“Mi uccideranno con un proiettile”: Macron è terrorizzato da “giubbotti gialli”

A Parigi, per la quindicesima volta ci sono manifestazioni di “gilet gialli”
di Levon Harutyunyan


I francesi per la 15a volta hanno preso pate alle proteste dei “giubbotti gialli”. E sebbene il movimento spontaneo stia perdendo sempre più il sostegno tra la gente comune nel paese, gli analisti politici francesi stanno già cercando di dare un senso a quello che è successo al sistema politico francese e perché le parti non possono arrivare a un compromesso. Perché la protesta sociale è diventata politica e cosa attende il presidente Emmanuel Macron, Gazeta.Ru ha risolto.

La Francia celebra una specie di anniversario. Il 23 febbraio, il movimento dei “giubbotti gialli” per la 15a volta è sceso nelle strade delle città per protestare contro le politiche delle autorità. Allo stesso tempo, non esiste un piano d’azione organizzato per i dimostranti. Mentre a Parigi i manifestanti camminavano per la maggior parte delle strade, giocavano a marciare e urlavano slogan, a Tolosa diverse persone bloccavano gli ingressi al centro logistico di una delle compagnie per impedire ai camion di uscire dai magazzini.

Nella stessa Francia, si stanno già cercando di comprendere gli eventi il suo fenomeno – per così tanto tempo le proteste che si stanno svolgendo secondo un programma, e la riluttanza a dialogare con le autorità, e le autorità – con i manifestanti – è un fenomeno piuttosto raro.

Questa settimana Le Figaro ha pubblicato estratti dal libro The People and the President, dedicato all’analisi dei motivi per cui il giovane e progressista presidente Emmanuel Macron ha subito un forte rifiuto dei giubbotti gialli. In molti modi, il libro era basato su una grande intervista con Macron, che ha dato all’inizio di gennaio.

Nonostante nella situazione attuale non esistano leader chiaramente definiti dei “gilletons”, la crisi politica che ha travolto la Francia ha ancora un volto molto specifico. Discorsi piuttosto emotivi di Jacqueline Muro, che ha pubblicato i suoi appelli su Macron su Facebook, ha sottolineato l’atteggiamento feroce dei francesi nei confronti delle attività dell’attuale presidente.

«A cosa stai spendendo il tuo tempo, tranne per l’acquisto di nuovi piatti nell’Eliseo e la costruzione di nuove piscine per te?» Ha chiesto Muro a Macron.

Inoltre, fino ad allora, nessuno volto noto a nessuno, all’inizio dell’anno, aveva addirittura annunciato le sue ambizioni di creare un partito politico per opporsi a Macron alle elezioni. Anche se l’attuale ciclo elettorale in Francia sarà completato solo dopo tre anni.

Macron e la sua idea americana di felicità
Le proteste dei “giubbotti gialli” sono iniziate nell’ottobre 2018 in risposta all’aumento dei prezzi del carburante da parte del governo. All’inizio, la spina dorsale del movimento erano gli automobilisti che in Francia sono obbligati ad avere un giubbotto di sicurezza giallo in macchina – da qui il principale simbolo dei manifestanti.

Più tardi la base si è allargata : anti-globalisti, varie forze radicali “di destra” e “sinistra” si sono unite ai manifestanti. Al culmine delle proteste, oltre 200 mila persone sono scese in strada in tutto il paese. Tuttavia, non è stato possibile ripetere questo numero in seguito.

Oggi, le “giacche gialle” richiedono non solo riforme socioeconomiche, ma anche cambiamenti politici nel paese, comprese le dimissioni del presidente.

Le proteste sono anche spiegate dalla delusione dei francesi nella personalità dello stesso Macron. Stanco della tradizionale élite politica, la Francia nel 2017 ha votato per un leader giovane ed energico che non appartiene a nessuno dei vecchi partiti politici: repubblicani e socialisti. I francesi, contando su una nuova forza politica, speravano in un cambiamento nel paese.

Rivolta popolare in Francia

Tuttavia, pochi mesi dopo l’inizio dei lavori, i rating Macron hanno iniziato a calare.

Il nuovo presidente è apparso ancora più lontano dalla gente un politico rispetto ai suoi predecessori. Nella stampa francese, il capo dello stato per il suo stile di governo e la sua visione del mondo è diventato ironicamente chiamato “Giove” per analogia con il dio greco antico.

Il nuovo leader del paese ha ridotto al minimo la comunicazione con la stampa e ha posto davanti alla sua amministrazione il compito – come osserva Le Figaro, per evitare una situazione in cui l’immagine del presidente sarà incontrollabile. Inoltre, a differenza dei precedenti capi di stato, Macron si trasferì “come un re” per vivere nel palazzo di Elysian.

Inoltre, i francesi sono stati infastiditi dalle dure politiche economiche del giovane leader dello stato, che ha approvato una serie di leggi che limitano i diritti dei lavoratori. La Francia aveva eletto un presidente che avrebbe dovuto continuare il corso della socialdemocrazia e ha ricevuto un sostenitore del tatcherismo.

Macron è stato anche accusato di essere troppo interessato alla politica estera a scapito degli affari interni del paese. Secondo i francesi, il presidente è troppo portato via dalla rivalità per la leadership in Europa con Angela Merkel e l’idea di creare un unico esercito europeo.

“Macron è emerso da un mondo dominato dall’idea americana di felicità, successo individuale, coesione sociale e armonia. È un prodotto dell’approccio americano alla vita, cioè il primato dell’individuo sul programma, la comunicazione sull’ideologia, le battaglie televisive sulla lotta delle opinioni, l’immagine sulle idee “,

  • il filosofo francese Regis Debreu ha scritto sul capo dello stato. Quindi per i francesi, Macron rimane uno straniero piuttosto che un leader nazionale.

È ora di pagare le bollette
E ora, dopo pochi mesi, il presidente francese è costretto a riferire ai giornalisti per i suoi errori. Il capo dello stato ammette di aver sottovalutato la portata del movimento dei “giubbotti gialli”, ritenendo che ci sarebbero molti meno manifestanti.

“Questo è un enorme fallimento collettivo, in cui c’è la mia colpa. Ma ho ancora tre anni per correggere la situazione “, afferma Macron.

Il libro dice che il ministro degli Interni francese Christophe Castaner a novembre, proprio all’inizio delle proteste, ha organizzato un incontro del presidente con “giubbotti gialli” in una delle strade bloccate di Parigi, ma Macron lo ha rifiutato.

“Si indebolirebbe solo il potere esecutivo”, il presidente francese ha giustificato davanti ai giornalisti.

La decisione di Macron, tuttavia, è anche spiegata dalla mancanza di leader nel movimento, con i quali sarebbe possibile negoziare. Gli incontri dei “giubbotti gialli” sono spontanei e non c’è nemmeno una leadership informale nel movimento. Lo stesso Muro ha iniziato a ricevere minacce di morte dopo che si è offerta di negoziare con il governo.

Ma ultimamente c’è stata una spaccatura tra i manifestanti legati alle imminenti elezioni al Parlamento europeo .

Sentendosi come una forza politica, un certo numero di rappresentanti dei “giubbotti gialli” spera persino di ottenere la rappresentanza al Parlamento europeo alle elezioni europee del 26 maggio di quest’anno.

Così, il 23 gennaio, è apparso l ‘”Association of Civil Initiative”, che ha intenzione di nominare 10 persone per partecipare alle elezioni, e la lista potrebbe potenzialmente espandersi a 79 persone. È vero, il gruppo si è già affrettato a incolpare per il tradimento degli interessi del movimento dei “giubbotti gialli”. 

Fonte: Gazeta .ru

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti

  • redfifer
    24 Febbraio 2019

    No Macron tranquillo, per quelli come te serve proprio la ghigliottina, ovvero tenerti sui spilli fintanto che non ti piegherai in ginocchi e che la lama faccia il suo dovere liberatorio. Per dirla breve, per te ci vuole lo stesso sistema adoperato con enfasi sui tuoi predecessori, Alla maniera di Maria Antonietta, per intenderci!

  • Max Tuanton
    24 Febbraio 2019

    Macron ormai si sa che non e’ neanche piu umano ci vorrebbe l’esorcista per lui nessuna persona sana di mente resterebbe ancora a guidare I’ll proprio popolo dopo mesi di botte da orbi morti ecc.Quello che stupisce e’ LA polizia che continua a servire sto Zombie gay di Macron e I suoi Padroni Ebrei ,xche’ Macron e’ un burattino messo dai Giudei Rothschild ,tutto si spiega se si pensa che LA Polizia e’ tutta formata da massoni come in Italia ,I capi soon tutti Massoni ,LA P2 famosa loggia secrets dove ci stava Berlusca Costanzo e tanti altri LA maggior parte Degli iscritti erano colonnelli generali funzionari di Polizia Guardia di finanza esercito ecc una massa di rimbambiti ligi sempre agli ordini Dei gran Maestri che a loro Volta dipendono Dallas grana Degli Ebrei , LA grana Degli Ebrei comanda su tutti politician magistrature Polizia su tutto, Fiano e LA sua tribu di scappellati maniaci ( pure la nirenstein impiastro di donna petulante ) andrebbero fatti al Forno in salsa kosher

    • atlas
      24 Febbraio 2019

      mi stai diventando sempre più simpatico. Ripetitivo, ma simpatico

  • Monk
    26 Febbraio 2019

    La maggiore parte dei burattini messi dagli ebrei sono psicopatici e le masse a ruota come loro nel momento in cui si fanno rincoglionire piacevolmente. Fanculo a tutto P-38, unica soluzione…suicidio di massa, ovvio.

    • Sed Vaste
      27 Febbraio 2019

      Ma monk xche LA Mani con sto suicidio piuttosto omicidio , a me Fiano e LA nirenstein ispirano un barbeque in salsa kosher ,hanno combinato tali angherie e truffe bancarie I Giudei che almeno prima di levarmi da questa terra li cerco di sputtanare un po

Inserisci un Commento

*

code