Michael Hudson: I veri avversari dell’America sono i suoi alleati, europei o meno

Le sanzioni che i diplomatici statunitensi stanno insistendo sui loro alleati per imporre al commercio con la Russia e la Cina sono apparentemente volte a scoraggiare un accumulo militare di quei paesi. Ma un tale rafforzamento non può davvero essere il programma principale di russi e cinesi. Hanno molto di più da guadagnare offrendo vantaggi economici reciproci all’Occidente. La domanda di fondo, quindi, è se l’Europa trarrà vantaggio dalla sostituzione delle esportazioni statunitensi con forniture russe e cinesi e dai legami economici reciproci associati.

Ciò che preoccupa i diplomatici statunitensi è che la Germania, altri paesi della NATO e paesi lungo la “Nuova Via della Seta” comprendano i vantaggi che si possono ottenere aprendo il commercio e gli investimenti pacifici. Se non esiste un piano russo o cinese per invaderli o bombardarli, perché è necessaria la NATO? E se non esiste una relazione intrinsecamente contraddittoria, perché i paesi stranieri devono sacrificare i propri interessi commerciali e finanziari affidandosi esclusivamente agli esportatori e agli investitori statunitensi? …

Invece di una vera minaccia militare da parte di Russia e Cina, il problema per gli strateghi americani è l’assenza di tale minaccia. …

L’unico modo rimasto ai diplomatici americani per bloccare gli acquisti europei è incitare la Russia a una risposta militare, e poi affermare che vendicare quell’atto supera qualsiasi interesse economico puramente nazionale. Come ha spiegato il Sottosegretario di Stato per gli Affari Politici Victoria Nuland durante una conferenza stampa del Dipartimento di Stato il 27 gennaio: “Se la Russia invaderà l’Ucraina, in qualche modo un altro, il Nord Stream 2 non andrà avanti. Il problema è creare un incidente sufficientemente offensivo e ritrarre la Russia come l’aggressore.

Provocare una guerra in Ucraina è stato facile perché la squadra di manovra credeva che l’Ucraina fosse pronta a sacrificare il suo popolo e il suo paese in una guerra impossibile contro la Russia. L’attore e presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva precedentemente annunciato che l’Ucraina avrebbe ripreso, con la forza, la Crimea e le repubbliche del Donbass da una resistenza ucraina allineata alla Russia.

Il 15 febbraio il professor John Mearsheimer ha tenuto una conferenza ( video ) in cui ha spiegato come gli Stati Uniti abbiano provocato e siano stati i responsabili dell’intera crisi ucraina.

Dall’anno scorso, circa la metà dell’esercito ucraino si è posizionato nel sud-est del Paese, sulla linea del cessate il fuoco con le repubbliche del Donbass. Il 17 febbraio ha lanciato un fuoco di artiglieria preparatorio contro le posizioni di resistenza. Nei giorni successivi il numero delle sparatorie è aumentato costantemente.

Artiglieria ucraina

Gli osservatori dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione (OSCE), posizionati in prima linea, hanno contato e documentato ogni colpo di artiglieria e pubblicato riepiloghi giornalieri sul loro sito web. Da 80 colpi di artiglieria il 16 febbraio, gli attacchi sono aumentati giornalmente a oltre 2.000 al giorno il 22 febbraio.

I monitor dell’OSCE hanno anche fornito mappe che mostravano dove stavano esplodendo i proiettili (qui 21 febbraio):

La stragrande maggioranza degli impatti si è verificata in tre aree a est della linea del cessate il fuoco, in posizioni ricoperte dalla resistenza del Donbass. Chiunque abbia un po’ di conoscenza militare riconoscerà queste intense campagne di artiglieria lungo assi separati come fuoco preparatorio per un attacco a tutto campo.

I leader delle repubbliche del Donbass e della Russia hanno dovuto reagire a questo attacco imminente. Il 19 febbraio, la Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare di Luhansk hanno chiesto aiuto al governo russo. Lasciati soli, non avrebbero avuto alcuna possibilità di resistere all’esercito ucraino che gli Stati Uniti e i suoi alleati, dal 2015, finanziavano e rafforzavano.

Fino a quel momento la Russia aveva insistito sul fatto che la DPR e la RLN facessero parte dell’Ucraina, ma che venisse loro concessa una sorta di autonomia, come previsto dagli accordi di Minsk. Ma ora doveva adottare misure che legalizzassero il sostegno russo al Donbass. Il 21 febbraio, la Russia ha riconosciuto queste repubbliche come stati indipendenti. Le tre parti hanno firmato accordi di cooperazione che includono clausole di supporto militare reciproco:

“Il trattato tra la Russia e le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) prevede la concessione del diritto di costruire basi militari sul loro territorio e di fornire assistenza militare reciproca”, ha affermato martedì il viceministro russo degli Affari esteri Andrey. Rudenko durante una sessione plenaria della Camera bassa del Parlamento. …

“Un aspetto importante: il trattato sancisce le intenzioni delle parti di interagire nel campo della politica estera, della tutela della sovranità, dell’integrità territoriale e della fornitura della sicurezza, in particolare fornendo l’assistenza reciproca necessaria, compreso l’aiuto militare, e garantendo il diritto di costruire, utilizzare e migliorare le infrastrutture militari e le basi militari sul proprio territorio”, ha sottolineato l’alto diplomatico russo. »

Con questi accordi in atto, l’aiuto militare russo contro l’attacco ucraino è diventato (almeno apparentemente) legale ai sensi dell’articolo 51 (autodifesa collettiva) della Carta delle Nazioni Unite.

Il 22 febbraio, quando nessun soldato russo aveva ancora messo piede sul suolo ucraino, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno imposto sanzioni economiche estreme alla Russia. Il presidente Biden ha riconosciuto che gli Stati Uniti si stanno preparando a questo da molto tempo.

“ Negli ultimi mesi ci siamo coordinati strettamente con i nostri alleati e partner della NATO in Europa e nel mondo per prepararci a questa risposta. Abbiamo sempre detto, e l’ho detto a Putin di fronte, un mese fa, più di un mese fa, che avremmo agito insieme non appena la Russia avesse attaccato l’Ucraina. …

La Russia ha ora innegabilmente agito contro l’Ucraina dichiarando questi stati indipendenti. …

“Oggi, quindi, annuncio la prima tranche di sanzioni volte a imporre costi alla Russia in risposta alle sue azioni di ieri. Queste misure sono state coordinate da vicino con i nostri alleati e partner e continueremo ad aumentare le sanzioni se la Russia intensificherà le sue azioni. »

Il 24 febbraio, le forze russe sono entrate in Ucraina in previsione del prossimo attacco alle repubbliche del Donbass. (Il Piano A russo consisteva nel fare pressione su Kiev affinché accettasse una rapida soluzione della crisi. Questo piano è fallito all’inizio di aprile dopo che Boris Johnson è intervenuto a Kiev. Quindi la Russia è passata al Piano B, la smilitarizzazione dell’Ucraina).

In seguito, il governo tedesco ha annunciato che il gasdotto Nord Stream II, che era tecnicamente pronto per fornire gas russo alla Germania, non sarebbe stato attivato.

Il 27 febbraio, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha pronunciato un discorso isterico e moralizzante davanti al parlamento tedesco. Ha accusato la Russia di aver rotto la pace in Europa.

L’accordo di Minsk, in base al quale l’Ucraina si è impegnata a federalizzare per dare una certa autonomia al Donbass, non è stato menzionato una volta. Germania e Francia sono state le due potenze garanti che, nel 2015, avevano co-firmato l’accordo di Minsk ma che, per sette lunghi anni, hanno pressato poco per la sua attuazione.

Invece di lavorare per un rapido cessate il fuoco e rinnovate relazioni economiche con la Russia, Scholz ha impegnato la Germania in un suicidio economico.

Sholz e Zelensky

Il 28 febbraio il professor Hudson ha pubblicato un altro approfondimento della crisi: “L’ America sconfigge la Germania per la terza volta in un secolo: CMI, BARE e OGAM conquistano la NATO ”.

In testa all’articolo, Yves Smith ha riassunto:

“Michael Hudson espande il suo tema su come il conflitto in Ucraina sia il risultato di forze molto più grandi all’opera , e non necessariamente quelle che hai in mente. Dice che la vera posta in gioco è impedire ai paesi europei, in particolare alla Germania, di sviluppare legami economici più profondi con Cina e Russia . …

Hudson descrive qui la presa dei principali interessi americani sulla politica estera e come vedono il conflitto come un modo per assicurarsi contro una possibile caduta di status e potere. »

L’articolo di Hudson è piuttosto lungo e profondo. Ti consiglio di leggerlo per intero.

L’idea degli Stati Uniti è isolare l’Europa dal suo entroterra eurasiatico, spostare le industrie europee negli Stati Uniti e comprare il resto a buon mercato.

Per eliminare il Nord Stream II e indurre i paesi europei a boicottare l’energia russa, gli Stati Uniti hanno promesso di “aiutare” vendendo il loro (piuttosto costoso) gas naturale liquefatto (GNL) alla Russia Europa. Ma quando i prezzi del gas naturale hanno iniziato a salire in Europa, sono intervenute le forze del libero mercato e hanno iniziato a crescere anche negli Stati Uniti. I prezzi elevati dell’energia hanno minacciato di danneggiare Biden e di far precipitare i Democratici alle elezioni di medio termine.

Poi accadde un misterioso incidente :

“Un’esplosione in un terminale di gas naturale liquefatto in Texas ha messo nel panico i residenti nelle vicinanze e ha sottratto una quantità significativa di carburante dal mercato con l’impennata della domanda globale. …

Freeport LNG sarà fuori servizio per almeno tre settimane, ha detto la società giovedì, a seguito di un incendio nel suo impianto di esportazione. …

La maggior parte delle esportazioni di Freeport LNG erano destinate all’Europa, secondo Rystad Energy. L’Europa potrebbe essere in grado di compensare il volume perso con aumenti di altre strutture, ha affermato Emily McClain, vicepresidente di Rystad. L’Europa riceve circa il 45% del suo GNL dagli Stati Uniti, mentre il resto proviene da Russia, Qatar e altre fonti, ha affermato. »

Ma tre settimane sono state troppo brevi per abbassare i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti. L’autorità di regolamentazione statunitense per queste strutture, la Pipeline and Hazardous Materials Safety Administration (PHMSA), è intervenuta ed ha esteso il processo di riavvio:

“Il secondo più grande impianto di esportazione di gas naturale liquefatto negli Stati Uniti, colpito da un incendio all’inizio di questo mese, non sarà autorizzato a riparare o riavviare le operazioni fino a quando non eliminerà i rischi per la sicurezza pubblica”, ha affermato giovedì un regolatore del gasdotto. …

Giovedì i futures sul gas naturale statunitense sono crollati del 15% nel rapporto e hanno continuato ad accumulare scorte, contribuendo a un calo dei prezzi del 33% a giugno, il calo mensile più grande dal 2018. …

“Il processo effettivo (di revisioni, riparazioni e approvazioni) richiederà più di tre mesi e potenzialmente da sei a dodici mesi”, ha affermato Alex Munton, direttore del settore globale del gas e del GNL presso i consulenti Rapidan Energy Group. »

Sono stati segnalati anche “problemi” improvvisi in altri impianti di GNL.

Non è solo il gas naturale, ma anche i prodotti petroliferi che gli Stati Uniti trattengono quando l’Europa ne ha bisogno:

L’amministrazione Biden avverte le raffinerie che potrebbero essere necessarie “azioni di emergenza” per far fronte alle esportazioni di carburante poiché le scorte di benzina e diesel rimangono ai minimi storici nel nord-est. »

Le fabbriche di fertilizzanti in Europa hanno chiuso a causa dei prezzi inaccettabilmente elevati del gas naturale. Seguono fonderie di acciaio e alluminio . La produzione di vetro e ceramica in Europa è seriamente minacciata .

In un lungo articolo pubblicato oggi, Yves Smith esamina le conseguenze economiche e politiche per l’Europa. In violazione della legge di Betteridge , intitola:

L’Europa ammetterà la sconfitta prima dell’Ucraina?

Avremo l’audacia di dire che non solo la guerra delle sanzioni contro la Russia si è ritorta contro di essa [l’Europa] in modo spettacolare, ma che i danni arrecati all’Occidente, e soprattutto all’Europa, stanno accelerando rapidamente. E non è il risultato di misure attive adottate dalla Russia, ma i costi della perdita o della riduzione delle risorse chiave russe che si accumulano nel tempo. …

A causa dell’intensità dello shock energetico, il calendario economico si sta muovendo più velocemente di quello militare. A meno che l’Europa non intraprenda un’importante correzione di rotta, e non vediamo come ciò possa accadere, la crisi economica europea sembra destinata a diventare devastante anche prima che l’Ucraina sia ufficialmente sconfitta . …

Come spiegheremo, questo shock sarà così grave se non si farà nulla (e come spiegheremo, è difficile immaginare che venga fatto qualcosa di abbastanza significativo), che il risultato non sarà una recessione, ma una depressione in Europa . …

In teoria, l’UE potrebbe tentare di mettersi al passo con la Russia. Ma il tempo non è più per quello. Non è solo che troppi giocatori europei chiave come Ursula von der Leyen e Robert Habeck sono troppo coinvolti nell’odiare la Russia per fare marcia indietro. Anche se ci fosse sangue nelle strade a dicembre, non sarebbero scacciati abbastanza in fretta. …

È anche che l’Europa ha bruciato i suoi ponti con la Russia al di là delle sole sanzioni. Putin ha ripetutamente offerto all’UE la possibilità di utilizzare il Nord Stream 2. Anche se la Russia utilizza solo metà della sua capacità, potrebbe comunque sostituire completamente le vecchie consegne del Nord Stream 1. Putin ha avvertito, tuttavia, che questa opzione non rimarrebbe aperta per molto lungo e che la Russia avrebbe iniziato a utilizzare il resto del volume. …

Il risultato sembra quindi inevitabile: molte aziende europee falliranno, portando a perdite di posti di lavoro, inadempienze sui prestiti alle imprese, perdite di entrate pubbliche, pignoramenti. E poiché i governi pensano di aver speso un po’ troppo generosamente per gli aiuti Covid, la loro fornitura di energia di emergenza sarà troppo piccola per fare la differenza. …

Ad un certo punto, la contrazione economica porterà a una crisi finanziaria . Se il downdraft è abbastanza veloce, potrebbe portare a una perdita di fiducia (giustificata) tanto quanto le perdite effettive e le insolvenze fino ad oggi.

Gli Stati Uniti, per ragioni puramente egoistiche, hanno condotto l’Europa, e soprattutto la Germania, in una trappola che porterà alla sua distruzione economica e sociale. Invece di riconoscere il pericolo e prendere le necessarie contromisure, i “leader” europei e tedeschi si sono impegnati a contribuire al processo.

La cosa migliore per l’Europa e la Germania sarebbe stata ovviamente evitare la crisi. Non è riuscito a causa della mancanza di intuizione e sforzo. Ma ora, con l’Europa in fondo, i politici dovrebbero almeno smettere di scavare. È nell’evidente interesse dell’Europa e soprattutto della Germania mantenere la crisi il più breve possibile.

Ma gli sciocchi che guidano l’Europa stanno facendo esattamente il contrario:

“La Germania manterrà il suo sostegno a Kiev “per tutto il tempo necessario”, ha affermato lunedì il cancelliere Olaf Scholz, chiedendo un allargamento dell’Unione europea per includere infine Ucraina, Moldova e Georgia. …

La Germania ha sperimentato un “cambiamento fondamentale di opinione” sul suo sostegno militare all’Ucraina negli ultimi mesi, ha affermato. …

“Manterremo questo supporto, in modo affidabile e, soprattutto, per tutto il tempo necessario”, ha detto a un pubblico universitario gremito. …

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha fatto eco alla promessa “il tempo necessario” fatta a Kiev in un discorso in Slovenia, chiedendo un “nuovo pensiero strategico” per sostenere i valori europei. »

Come sembrano dire questi “leader”, energia a prezzi accessibili, case calde, cibo a sufficienza, posti di lavoro e pensioni per i cittadini europei non sono tra i “valori europei” che vogliono difendere.

Il collasso economico e finanziario dell’Europa sarà molto più rapido del cambiamento politico, ovviamente necessario, per licenziare i suoi leader di terza classe.

L’unico settore politico che non sarà danneggiato da tutto questo, almeno in Francia e Germania, è l’estrema destra. Anche questo di per sé è un pericolo.

fonte: Moon of Alabama

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM