Missile Kinzhal sparato contro il bunker della NATO: perché tutti tacciono?


di Peter Yermilin

Né le autorità russe né quelle americane dicono nulla sull’attacco missilistico alla regione ucraina di Lviv avvenuto il 9 marzo. Tuttavia, le conseguenze di questo attacco possono essere viste nell’evoluzione della politica della NATO.

I rapporti sull’attacco missilistico Kinzhal a un bunker della NATO sono apparsi sui canali Telegram ucraini e in una pubblicazione greca poco conosciuta. Né il ministero della Difesa russo né il Pentagono hanno commentato l’evento.

I missili ipersonici Kinzhal potrebbero colpire solo il bersaglio, poiché sono invulnerabili a tutte le difese aeree. È un fatto che anche il Pentagono ammette.

In secondo luogo, i missili Kinzhal sono stati usati per colpire un obiettivo molto importante nel sottosuolo. Sarebbe un bunker delle forze armate ucraine, dove lavoravano anche specialisti della NATO. Il bunker sarebbe a 120 metri di profondità.

Il Cremlino deve aver avuto buone ragioni per compiere un simile attacco. Uno di questi motivi è stato un attacco terroristico nella regione russa di Bryansk il 2 marzo, in cui un civile è stato ucciso e un ragazzo ferito.

È stato un atto terroristico, perché la missione di un gruppo di militanti ucraini sotto la copertura dell ‘”Esercito di liberazione russo” non aveva alcun significato militare. È molto probabile che i servizi segreti ucraini, americani e forse britannici siano stati coinvolti nell’operazione. Ma ciò che è più importante è che è stato il primo attacco terroristico ai territori “ex” della Russia. Questa era già una minaccia esistenziale e la Russia doveva rispondere.

La risposta è arrivata sotto forma dell’attacco missilistico Kinzhal, durante il quale, secondo quanto riferito, ben 160 ufficiali della NATO sono stati spazzati via nel bunker.

Alla NATO è rimasta solo una risposta adeguata, una risposta nucleare
Se la NATO riconosce queste perdite, dovrà adottare misure adeguate in risposta. La NATO potrebbe colpire un centro di controllo russo, ad esempio nella regione di Kherson. Tuttavia, questo sarebbe un attacco nucleare tattico dall’Europa, poiché la NATO non ha un’arma ipersonica sfuggente come quella della Russia.

I test di un tale missile si sono conclusi con un fallimento a marzo. Accade così che Mosca abbia da tempo una vasta gamma di armi ipersoniche e stia lavorando alla sua nuova generazione, mentre il Pentagono si sta solo sforzando di ottenere voli stabili a velocità supersoniche.

Missili ipersonici Kinzhal

Dopo il 9 marzo, Washington ha dovuto affrontare un dilemma:
o aumentare il livello del conflitto con la Russia a un livello nucleare
o cercare un’altra via d’uscita e congelare il conflitto.
Come dimostrano gli eventi che seguirono, fu scelta la seconda opzione, perché l’obiettivo della guerra per gli americani non è sconfiggere la Federazione Russa, ma permettere ai loro banchieri di investire e raccogliere enormi profitti dalla restaurazione dell’Ucraina. Naturalmente, la Russia dovrebbe lasciare l’Ucraina con un governo filo-occidentale per questo scopo.

Apparentemente, i funzionari militari statunitensi temevano che alcuni membri del Congresso degli Stati Uniti insistessero per un attacco nucleare contro la Russia. Questo è un motivo in più per i media americani per ignorare le conseguenze dell’attacco missilistico Kinzhal.

Come verrà congelato il conflitto in Ucraina?
Altri eventi seguono logicamente.

A marzo e aprile, i media occidentali hanno triplicato il numero di articoli sulla brutta situazione nei ranghi delle forze armate ucraine. Persone in pantaloncini rossi hanno fatto trapelare dati di intelligence che descrivono il crollo delle forze armate ucraine.
Hanno anche parlato della necessità di negoziati tra kyiv e Mosca, con in gioco concessioni territoriali.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha visitato la Cina (perché Xi Jinping non vuole incontrare Anthony Blinken e non accetta chiamate da Joe Biden) dove non ha aderito al piano di pace di Pechino.
I “corridoi di solidarietà” per l’esportazione di cereali ucraini in tutta Europa sono stati aboliti con urgenza, il che ha privato Kiev delle entrate di bilancio. Si noti che è stata Varsavia ad avviare questa restrizione quando la Polonia stava bruciando per creare una confederazione con l’Ucraina. Questa idea è stata abbandonata.
Si è parlato addirittura dell’eliminazione fisica di Zelenskyj.
La visita di Jens Stoltenberg a Kiev è stata la ciliegina sulla torta. Mentre Stoltenberg era a Kiev, il Washington Post ha pubblicato un articolo incolpando Zelensky per la situazione a Bakhmout. Gli Stati Uniti lo avrebbero avvertito, ma lui può solo incolpare se stesso. Sembra che Stoltenberg abbia dato l’ultimo avvertimento a Zelensky: negoziare con Mosca.

Ai banchieri occidentali dovrebbe essere consentito di realizzare profitti
Nel prossimo futuro, probabilmente con una direzione diversa a Kiev, Washington accetterà tutte le richieste di Mosca sulla questione ucraina in termini di concessioni territoriali. In cambio, gli Stati Uniti parteciperanno alla ripresa economica dell’Ucraina. Naturalmente, questo piano potrebbe non concretizzarsi e Washington potrebbe trovarsi a mani vuote. In questo caso, sarà difficile spiegare ai contribuenti americani cosa sia realmente accaduto nella crisi ucraina.

Ci si potrebbe chiedere perché il Ministero della Difesa russo non dica una parola sulla distruzione del bunker della NATO a Lviv. Sembra che il motivo sia lo stesso: la Russia non ha nemmeno bisogno di un’escalation del conflitto con gli Stati Uniti.

fonte: Reseau International

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM