Militari statunitensi incatenati alla Cina da minerali di terre rare e Prigozhin psicotico

placeholder

di Larry Johnson

Vorrei affrontare tre questioni. In primo luogo, la dipendenza del complesso militare-industriale statunitense dai minerali delle terre rare forniti dalla Cina e ciò che questo significa per la guerra nel Pacifico. In secondo luogo, la proposta bipartisan del Senato degli Stati Uniti spinge gli Stati Uniti verso uno scontro nucleare con la Russia. Infine, la crisi psicotica di Evgueni Prigojine e il suo tentativo di suicidio.
Il Financial Times all’inizio di questa settimana ha pubblicato terribili informazioni sulla dipendenza dell’industria della difesa statunitense dai minerali delle terre rare forniti dalla Cina :

” I produttori occidentali affrontano il complesso compito di ridurre i rischi della propria attività in Cina, ma interrompere completamente i legami con il Paese è una sfida insormontabile”, ha affermato Greg Hayes, CEO di Raytheon, una delle principali società statunitensi del settore aerospaziale e della difesa del Paese.

In un’intervista al Financial Times, Hayes ha sottolineato che mentre la riduzione del rischio è possibile, il disaccoppiamento completo non è un’opzione per la sua azienda e altri nel settore.

“Possiamo ridurre il rischio, ma non disaccoppiare”, ha affermato. “Pensate ai 500 miliardi di dollari di scambi commerciali tra Cina e Stati Uniti ogni anno. Più del 95% dei materiali o dei metalli delle terre rare proviene o viene lavorato in Cina. Non c’è alternativa.

Ha inoltre spiegato che se Raytheon si ritirasse dalla Cina, ci vorrebbero molti anni per ricostruire le capacità necessarie, sia a livello nazionale che in altri paesi amici .

I tre punti chiave di Hayes:

L’industria della difesa statunitense NON PUÒ dissociarsi dalla Cina.
Non esiste un’alternativa a medio termine alle terre rare o ai metalli estratti o lavorati in Cina.
La Raytheon e altri membri dell’industria della difesa statunitense impiegheranno MOLTI ANNI per creare capacità alternative.

Questa è un’altra carta che la Cina può giocare, se vuole, per punire l’Occidente e limitare la sua capacità di montare un’operazione militare contro la Cina: sospendere le esportazioni di metalli delle terre rare ai produttori di ferramenta militare americana ed europea. Ciò ostacolerà, se non impedirà, la continua produzione di aerei da combattimento, missili da crociera e altri sistemi d’arma.

Le ironiche osservazioni dell’imprenditore Arnaud Bertrand riassumono bene la situazione:

“ È divertente. Il capo di Raytheon, uno dei principali produttori di armi statunitensi, afferma che la sua azienda ha “diverse migliaia di fornitori in Cina e il disaccoppiamento è impossibile”.

Abbiamo bisogno della Cina per combattere la Cina… In realtà, questa è una buona notizia, rende meno probabile la guerra ”.1

Spero che abbia ragione.

Poi arriva la proposta folle e maniacale dei senatori statunitensi Richard Blumenthal e Lindsey Graham.

” I senatori statunitensi Lindsey Graham (repubblicano) e Blumenthal (democratico) hanno introdotto una risoluzione bipartisan in cui si dichiara che l’uso da parte della Russia di armi nucleari tattiche o la distruzione della centrale nucleare occupata di Zaporizhia in Ucraina costituisce un attacco alla NATO, che richiede l’applicazione dell’articolo 5 della NATO .

Senatore Blumenthal: “Questa risoluzione ha lo scopo di inviare un segnale a Vladimir Putin, e ancora di più ai suoi militari, che saranno distrutti. Saranno distrutti se usano armi nucleari tattiche o fanno esplodere una centrale nucleare”.

“L’articolo 5 esiste per un motivo. Non solo protegge da un particolare soldato che attraversa il confine, ma anche da danni ai nostri alleati della NATO. Ma quando il danno ai nostri alleati Nato (Polonia) comporta nostri obblighi, quando proviene da forze ostili, come accadrebbe in caso di diffusione di radiazioni ”.

In sintesi, Graham e Blumenthal stanno proponendo che il Senato degli Stati Uniti approvi una risoluzione che creerebbe un motivo per invocare l’Articolo 5 e portare la NATO a pieno regime nella guerra in Ucraina. Questo potrebbe essere solo uno stratagemma propagandistico disperato. Questa non è la prima volta che Graham e Blumenthal si uniscono per alzare la temperatura nella pentola già bollente delle relazioni USA-Russia.

Senatori Grahm e Blumenthal a Kiev

Lo scorso settembre, i senatori Richard Blumenthal e Lindsey Graham hanno presentato al Congresso una nuova proposta per includere la Russia nell’elenco dei paesi che sponsorizzano il terrorismo, scavalcando la posizione del Dipartimento di Stato. Questa risoluzione è stata respinta dall’amministrazione Biden.

Graham e Blumenthal, decisi a fare la guerra alla Russia, si sono recati a Kiev nel gennaio 2023, accompagnati dal senatore Sheldon Whitehouse, e hanno chiesto a Biden di fornire all’Ucraina i principali carri armati occidentali e caccia F-16. Dubito che la successiva decisione di alcuni membri della NATO – in particolare Regno Unito, Francia e Germania – di inviare “carri armati moderni” in Ucraina sia stata una conseguenza della difesa di Graham/Blumenthal, ma alla luce dei risultati della controffensiva ucraina, questi i carri armati si unirono ai ranghi di carne da cannone e rottami metallici.

Le buffonate di Graham e Blumenthal ci ricordano che la politica degli Stati Uniti nei confronti della Russia e come sostenere militarmente l’Ucraina non sono questioni di parte. La politica di Biden gode di un sostegno bipartisan e non ci sono voci potenti e credibili negli Stati Uniti per contrastare la follia di voler provocare una guerra più ampia contro la Russia.

Ultimo, e certamente non meno importante, abbiamo quello che sembra essere un tentativo di colpo di stato di Yevgeny Prigozhin, la figura di spicco del gruppo Wagner. È essenziale capire che Prigozhin non ha esperienza militare e non è il “comandante” di Wagner. Simplicius The Thinker fornisce un rapido aggiornamento su ciò che sta accadendo:

“ Prigozhin sembra aver avviato un tentativo di colpo di stato. Le informazioni sono in costante sviluppo e pertanto nulla è definitivo o confermato. Ecco perché ho voluto concentrarmi sulle potenziali cause piuttosto che sul rumore speculativo e in continua evoluzione delle informazioni. Ma solo per coloro che sono completamente ignari di ciò che sta accadendo:

Prigozhin ha pubblicato il seguente video affermando che il ministero della Difesa russo ha “bombardato” un’area posteriore di Wagner, uccidendo molti dei Wagner. Il video però non mostra morti e solo quella che sembra una piccola scena di foglie in fiamme. (…)

È importante notare che l’incidente sembra, a prima vista, essere avvenuto all’improvviso. In realtà la situazione è in evoluzione da tempo. Ricorderete in particolare che il Ministero della Difesa russo ha pubblicato poche settimane fa una nuova decisione secondo la quale tutti i volontari e le PMC devono registrarsi sotto il giogo del Ministero della Difesa russo. A prima vista, la logica era quella di concedere a tutti i volontari gli stessi “vantaggi” di cui gode l’esercito russo per il loro servizio ”.

Penso che la valutazione di Andrei Martyanov sia la più forte:

“Ora si può affermare apertamente che Prigozhin non è solo un criminale, ma anche, molto probabilmente, una risorsa dell’asse Ucraina-NATO. Ci sono molte prove a sostegno di ciò, comprese le “voci” (in realtà, informazioni affidabili) secondo cui Prigozhin e alcuni membri di Wagner stanno fornendo informazioni sulle posizioni militari russe alla FAU. Per Wagner: L’ho detto: è un buon gruppo d’assalto, ma come forza seria non è niente senza le forze armate russe. La disinformazione nei media su di loro, così come le storie grossolanamente esagerate su Bakhmout, sono state progettate principalmente per il consumo di fanboy che si masturbano su dettagli tattici. I miei amici e io ne abbiamo discusso per mesi sui media, ad esempio PolitWera e altri.”.

PMC Wagner

Non so se si tratti di un disperato stratagemma dell’ultimo minuto di Prigozhin per cercare di impedire che il gruppo Wagner venga completamente posto sotto il comando del ministero della Difesa russo, se si tratti di un’elaborata operazione psicologica o se quest’uomo abbia subito una catastrofica crisi psicotica. Lunedì sapremo se Prigozhin è una versione russa di Benedict Arnold o un attore come Richard Burton o Robert De Niro. A pensarci bene, il comportamento di Prigozhin mi ricorda un po’ il ruolo di Al Capone interpretato da De Niro:
Dato che l’irruzione di Prigozhin coincide con la disastrosa mancanza di progressi nella controffensiva ucraina, sono propenso, come Andrei, a credere che Prigozhin possa essere sostenuto da oligarchi anti-Putin e che stia cercando di interrompere i successi dell’esercito russo sul campo di battaglia. Penso che fallirà e non sopravviverà a questo scabroso attacco al Ministero della Difesa russo.

Tuttavia, l’attacco di follia di Prigozhin potrebbe essere una mossa Maskirovka senza precedenti. Se le truppe russe si muovessero in “risposta” al suo appello per un colpo di stato, potrebbe essere uno stratagemma per mascherare la concentrazione delle forze russe per un’offensiva inaspettata. Vedremo.

Fonte: Reseau International

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM