Mosca chiede spiegazioni agli USA sui loro laboratori bio-militari in Georgia e Ucraina

La Cancelleria russa afferma che Mosca conosce il programma bio-militare degli Stati Uniti. La Georgia espande la ricerca militare in un laboratorio biologico vicino a Tbilisi.

” Mosca è a conoscenza del programma americano. La Georgia espande le indagini militari nel laboratorio Richard Lugar, vicino a Tbilisi, la capitale georgiana. Secondo le informazioni disponibili, i rappresentanti senior del Pentagono (Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti) hanno recentemente visitato (il laboratorio) e proposto alle autorità georgiane di ampliare la gamma delle indagini condotte ” , ha detto il portavoce del ministero degli Esteri russo. , María Zajárova.

Prende il nome dal Richard Lugar Center, a cui si riferiva il diplomatico russo, il Georgia and United States Public Health Center è stato aperto nel 2011 vicino alla capitale georgiana Tbilisi, a soli 17 km dalla base aerea militare americana Vaziani, ed è il biolaboratorio del Pentagono in Georgia.

In questo centro, i biologi dell’US Army Medical Research Unit e Georgia (USAMRU-G), insieme ad appaltatori privati, sono responsabili del programma militare chiamato “Programma di partecipazione biologica cooperativa”.

La portavoce del ministero degli Esteri russo ha ricordato che questo complesso di laboratori è ufficialmente incluso nel sistema militare americano di controllo globale sulla diffusione delle malattie infettive insieme a strutture simili in molti altri paesi.
Dalla Russia, diversi politici ed esperti avvertono che il nuovo coronavirus, chiamato COVID-19, è un’arma biologica creata dagli Stati Uniti.

Inoltre, in un’altra parte delle sue dichiarazioni, ha ritenuto che gli Stati Uniti Gli Stati Uniti e la Georgia stanno cercando di nascondere il vero lavoro di questo centro di ricerca, dove opera un’unità dell’esercito americano incaricata di indagare sulle infezioni altamente pericolose.

“Non si può escludere che in questo tipo di laboratorio ed in quelli ubicati nei paesi terzi, gli americani svolgano il lavoro di ricerca per creare e modificare vari agenti patogeni di malattie pericolose, anche a fini militari”, ha affermato Zajárova, sottolineando che neanche l’infrastruttura può essere ignorata con il potenziale biologico pericoloso che è stato creato dagli americani molto vicino al confine russo.

Secondo Zajárova, non si dovrebbe non prestare attenzione al “rafforzamento della presenza biologica degli Stati Uniti all’estero” e ha spiegato che queste strutture sono situate, in particolare, nelle ex repubbliche sovietiche, con il pretesto di combattere il terrorismo biologico il Pentagono istituisce laboratori biologici a duplice uso.
Gli Stati Uniti usano qualsiasi meccanismo, comprese le armi biologiche, per affondare i loro rivali come la Cina e quindi uscire incolumi dai conflitti in cui si trovano.

Dall’inizio della diffusione del nuovo coronavirus, chiamato COVID-19, a dicembre 2019, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dichiarato in diverse occasioni che la malattia mortale è “made in China”, anche quando nemmeno gli scienziati né gli americani né il resto del mondo hanno trovato prove evidenti per provare l’origine della pandemia.

La Cina respinge le accuse degli Stati Uniti sul nuovo coronavirus.
Le accuse infondate di Trump si sono verificate mentre lo scorso marzo, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha assicurato che l’origine della malattia letale era in realtà negli Stati Uniti, sottolineando che l’esercito del paese nordamericano poteva aver portato il nuovo coronavirus nella città cinese di Wuhan , che è conosciuta come la fonte della pandemia.

Laboratorio biologico militare USA in Georgia

La Cina chiede la divulgazione di attività biologica segreta negli Stati Uniti
L’idea di una guerra biologica è stata anche sollevata da Philip Giraldi, un ex funzionario della US Central Intelligence Agency (CIA), che pensa che il suo paese avrebbe potuto “creare” il temuto virus, in collaborazione con Israele, per danneggiare la Cina e l’Iran .

Giraldi afferma che ci sono molte prove per dimostrare che COVID-19 non è nato in modo naturale, cioè attraverso mutazioni, ma piuttosto è stato coltivato in un laboratorio, forse per fungere da “agente di guerra biologica”.

Alfredo Jalife: il nuovo coronavirus proviene da un’arma biologica

Un notevole analista geopolitico, Alfredo Jalife Rahme osserva che il nuovo coronavirus, noto come COVID-19, è stato creato in laboratorio e proviene da un’arma biologica.

Allo stesso modo, le informazioni ottenute dal registro dei contratti federali degli Stati Uniti chiariscono alcune delle attività militari presso il biolaboratorio di Lugar Centro, tra cui la ricerca sugli agenti biologici (antrace, tularemia) e le malattie virali (ad esempio la febbre emorragica congolese-crimea) e la raccolta di campioni biologici per futuri esperimenti.

A causa di tutto quanto sopra, il suggerimento implicito che gli Stati Uniti hanno portato l ‘”arma biologica” in Cina non è sorprendente, sapendo che le armi biologiche, fatte di batteri, funghi, tossine e virus, tra gli altri, sono oggi giorno le più oscure perché possono decimare le società inquinando acqua, aria, terra e cibo.

Zhong Nanshan, un famoso epidemiologo, basandosi sul fatto che gli Stati Uniti, attraverso la deposizione di Robert Redfield, direttore del Centro di Controllo per le malattie infettive, il quale aveva riconosciuto che tra coloro che erano morti di influenza in quel paese c’erano casi di coronavirus, ha sostenuto la stessa opinione.

In un’audizione al Congresso degli Stati Uniti, Robert Redfield, direttore dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCPD), è stato richiesto, in un video pubblicato dal Peoples ‘Daily , se ci fossero state morti attribuite all’influenza (influenza) registrate negli Stati Uniti che potrebbero essere associati a COVID-19, e la risposta era stata che il coronavirus poteva essere stato trovato in diversi americani morti, a cui era stata diagnosticata l’influenza (influenza) durante l’esame post mortem.

Gli Stati Uniti usano il “bioterrorismo” contro la propria popolazione
Zhong, in un’intervista del 27 febbraio, ha affermato che sebbene il virus sia apparso per la prima volta in Cina, non si possono trarre conclusioni in termini di attribuzione dell’origine dell’epidemia al paese asiatico. “Dove viene scoperta una malattia non equivale che questa sia la fonte”, ha aggiunto.

Inoltre, dopo aver raccolto campioni del DNA – acido desossiribonucleico che contiene le istruzioni genetiche utilizzate nello sviluppo e nel funzionamento di tutti gli organismi viventi – del virus tra la popolazione cinese, i ricercatori hanno sottolineato che questo coronavirus avrebbe potuto originarsi in un’altra parte del mondo come gli Stati Uniti e, in questo modo, la teoria secondo cui l’epidemia di coronavirus ha avuto origine nel paese nordamericano sta guadagnando forza.

Allo stesso modo, la società americana CH2M Hill, una delle 3 società private statunitensi che lavorano nel laboratorio bio di Tbilisi, ha assicurato che agenti biologici sono stati impiegati da ex scienziati di guerra biologica presso il Centro Lugar. Questi sono scienziati che lavorano per un’altra società americana coinvolta nel programma militare in Georgia: il Memorial Battelle Institute.

Battelle, in qualità di subappaltatore da 59 milioni di dollari del Lugar Center, ha una vasta esperienza nella ricerca sui bio-agenti, poiché la società ha lavorato nel programma statunitense sulle armi biologiche sotto 11 precedenti contratti con l’esercito americano (1952-1966).

La possibilità che il coronavirus abbia origine in laboratorio potrebbe anche essere motivo di sospetto considerando il numero di laboratori militari del Pentagono nel mondo, come una nota giornalista investigativa bulgara, Dilyana Gaytandzhieva, lo ha ben descritto L’articolo di ricerca intitolato “Armi biologiche del Pentagono”, pubblicato il 14 giugno 2019, ha mostrato che c’erano “diplomatici statunitensi coinvolti nella tratta di sangue umano e agenti patogeni per programmi militari segreti”.

Secondo Gaytandzhieva, l’esercito degli Stati Uniti produce regolarmente virus, batteri e tossine mortali, violando direttamente la Convenzione delle Nazioni Unite (ONU) sul divieto delle armi biologiche.

Gaytandzhieva ha affermato che questi laboratori statunitensi Sono finanziati dall’agenzia per la riduzione delle minacce alla difesa (DTRA) nell’ambito di un programma di partecipazione biologica cooperativa da 2,1 miliardi di dollari e si trovano in paesi dell’ex Unione Sovietica, come Georgia e Ucraina , Asia occidentale, Sud-est asiatico e Africa.

Secondo l’articolo del giornalista, le armi biologiche più fabbricate sono fatte di antrace, botulismo, ebola e vaiolo, sono facili da trasportare e hanno un immenso potere devastante e in piccole quantità possono distruggere città e paesi e la Georgia, situata al confine con la Russia, vicino all’Iran, ad esempio, è uno dei campi di prova per le armi biologiche statunitensi.

COVID-19 è diventata una crisi globale aggravata da pochi secondi. Dall’Asia all’America Latina, centinaia di milioni di persone sono confinate nelle loro case per contenere la rapida diffusione del coronavirus. Finora, la morte di 574.398 persone e oltre 2,2 milioni colpiti in tutto il mondo sono state confermate.

https://www.hispantv.com/noticias/ee-uu-/464027/eeuu-laboratorio-biologico-georgia-coronavirus

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • ouralphe
    23 Aprile 2020

    Ancora spiegazioni stanno a chiedere questi! Ma fateglieli saltare in aria con i topi dentro!

    • Sandro
      23 Aprile 2020

      Fare domande – chiedere spiegazioni – è sempre corretto, anche quando conosci dove si nasconde la verità. Personalmente, trovandomi in casi particolari e pur conoscendo la risposta che osteggiava la mia domanda, presentavo comunque la richiesta. Questo, non per dar soddisfazione all’altro di negarmi la richiesta, come qualcuno sosteneva, criticando il mio modo di agire, ma al fine che, ed è successo, se fosse accaduto qualcosa di sconveniente a carico dei responsabili, non vi era possibilità di dirmi da costoro: “perché non l’hai detto? Bastava chiederlo!.”
      Aggiungo una nota divertente, in questo caso in controtendenza. In un film di fantascienza vari ricercatori dopo aver inutilmente indagato su di un fenomeno stranissimo avvenuto in una zona isolata, chiesero ad un soggetto che viveva in loco se avesse osservato qualcosa di inusuale e questi rispose: “Si, è atterrato un disco volante e poco dopo è ripartito”. E gli scienziati: “e perché non l’hai detto a nessuno?” Risposta: “Nessuno me lo ha chiesto!”

      • ouralphe
        23 Aprile 2020

        Hai ragione Sandro, mi si è inviperito lo yang..

  • Teoclimeno
    23 Aprile 2020

    Gratta gratta, ed alla fine la verità viene a galla. Svelando il vero volto degli untori.

  • eusebio
    23 Aprile 2020

    Ormai gli USA si combattono sul piano economico, questa pandemia sta mettendo definitivamente in crisi il ruolo del dollaro come moneta principe degli scambi commerciali nel mondo, stava cominciando a diventare strano che il petrolio venduto da sauditi, russi ed altri principalmente ai paesi dell’estremo oriente venisse trattato in dollari, il duraturo calo di consumo del petrolio manderà a gambe all’aria le società finanziarie che vivono di contratti futures sul petrolio denominati in dollari, mandando definitivamente in crisi un’economia come quella USA che produce poco, importa di tutto e paga in carta, la quale oramai non vale più niente, visto che il commercio mondiale per cui era richiesta è entrato in una crisi che durerà anni.
    Questo vuol dire che sempre meno paesi compreranno titoli di stato USA in quanto non avranno bisogno di avere in portafoglio titoli di un paese con cui commerciano sempre meno, il debito pubblico USA continuerà a salire e finirà in default.
    Le rivoluzioni colorate e a quanto pare gli attacchi batteriologici erano le armi che usavano per prendere il controllo delle risorse naturali e delle banche centrali degli altri paesi, unitamente alla propaganda mainstream, ma ormai sono armi conosciute e spuntate e la guerra economica che Russia e Cina condurranno contro gli USA li porterà molto rapidamente alla bancarotta.

Inserisci un Commento

*

code