MISSILI RUSSI DISTRUGGONO UN IMPORTANTE SNODO DEI TRASPORTI UCRAINI A DNEPROPETROVSK (VIDEO, FOTO)

All’inizio del 19 aprile, un attacco missilistico attribuito all’esercito russo ha colpito un importante snodo dei trasporti delle forze di Kiev nella regione di Dnepropetrovsk.

Gli attacchi hanno preso di mira una stazione degli autobus e un deposito di locomotive nella città di Dnipro. Di conseguenza i lavori della ferrovia locale sono stati temporaneamente sospesi. Secondo le ferrovie ucraine, le infrastrutture sono state danneggiate non solo in città, ma anche in altre parti della regione. Ci sono state segnalazioni di vittime.

È stato colpito anche un porto locale sul fiume Dnipro. Diverse barche sono state distrutte o danneggiate lì, secondo le foto pubblicate sui social network.

Sono stati inoltre segnalati ulteriori attacchi missilistici russi contro infrastrutture e altri obiettivi nelle città di Synelnykove, Pavlohrad e Kryvyi Rih. Sono state segnalate vittime.
Negli attacchi sono stati utilizzati missili Kh-22 lanciati dai bombardieri strategici Tu-22M3, nonché missili da crociera Kh-59/69 e Kh-101/555, secondo le forze di Kiev, che hanno anche riferito di un attacco con più di un dozzina di droni suicidi Geran-1/2.

Come al solito, le forze ucraine hanno affermato che la maggior parte dei missili, inclusi due Kh-22, e dei droni sono stati intercettati dalle difese aeree ucraine, ignorando i danni causati dall’attacco.

Questa volta, tuttavia, le forze di Kiev hanno fatto un ulteriore passo avanti sostenendo che anche un Tu-22M3 russo precipitato vicino alla città di Stavropol, a più di 300 chilometri dalla linea del fronte in Ucraina, è stato abbattuto dalle loro difese aeree.

Il ministero della Difesa russo ha poi chiarito che l’incidente è stato il risultato di un “malfunzionamento tecnico”, secondo l’agenzia di stampa TASS. Tre delle persone a bordo dell’aereo sono state salvate mentre un quarto membro dell’equipaggio risulta disperso.

Fonte: South Front

Traduzione: luciano Lago

5 commenti su “MISSILI RUSSI DISTRUGGONO UN IMPORTANTE SNODO DEI TRASPORTI UCRAINI A DNEPROPETROVSK (VIDEO, FOTO)

  1. Sono stato a Dnepropetrovsk molti anni fa: bella città, gente educata. A saperla sotto attacco piange il cuore: come per altre città e le vittime della guerra, tutte. I russi non possono fare diversamente: ma, almeno, evitano gli attacchi deliberati in cui il bersaglio sono i civili, come l’esercizio ucraino ha imparato dagli americani, esperti in questo genere di azioni “puramente” terroristiche, di cui hanno dato ampia dimostrazione in tante splendide e indimenticabili occasioni di sfoggio della determinazione nel perseguire il loro “manifesto destino” imperialista. Non è detto debba essere un destino di vittoria, però: e a ribaltarlo penserà zio Vlad.

  2. Finalmente la Russia si da fare nel voler mettere fine alla guerra bombardando tutte le strutture civìli Ucraine !
    Danneggiando o distruggendo tutte le strutture civili Ucraine che alimentano la guerra contro la Russia voluta dai paesi USA & NATO la guerra finirà !
    La guerra finirà anche perché i paesi USA & NATO non vogliono tirare fuori centinaia di miliardi di dollari per ricostruire in fretta e furia le strutture civili Ucraine distrutte che servono per alimentare la guerra contro la Russia !

  3. E nel frattempo gli ucraini attaccano liberamente in territorio russo, e colpiscono pure molto bene… Quando inizierà Putin a fare sul serio? Cosa aspetta? Che muoiano altri soldati russi? È d’accordo con l’agenda del governo mondiale? Per la diminuzione del popolo?
    È ora di reagire…non credete?

    1. Gli ucraini non saprebbero nemmeno da che parte tirare un missile. Come hanno dimostrato in varie occasioni. Gli obiettivi colpiti in Russia sono opera dell’Intelligence angloamericana, della rete satellitare americana e dei così detti istruttori militari angloamericani e i russi lo sanno benissimo.

      Furlan libar

    2. Gli ucraini non saprebbero nemmeno da che parte tirare un missile. Come hanno dimostrato in varie occasioni. Gli obiettivi colpiti in Russia sono opera dell’Intelligence angloamericana, della rete satellitare americana e dei così detti istruttori militari angloamericani e i russi lo sanno benissimo.

      Furlan libar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM