Molti americani sono preoccupati per l’influenza israeliana e saudita negli Stati Uniti: analista


Un numero crescente di americani sta diventando consapevole dell’influenza distruttiva della lobby israeliana e saudita negli Stati Uniti, che ha portato a sentimenti anti-musulmani nel paese, secondo un analista americano in Virginia.

“Sempre più persone negli Stati Uniti stanno diventando sempre più critiche nei confronti della politica estera americana e di queste politiche che comportano continue guerre per rovesciare i governi di altri paesi”, ha affermato Keith Preston, redattore capo di Attack theSystem.com.

“Inoltre, risulta che sempre più americani stanno diventando consapevoli del ruolo egemone che la lobby israeliana esercita sulla politica estera americana e sul governo americano … e sempre più persone stanno diventando consapevoli dell’influenza che le autorità dell’Arabia Saudita hanno sul governo americano, in particolare dopo il barbaro omicidio di Jamal Khashoggi “, ha riferito Preston alla Press TV la scorsa domenica.

Ilhan Omar neo membro del Congresso USA

“Quindi quello che sembra avvenire è che ci sono vari elementi negli Stati Uniti allineati con Israele e che sono allineati anche con l’Arabia Saudita e ironicamente stanno cercando di alimentare le fiamme del sentimento anti-islamico per giustificare il tipo di paradigma imperialista della politica estera a cui l’Amministrazione USA ha tradizionalmente aderito “, ha aggiunto.

Il membro del Congresso degli Stati Uniti Ilhan Omar ha condannato i repubblicani per averla collegata agli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, dicendo che “non c’è da meravigliarsi” che sia nella “lista dei risultati” e indicata come un terrorista nazionale.

Recentemente, un manifesto che collega il parlamentare musulmano all’attacco dell’11 settembre è stato riferito come appeso nel parlamento statale della West Virginia da legislatori repubblicani.

Omar, è un membro democratico della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti che rappresenta il quinto distretto del Congresso del Minnesota nella camera bassa del Congresso. Insieme a Rashida Tlaib, è stata una delle prime due donne musulmane elette nella camera bassa del Congresso e la prima donna di colore eletta dal Minnesota.

Alcuni politici filo-israeliani hanno accusato Omar di commenti antisemiti perché è stata una strenua critica di Israele e delle sue politiche anti-musulmane in Medio Oriente. Ha anche ripetutamente accusato la principale lobby israeliana negli Stati Uniti, l’American Israel Public Affairs Committee (AIPAC).

Parlando mercoledì sera a un evento a Washington, DC, con la collega del Congresso musulmano Rashida Tlaib del Michigan, Omar ha respinto le accuse antisemite contro di lei, indicando queste come strumentali e che tutto quello che loro dicono su Israele viene interpretato come antisemita perché lei è una musulmana.

Trump con principe saudita


Nota: Negli USA si è capito che non sono ammesse critiche contro la politica segregazionista e razzista di Israele poichè la potente lobby non ammette tali critiche ed è pronta a mobilitare le sue organizzazioni per mettere in stato di accusa chiunque le pronunci. Questo spiega perchè alcuni analisti e scrittori che hanno denunciato l’influenza della potente lobby sionista negli USA preferiscono oggi mantenere l’anonimato per non correre il rischio di essere messi all’indice e subire conseguenze spiacevoli.

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

6 Commenti

  • Orazio
    4 Marzo 2019

    Gli Israeliti, sono quelli che tengono la borsa… e se tieni la borsa, tieni il potere.
    Poi per gli arabi, penso che anche li non ci sia tanto da ridere.

  • Sed Vaste
    5 Marzo 2019

    Gli ebrei italiani sono LA giusta punizione che si merita l’italia Italia che e’ NATA nel tradimento e morira’ nel tradimento proprio come sta avvenendo ora con I politici nostrani che non vedono l’ora di tradire dalla fretta che hanno di potersi pagare qualche zoccolone, saviano mentana debenedetti mieli augias ecc ecc non sono italiani sono stranieri che cospirano che avvelenano lo spirito degli italiani tea Hollywood e le Blanche tutte ebree c’e’ rimasto solo l’aldila in cui sperare pero’ prima se si puo e’ Doveroso sputtanare quel popolo di scappellati farabutti usurai degenerati gli Ebrei !

  • amadeus
    5 Marzo 2019

    Hitler aveva ragione !

    • atlas
      5 Marzo 2019

      avevi per caso dei dubbi ? Io mai, nemmeno in giovanissima età; e il Mein Kampf è sempre a fianco di dove sono coricato e dormo serenamente

  • Max Dewa
    5 Marzo 2019

    Bravo Amadeus ,Hitler voleva bene ai popoli europei voleva la pace digitate:” Hitler per 49 volte Chiese LA pace ” cosi come I’ll Duce a chi lo accusava di essere entrato in guerra lui rispondeva ” ci soon nazioni che le guerre le combattono e altre i che le guerre le provocano” naturalmente gli agenti provocatori che stanno dietro a tutto soon sempre gli ebrei

  • eusebio
    5 Marzo 2019

    Gli USA stanno andando incontro ad un repentino declino causato dalla sua caotica struttura multietnica, somiglia molto all’Austria-Ungheria nel 1914, essendo due colossi militari dai piedi d’argilla si comportano allo stesso modo, scaricando all’esterno militarmente le loro contraddizioni interne.
    L’impero asburgico attaccò la piccola Serbia per un attentato che in altri tempi non avrebbe avuto gravi conseguenze, gli USA eterodiretti da piccole e deboli entità esterne menano legnate a destra e a manca da parecchi lustri.
    Gli USA finiranno come l’Impero degli Asburgo, sconvolti dalle guerre e sollevazioni interne e forse dalla scomposizione.

Rispondi a amadeus cancella risposta

*

code