Militari francesi fra i gruppi jihadisti in Siria e Iraq

Gruppi islamici hanno reclutato dozzine di ex soldati francesi, come risulta in un nuovo rapporto preoccupante pubblicato di recente. La rivelazione è arrivata meno di tre mesi dopo di un attacco terroristico, effettuato da un membro del personale del quartier generale della polizia a Parigi, attacco che ha scioccato la nazione.

Più di un terzo degli ex militari francesi sono convertiti all’Islam e quasi la metà ha prestato servizio in reparte d’élite come la legione straniera , paracadutusti, commando o unità di marina, dove hanno acquisito esperienza nel combattimento e nella gestione di armi ed esplosivi.

Mercoledì il quotidiano conservatore Le Figaro ha pubblicato alcuni brani del prossimo rapporto del “Center for the Analysis of Terrorism”, un think tank con sede a Parigi.

Il rapporto afferma che l’esercito francese “costituisce un obiettivo strategico di reclutamento per gruppi terroristici … e gli ex soldati rappresentano una enorme risorsa per questi gruppi”.

Il rapporto, “Soldiers and Jihad”, descrive 23 ex militari “identificati all’interno di organizzazioni terroristiche [principalmente l’ISIS] o implicati nella trama di attacchi terroristici”.

Un precedente rapporto parlamentare ha rilevato che, dal 2012 in poi, circa 30 ex militari si sono uniti a gruppi jihadisti. Diversi ex legionari sono stati arrestati su trame terroristiche in Francia ed ex paracadutisti o commando sono diventati leader delle unità di combattimento dell’Isil in Siria o Iraq.

Altri ex militari , che sono rimasti in Francia, sono stati coinvolti nella pianificazione di attacchi contro soldati o siti militari.

Alcuni ex militari “si sono radicalizzati dopo essersi arruolati nell’esercito francese, mentre altri hanno iniziato a radicalizzarsi dopo aver lasciato l’esercito”, afferma il rapporto.
“Tuttavia, alcuni stavano programmando di unirsi ai gruppi jihadisti già prima di essere reclutati dalle forze armate francesi”.

Uno di questi combattenti è chiamato Boris V., originario della Charente, nel sud-ovest della Francia, che divenne un commando aereotrasportato specificamente per apprendere abilità utili a un gruppo terroristico.
Lo stesso ha preso il nome di guerra di “Younous the Deserter” ed è stato ucciso vicino ad Aleppo, in Siria, nel 2016.

Frédéric R., un ex legionario sulla sessantina che si è convertito all’Islam, è stato arrestato il mese scorso e ha confessato di aiutare un gruppo di giovani radicalizzati a pianificare gli attacchi.

L’intelligence militare francese ha affermato che gli sforzi per rilevare e prevenire la radicalizzazione sono stati intensificati all’inizio di quest’anno e “diversi casi che mostrano segni di basso livello” erano attualmente monitorati.

Reparti speciali francesi

Il rapporto ha affermato che nessuno dei casi ha rappresentato un pericolo immediato e “il livello di minaccia dell’Islam jihadista sunnita, infiltrata all’interno delle forze armate, è ora considerato basso”.

A ottobre, un impiegato della polizia, radicalizzato all’islam salafita, ha pugnalato a morte quattro persone nel quartier generale della polizia di Parigi, presumibilmente uno degli edifici più sicuri della Francia.

Thibault de Montbrial, ex paracadutista e capo del Center for Internal Security Studies, un altro gruppo di esperti, ha detto al Telegraph: “Il problema di individuare persone che potrebbero diventare radicalizzate mentre prestano servizio [nelle forze armate] è capitale. Anche se l’esercito è un’istituzione formidabile per l’integrazione e la coesione, il rischio è reale ”.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • eusebio
    22 Dicembre 2019

    Nonostante l’arruolamento dei militari occidentali islamisti l’esercito siriano sta massacrando gli scalzacani jihadisti di Idlib, recuperando ogni giorni decine di località.
    Inoltre secondo l’agenzia turca Anadolu addirittura truppe saudite avrebbero occupato i pozzi di petrolio siriani di Omar, prendendo il posto forse delle truppe USA.
    Ci si aspetta che l’aviazione siriana li attacchi e li massacri.

  • atlas
    24 Dicembre 2019

    tutta bella gente

    che non capisco perchè si continui a definire ‘islamici’. Sunniti poi

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code