Mosca compie “un’operazione di rappresaglia” dopo l’attacco ucraino a una caserma russa


Il ministero della Difesa russo ha riferito in dettaglio che più di 600 soldati ucraini sono stati annientati.

Questo è avvenuto all’indomani dell’attacco di Capodanno ucraino a una scuola professionale a Makéyevka.L’esercito russo ha effettuato una “operazione di rappresaglia” dopo l’attacco ucraino a una caserma vicino a Donetsk alla vigilia di Capodanno, ha riferito domenica il ministero della Difesa russo.
Dall’organizzazione hanno indicato che i media di ricognizione russi hanno scoperto e confermato posizioni di schieramento temporaneo di soldati ucraini nella città di Kramatorsk. È così che si è appreso che più di 700 soldati ucraini si trovavano nel rifugio numero 28 e più di 600 nel rifugio numero 47 della città, ha precisato il portavoce della Difesa.

In questo modo, più di 600 soldati ucraini sono stati annientati a seguito di un attacco missilistico contro questi siti, ha aggiunto l’agenzia.

Le forze di Kiev avevano lanciato un attacco con lanciarazzi multipli HIMARS di fabbricazione statunitense contro la città di Makéyevka nella Repubblica popolare di Donetsk alla vigilia di Capodanno. Uno degli obiettivi dell’attacco era una scuola di formazione professionale dove era di stanza un gruppo di soldati russi.

Secondo i dati del Ministero della Difesa russo, 89 dei suoi soldati sono morti a causa di queste ostilità.

PESANTI PERDITE DELL’AFU A SOLEDAR

Fonti russe hanno condiviso un altro video dalla città di Soledar che conferma le pesanti perdite delle forze armate ucraine in sanguinose battaglie di strada.

Secondo i rapporti, il video è stato realizzato da combattenti russi delle unità d’assalto Wagner che stanno attualmente prendendo d’assalto le strade di Soledar. Dopo che le forze russe sono entrate in un condominio, hanno scoperto corpi di militari ucraini morti. Probabilmente i soldati ucraini stavano ammucchiando i corpi dei loro compagni uccisi, ma non avevano il tempo di portarli fuori.

Video + 18

È anche possibile che gli ucraini non avessero intenzione di portare fuori il corpo e seppellire i soldati morti come avveniva in molte città prese sotto il controllo dell’esercito russo dove i russi seppellivano i loro nemici secondo le tradizioni ortodosse.
Un altro fatto che dice che i corpi erano una trappola per i soldati russi è che le scale vicino a loro erano minate. Il filo di scatto è mostrato nel video.

Le forze ucraine lasciano spesso i loro compagni feriti e morti sui campi di battaglia. Di conseguenza, la morte di centinaia di militari ucraini non è ufficialmente confermata e sono considerati dispersi. Ciò consente al regime di Kiev di nascondere le perdite reali.

La città di Soledar è ora infiammata da pesanti battaglie di strada mentre le forze russe stanno rapidamente avanzando nel centro. LINK L’8 gennaio sono stati segnalati combattimenti sul territorio dello stabilimento Artemsol situato nel distretto centrale della città. Le forze ucraine stanno difendendo le loro posizioni nella parte nord-occidentale della città.

ùFonti: RT ActualidadSouth Front

Traduzione: luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM