Miliziani provenienti dalla Siria, appoggiati dalla Turchia ,combattono in Karabakh: inviato armeno

BEIRUT, LIBANO – L’ambasciatore armeno in Russia, Vardan Taghanyan, ha rivelato lunedì che miliziani siriani appoggiati dalla Turchia stanno prendendo parte alle ostilità nella regione del Karabakh.

L’ambasciatore armeno ha detto all’Agenzia Sputnik russa in risposta a una domanda sul fatto che ci siano militanti siriani che partecipano alle ostilità:
“Secondo le nostre informazioni, recentemente circa 4.000 combattenti (terroristi) sono stati trasferiti, ad opera della Turchia, dalla Siria all’Azerbaigian. Stanno già partecipando agli scontri con l’altra parte, ed è stato fatto “.

Scontri in armenia

Taghanyan ha anche indicato che Erevan (Armenia) non presenterà una richiesta di assistenza militare all’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) in caso di scontri con l’Azerbaigian nella regione del Karabakh.
Gli scontri militari tra i due paesi sono stati ripresi domenica mattina presto, con il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian che ha annunciato di aver lanciato un contrattacco lungo l’intera linea di contatto in Karabakh.

Mentre l’Armenia ha annunciato la mobilitazione generale nel paese per i minori di 55 anni per affrontare l’escalation nella regione del Karabakh, il ministero della Difesa armeno ha anche rivelato che 16 soldati sono stati uccisi e più di 100 altri sono rimasti feriti in un’indagine preliminare.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione: L.Lago

Inserisci un Commento

*

code