Michel Collon: “Israele è chiaramente il tabù numero uno”

Dal 2004, questo saggista e giornalista belga gestisce Investig’Action , un sito di notizie alternative recentemente attaccato . La sua critica alla lobby sionista gli è valsa in cambio forti attacchi, a cui quest’ultimo risponde qui.

Sei sospettato di fare propaganda filo-russa e sviluppare teorie cospirative. A cosa rispondi?

Bisogna sempre pensare alla posizione di coloro che formulano critiche. Sapendo che mi oppongo agli interessi delle multinazionali negli Stati Uniti e in Francia e alle loro guerre, è normale per me attaccare. Queste sono spesso etichette senza prove. Ho pubblicato un testo intitolato “Cospirazione, io?” , Dove spiego che è una grande trappola analizzare il sistema economico e sociale per cospirazione.
Nei miei libri, al contrario, dico che siamo vittime di un sistema gestito da multinazionali. Ho parlato di un numero da 2000 a 3000 famiglie con nomi e attività identificabili che dominano l’economia e la società globale. Mi sono sempre opposto all’analisi del complotto. Se alcuni media mi descrivono come tali, è perché hanno paura di discutere con me. Questo è un modo per screditare per salvaguardare le loro posizioni.

E sulle accuse di propaganda filo-russa?

Sono contro la politica americana di accerchiare la Russia, indebolendola circondandola di basi militari e regimi schiavizzati … Gli Stati Uniti stanno cercando di far rivivere la guerra fredda. Questo non è un buon affare per la nostra gente. Dovremmo invece concentrare le nostre energie per risolvere i problemi di povertà, sottosviluppo, spreco di energie naturali, inquinamento … La guerra non risolve nessuno di questi problemi, li aggrava. Quelli che mi chiamano filo-russo confondono due cose: essere contro la guerra non significa approvare tutta la politica di un paese bersaglio. Essere per una soluzione pacifica non è una posizione filo-russa, pro-cinese, pro-siriana … È solo una posizione a favore della pace e della sovranità delle nazioni.

Michel Collon

Il tuo sito Web è stato recentemente attaccato. Cosa è successo?

È iniziato dopo la pubblicazione del mio libro su “Israele, parliamone!” (Investig’Action ed., 2010, ed.), In cui respingo tutte le bugie dei media, spiegando che Israele è un potere coloniale e razzista, basato sul furto della terra, la pulizia etnica, l’apartheid e il terrorismo. aggressione permanente dei suoi vicini … Se ci fosse una giustizia internazionale, il governo israeliano dovrebbe essere condannato per questo. Non sono stato perdonato per aver messo piede nell’appartamento, a volte nei dibattiti televisivi, come Tonight (dove mai!), Con Frédéric Taddeï, di fronte ai portavoce della lobby sionista … Ma io non sono l’unico .

Quali sono state le conseguenze?

Questa lobby ha deciso di sporcarmi e tagliarmi dall’opinione pubblica. Caroline Fourest ha realizzato un documentario (The Obsessed of the plot, nel 2013, ndr). Poi ho subito gli attacchi di tutti i piccoli siluri di Bernard-Henri Lévy, il quale ancora rifiuta il dibattito con contraddittorio. Recentemente, questa aggressività si è scatenata contro di me quando ho organizzato, con altre associazioni, un evento in Belgio intitolato “Perché e come essere solidali con i palestinesi”, sul tema del movimento BDS (Boicottaggio, disinvestimento e sanzioni, chi vuole far pagare a Israele il prezzo dell’occupazione in Cisgiordania, ndr). Da allora, sono oggetto di una campagna di calunnia.

Come spieghi il potere della lobby israeliana?

La lobby filo-israeliana non è un fenomeno isolato che trae potere da se stesso. La Palestina è un centro fondamentale della geostrategia. Come dice l’intellettuale americano Noam Chomsky, “Israele è il poliziotto in Medio Oriente”: è il cane che gli Stati Uniti usano per la polizia. Ma questa lobby è collegata ad altre importanti lobby negli Stati Uniti e in Europa, in particolare nel complesso militare-industriale. Negli anni ’50, il presidente degli Stati Uniti Eisenhower mise in guardia contro l’onnipotenza che poteva acquisire.

Ancora oggi, ci sono persone che vogliono la guerra e vendono armi perché i profitti sono enormi. Israele sta attaccando i suoi vicini, ora il Medio Oriente in uno stato di insicurezza, è l’argomento ideale avanzato da Washington per vendere armi a Tel Aviv, Riyadh e altre petrodemocratiche retrograde … Queste lobby hanno un peso enorme sui rappresentanti del potere in Occidente. Ciò si riflette nei media, nell’insegnamento … Persino il presidente Emmanuel Macron cerca di superare l’antisionismo (cioè la critica al colonialismo israeliano) per l’antisemitismo (vale a dire il razzismo anti-ebraico) mentre la distinzione è sempre stata ben stabilita. Eppure alcuni ebrei fanno esattamente le stesse critiche a me …

È sempre più difficile criticare Israele oggi?

Sì, chiaramente, è il tabù numero uno. Stiamo parlando di una propaganda molto ben organizzata, che manipola il genocidio commesso contro gli ebrei nel 1945 e fa credere che questa sia la ragione per la fondazione di Israele. Questo è sbagliato. La genesi di Israele è un vecchio progetto coloniale formatosi molto prima. Se diciamo questo, siamo indicati come anti-semiti … Credo, tuttavia, che non dobbiamo essere pessimisti. Israele e la sua lobby non sono forti come vogliono far credere. Inoltre, l’equilibrio del potere in Medio Oriente viene invertito. Le pedine degli americani (Arabia Saudita) si stanno indebolendo, anche Israele. Lo stato sionista non è riuscito a sconfiggere né la popolazione di Gaza, né Hezbollah … È un po ‘come l’energia della disperazione in Israele, dove si è preoccupati per l’immagine del paese e le sue relazioni commerciali …

Con quali fondi vive il tuo sito?

Non abbiamo alcun sostegno finanziario da alcun potere o governo. L’unico reddito che abbiamo sono le donazioni dei nostri lettori e le vendite dei nostri libri . Li pubblichiamo noi stessi e organizziamo la vendita diretta. Abbiamo superato 140.000 amici su Facebook. Alcuni siti ci stanno trasmettendo, nonostante il boicottaggio dei media … Portiamo informazioni che non passano attraverso i canali “mainstream” e che i cittadini devono capire e influenzare le politiche … L’informazione è una condizione per difendere la pace.

Michel Collon

Fonte: Investig’Action

3 Commenti

  • D.B.S.
    18 ottobre 2018

    Digitate :” Putin parla al suo ( vero) popolo”

  • songanddanceman
    18 ottobre 2018

    Azz… , pochi giorni fa sono stati uccisi 15 militari russi
    ed abbattuto un aereo IL-20 per colpa degli Israeliani …!!!
    Evidentemente la Lobby finanziaria russa-sionista-giudea
    è molto potente non solo in USA ma anche in Russia .

  • Leopardo
    19 ottobre 2018

    Dunque, esistono ancora uomini veri, su questo
    mondo di infami ed ipocriti. Sono l’ unico spiraglio
    di salvezza per coloro che credono in una umanità
    veramente evoluta.

Inserisci un Commento

*

code