Mosca ha attaccato Washington per aver sostenuto proteste non autorizzate in Russia

“Quando le proteste si sono verificate negli Stati Uniti, quelle sono state bollate come ‘attacco alla democrazia’”: quelle in Russia secondo Washington sono invece “proteste per la democrazia”.

Il doppio standard dell’Occidente sulle proteste di piazza in Russia come manipolazione dei fatti e ipocrisia

Il ministero degli Esteri russo ha esortato gli Stati Uniti ad affrontare i loro problemi e a smettere di interferire negli affari interni di altri stati.

La dichiarazione, pubblicata sull’account ufficiale del ministero degli Esteri russo su Facebook, arriva di fronte alla reazione dell’ambasciata americana a Mosca in relazione alle massicce proteste non autorizzate dei sostenitori dell’opposizione russa Alexei Navalny tenutesi questo sabato in decine di città. in Russia, così come fuori dal paese.

“Siamo attenti alle notizie di proteste in 38 città russe, agli arresti di oltre 350 manifestanti e giornalisti pacifici. Gli Stati Uniti sostengono il diritto di tutte le persone alla protesta pacifica e alla libertà di espressione (nei paesi non conformi agli USA). Le misure che gli Stati Uniti stanno adottando. Le autorità russe stanno reprimendo questi diritti “, ha scritto Rebecca Ross, portavoce dell’ambasciata americana.

“Abbiamo verificato quello che hai scritto (dall’ambasciata degli Stati Uniti a Mosca) il 6 gennaio durante le manifestazioni a Washington e l’irruzione del Campidoglio”, si legge nella pubblicazione del ministero russo in risposta al tweet di Ross.

Proteste contro Biden a Washington,” un attacco alla democrazia” secondo il governo americano

“Curiosamente, non hai scritto nulla . Non hai motivato i tuoi cittadini a proteste pacifiche, non hai condannato in alcun modo la repressione e l’omicidio di cinque persone con l’arresto di più di 100”, si legge nel comunicato da parte russa.

Mosca afferma che i diplomatici americani dovranno spiegare la pubblicazione della “via delle proteste” indicata ai manifestanti.
Mosca afferma che i diplomatici americani dovranno spiegare la pubblicazione della “via delle proteste”
Invece, John Sullivan, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, ha definito quanto accaduto a Washington un “aggressione criminale”, definendo i manifestanti una ” folla aggressiva “, ha protestato contro il ministero russo.

” L’ intero pianeta ha visto il suo governo trasformare una protesta pacifica in una” non pacifica “quando la polizia ha iniziato a sparare sui manifestanti. E poi il governo degli Stati Uniti ha definito le azioni dei manifestanti pacifici degli Stati Uniti come” un attacco alla democrazia “, aggiunge il Ministero degli Esteri russo.

Ha aggiunto che “l’ ipocrisia è uno strumento della diplomazia statunitense che è diventato particolarmente pericoloso durante la pandemia. Prendetevi cura dei vostri problemi e smettetela di interferire negli affari interni di altre nazioni”, ha detto la portavoce russa.

Il ministero degli Esteri russo ha anche invitato le sue controparti a rispondere degli attacchi della polizia locale ai giornalisti russi che coprono le proteste negli Stati Uniti.

Infine, ha considerato i dati Reuters il numero dei partecipanti alle proteste nel centro di Mosca come notizie false . L’agenzia ha riferito che hanno partecipato 40.000 persone, mentre i dati ufficiali stimano il totale a 4.000 manifestanti.

Proteste a Mosca per Navalny, “proteste per la democrazia”, secondo washoington

Fonte: https://actualidad.rt.com/actualidad/381179-moscu-critica-washington-apoyar-protestas

Nota: Le false informazioni diffuse dalla Reuters sono state immediatamente riprese dalla TV occidentali nel far credere che a Mosca si sia svolta una gigantesca manifestazione di protesta. La realtà è quella di una manifestazione di circa 4.000 persone in cui si erano infiltrati agenti provocatori delle agenzie anglo USA per sobillare disordini e scontri con la polizia.
Le manifestazioni a Mosca o in altre parti della Russia sono considerate dalla propaganda occidentale come “proteste per la democrazia” ma non altrettanto avviene quando le manifestazioni di protesta si verificano all’interno degli USA, duramente represse dalle forze di polizia o in paesi occidentali, come in Francia dove il livello di brutalità e di violenza della polizia contro le proteste dei “gilet gialli” ha causato oltre 12 vittime e migliaia di feriti molti dei quali hanno riportato menomazioni permanenti.
In questi casi non vale l’etichetta di proteste per la democrazia, secondo l’abituale doppio standard della propaganda occidentale.

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM