, aggiungendo che si aspetta che questo aiuto diventi ” ancora più importante ” con l’eliminazione delle restrizioni.

“ L’eliminazione delle restrizioni e l’aumento dell’assistenza da parte dell’Occidente per attaccare obiettivi in ​​[Russia] costituiranno un’escalation da parte dell’Occidente. Una domanda importante è quale sarà la risposta russa. A mio avviso, i paesi occidentali potrebbero essere considerati partecipanti al conflitto e quindi obiettivi legittimi per le risposte militari russe ”, ha avvertito Valtersson.

“ Ma poiché la Russia vuole evitare un conflitto militare diretto su larga scala con l’Occidente, gli attacchi militari contro le installazioni militari all’interno dei paesi della NATO sono molto improbabili. Invece, la Russia potrebbe perseguire obiettivi occidentali in Ucraina con ancora più entusiasmo, intensificare la guerra elettronica contro le risorse della NATO anche all’interno dei paesi della NATO e nello spazio, e infine intensificare i suoi sforzi per indebolire gli interessi occidentali nel sud ” , ritiene l’osservatore.

In ultima analisi, Valtersson definisce la decisione degli Stati Uniti e della NATO come un “ passo molto infelice in una direzione che potrebbe sfociare in un conflitto globale diretto tra Russia e Occidente ” e che “ rafforzerà l’animosità della popolazione russa contro l’Occidente ”, ed essere visto come un chiaro segnale dell’ostilità occidentale nei confronti della Russia.

Fonte: Sputnik International

Traduzione: Luciano Lago

9 commenti su “Mosca ha il diritto di intraprendere una guerra per procura contro la NATO in tutto il mondo mentre il blocco dà il via libera agli attacchi profondi in Russia

  1. Intanto, notizia di queste ore, è stata bombardata e distrutta la base militare di Leopoli da vettori russi. L’ unica con una pista capace di far alzare in volo gl’ f16 in Ucraina. Se dovesse succedere che i caccia americani attaccano dunque, avverrà sicuramente da basi Nato. Le prossime ad essere colpite.

  2. Sentite questa storia è diventata molto pericolosa bisogna fermarla prima che sia troppo tardi cioè globale, allora per evitare questo disastro buttate le tattiche e si chiude questo pericolo, perché daranno di tutto all’ucraina e ve lo ripeto buttate le tattiche per evitare il disastro all’umanità.

    1. Mi trovo d’accordo con te, le tattiche raffredderanno il loro embrionale cervello e si calmeranno di colpo salvo imprevedibili manifestazioni di vocazione al suicidio.

  3. La Russia deve svegliarsi !!!!!
    La Russia deve fornire armamenti moderni a qualsiasi nazione libera che stia combattendo contro gli USA oppure contro la NATO !
    Qualsiasi nazione indipendente che per leggittima difesa voglia attaccare tutti i territori USA & NATO deve essere rifornita di armi dai Russi !

  4. Finché il conflitto Ucraina Russia era una guerra civile era un conto ora però si sta trasformando in un linciaggio da parte dei paesi europei gli USa e la Nato. contro la Russia . Le ragioni che avevano dato inizio al conflitto da parte della Russia erano che essa dovesse proteggere i suoi confini dalle minacce e proteggere il suo popolo che nel Donbass è stato perseguitato e colpito con le armi da parte del Dittatore Zelenski Ora la minaccia è diventata più pesante da parte dell’occidente tanto da diventare come la vedo io un linciaggio contro la Russia. Le considerazioni politiche e militari a questo punto cambiano.

  5. No, l unico modo per mettere fine alla guerra e’ colpire il bullo piu forte con tutta la forza possibile. Gli altri bulletti capiranno solo questo

  6. Sicuramente la Russia dove intensificare la guerra elettronica contro i paesi nato, che appoggiano le operazioni militari a favore di Kiev.
    Disturbare i droni e gli aerei nato che sorvolano i cieli, per rilevare informazioni utili a Kiev.
    Inoltre, la Russia deve dare maggior appoggio alle nazioni che lottano contro l’occidente collettivo.
    Soltanto, così si potrà evitare una guerra europea – Russia ed allo stesso tempo la Russia vincere contro la Nato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM