MISSILI RUSSI SORVOLANO L’UCRAINA OCCIDENTALE MENTRE KIEV SI PREPARA AL CONTRATTACCO NEL SUD

Il 25 luglio, il Ministero della Difesa russo ha rivelato gli obiettivi degli attacchi missilistici russi in Ucraina.

Nell’Ucraina occidentale, i missili russi hanno colpito una base di trasbordo, distruggendo le munizioni fornite dagli Stati Uniti per i sistemi di missili a lancio multiplo HIMARS e i proiettili per gli obici di grosso calibro M777 statunitensi. L’attacco è stato effettuato vicino alla città di Bogdanovtsy nella regione di Khmelnitskyi.

Alla vigilia, i missili russi Kalibr sono stati filmati durante il lancio dall’area del Mar Nero:

Un altro obiettivo per i missili russi era un punto di schieramento temporaneo della 95a brigata d’assalto aviotrasportato delle forze armate ucraine nel villaggio di Kostantinovka nella Repubblica popolare di Donetsk. Come risultato dell’attacco, oltre 100 militari ucraini e mercenari stranieri furono distrutti.


Lo stesso giorno, il ministero della Difesa russo ha riferito che un tentativo di un gruppo di sabotaggio ucraino di avanzare e atterrare da navi da sbarco veloce sul territorio della regione di Kherson è stato sventato nell’estuario di Dneprovsky. Due barche da sbarco ucraine con a bordo sabotatori sono state distrutte a seguito dell’attacco russo.

Il comando militare ucraino si sta preparando per una grande operazione di controffensiva contro le forze russe nella regione di Kherson. Secondo notizie non confermate, il contrattacco era previsto per agosto e sarà programmato per coincidere con il Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina (il 24 agosto).

L’AFU sta intensificando la situazione nell’Ucraina meridionale, lanciando contrattacchi lungo le linee del fronte, istigando sabotatori ad uccidere funzionari locali, bombardando strutture civili per minacciare la gente del posto e prendendo di mira infrastrutture strategiche per privare l’esercito russo dal trasferire rinforzi in prima linea.

I preparativi militari sono accompagnati da forti rivendicazioni politiche e dichiarazioni sulle imminenti operazioni. L‘annuncio ufficiale di qualsiasi operazione militare sulla linea del fronte meridionale provoca perdite militari poiché la parte russa ha già aumentato gli attacchi missilistici alle strutture militari dell’AFU nelle regioni di Nikolaev e Odessa. D’altra parte, una tale campagna mediatica mira a cambiare l’opinione pubblica in Occidente e creare un nuovo slancio per il sostegno internazionale all’Ucraina.

Anche nonostante le perdite sui campi di battaglia, la capacità di Kiev di dichiarare qualsiasi operazione offensiva può aumentare l’assistenza finanziaria e militare al regime di Kiev e superare la fatica occidentale dovuta alla guerra in Ucraina.

A sua volta, la parte russa sta rafforzando le forze di difesa aerea nella regione di Kherson. Finora, non è chiaro se la Russia abbia forze sufficienti per proteggere e salvare il controllo dei territori nell’Ucraina meridionale.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

12 Commenti
  • Monk
    Inserito alle 22:38h, 25 Luglio Rispondi

    Gli ucraini possono contrattaccare un parco pubblico occupato dai pensionati. I tossici di zelinskyao sono alla frutta, nella logistica, tatticamente e moralmente. Gli ameri cani con i loro complici europei hanno chiuso i rubinetti delle armi e dei dollari, nel momento in cui sanno benissimo che i russi, a breve, avranno la strada libera per incenerire Kiev, se non la smettono di fare i buffoni. Zelinsky è vicino ad essere disintegrato dai suoi amici ameri cani, per poi dare la colpa ai russi e creare caos in Ucraina, questo al massimo possono fare i sionisti satanisti.

    • Valerio T
      Inserito alle 23:13h, 25 Luglio Rispondi
      • Monk
        Inserito alle 23:37h, 25 Luglio Rispondi

        Zelensky è la fonte? Come gli ucrain sono vicini a Mosca? Sparisci

      • luca antonio
        Inserito alle 23:46h, 25 Luglio Rispondi

        , fonte affidabilissima , quella che riconquista 1000 villaggi al mese che tuttavia e’ costretta a mandare le donne a combattere e a licenziare un funzionario di primo livello dietro l’altro, le cose vanno alla grande !…..tutto secondo i piani …. a fine agosto Zelenskj siedera’ al Cremlino.
        Segui il mio consiglio, cambia puscher, e fallo cambiare anche al tuo idolo.

      • valerie
        Inserito alle 14:10h, 26 Luglio Rispondi

        E sticazzi te li sei scordati? Ma un segaiolo come te giustamente s’accontenta. Bravo! Così si fa!

    • Edoxxx
      Inserito alle 07:50h, 26 Luglio Rispondi

      Una settimana? Il tg1 aveva detto 1/2 giorni massimo

    • valerie
      Inserito alle 14:13h, 26 Luglio Rispondi

      Povero stronzo! Più ogni giorno ti affanni a smanettarti sulla tastiera e più urli urbi et orbi che te rodi, te rodi, te rodi…

  • Giorgio
    Inserito alle 08:02h, 26 Luglio Rispondi

    In troppi si bevono qualunque menzogna diffusa dai media atlantisti ….
    Non saranno i nostri commenti ma la dura, durissima realtà, a svegliarli ….

  • Nessuno
    Inserito alle 08:39h, 26 Luglio Rispondi

    L’autunno si avvicina… Io ho già preso la legna per il camino…

  • Andrea1964
    Inserito alle 11:23h, 26 Luglio Rispondi

    Era inevitabile che gli Ucraini perdessero la guerra poiché un terzo della popolazione Ucraina è Russa !!
    La pulizia etnica omicidi-persecuzioni -deportazioni di cittadini Russi residenti in Ucraina fatta a danno dei Russi dal regime Ucraino e dai regimi democratici Occidentali ha scatenato la voglia MATTA di indipendenza del popolo Russo Ucraino che non vuole avere più nulla a che fare con gli Ucraini e con i criminali paesi Occidentali !
    Anche se la Russia dovesse Ritirarsi dal” Ucraina Russofona Liberata le truppe di invasione Ucraine e Occidentali verrebbero attaccate alle spalle .
    Si fa presto ad uccidere dei soldati Ucraini oppure Nato sparando dal balcone di casa !

    • Renato 21
      Inserito alle 10:04h, 27 Luglio Rispondi

      Il piano di spartizione dell’Ucraina comprendeva proprio il “deportare” o fare fuggire i russofoni abitanti le regioni che si affacciano sul mâr nero da Lugansk ad Odessa perché esattamente in quella fascia di territorio lì doveva nascere la “nuova Israele” mentre la zona di Leopoli doveva passare (e probabilmente passerà) alla Polonia vista la discreta presenza di polacchi. Se non sbaglio recentemente, dopo accordi politici tra le parti , alcune truppe polacche sono entrate in Ucraina con la scusa di proteggere proprio quella minoranza . In virtù di questa mossa anche l’Ungheria aveva ventilato l’idea di fare la stessa cosa in transcarpazia a “protezione” di quelle popolazioni di origine ungherese. In ogni caso questa “guerra” è davvero strana , più l’Ucraina viene aiutata con denaro ed armamenti , più russi vengono uccisi , distrutti i loro mezzi i loro aerei etc. più questo esercito di pressappochisti (così definiti da Esperti militari occidentali) avanza su tutta la linea …mah chissà che razza di sortilegio, stregoneria sta agendo da quelle parti !?

  • antonio
    Inserito alle 12:47h, 26 Luglio Rispondi

    de nazificare e de sionizzare la UE

Inserisci un Commento