Mettono in guardia da un conflitto “catastrofico” tra Stati Uniti e Cina


di Emanuel Pastreich
L’ex segretario di Stato Henry Kissinger avverte che la situazione dei legami Cina-Stati Uniti. sta per diventare simile a quello prima della prima guerra mondiale.

Intervenendo a un webinar del think tank britannico Chatham House, l’ex funzionario statunitense ha sottolineato che gli Stati Uniti devono raggiungere un’intesa con la Cina su un nuovo ordine globale per garantire la stabilità o il mondo dovrà affrontare un conflitto “catastrofico” che non lo farà. non avvantaggiano nessuna nazione, hanno riferito i media locali venerdì.

“Se a quel punto non raggiungiamo un’intesa con la Cina, ci troveremo in una situazione simile a quella prima della prima guerra mondiale in Europa, in cui ci sono conflitti perenni che si risolvono immediatamente, ma uno di essi va fuori controllo a un certo punto “, ha detto Kissinger.

Infatti, ha aggiunto il politico 97enne, la competizione “infinita” tra le due maggiori economie mondiali corre il rischio di un’escalation imprevista e di conseguenti conflitti, una situazione che diventerebbe più pericolosa a causa dell’intelligenza artificiale e delle armi tecnologiche. di proprietà sia della Cina che degli Stati Uniti.

Il generale cinese esorta a sviluppare capacità di combattimento contro gli Stati Uniti
Video: Cina e Stati Uniti stanno camminando verso la guerra? | HISPANTV
Video: Cina e Stati Uniti stanno camminando verso la guerra? | HISPANTV
Il presidente cinese Xi Jinping martedì ha ordinato alle truppe di concentrarsi sul miglioramento delle capacità di combattimento e sulla preparazione alla guerra.

Kissinger ha detto che gli Stati Uniti probabilmente troveranno difficile negoziare con un rivale come la Cina che presto sarà più grande e più avanzato in alcune aree. Inoltre, un’altra domanda è se la Cina accetterà o meno questo nuovo ordine.

Oltre a fare riferimento ai progressi tecnologici della Cina, il veterano diplomatico americano ha insistito sul fatto che anche l’Occidente deve migliorare le proprie capacità. “Questo è il nostro problema interno, non è un problema cinese”, ha aggiunto.

Forze navali cinesi

Il senatore avverte: lo sviluppo militare della Cina supererebbe gli Stati Uniti

Una situazione di combattimento tra Pechino e Washington, infatti, non è poi così lontana dalla realtà di fronte all’escalation di tensioni che sta aumentando tra le due parti , poiché entrambe hanno controversie diverse su varie questioni, come il commercio, la concorrenza tecnologica, il nuovo coronavirus. pandemia, che causa COVID-19, problemi relativi a Taiwan e Hong Kong e al Mar Cinese Meridionale, tra gli altri.

Esercitazioni Russia Cina

Nota: Il vecchio Kissinger avverte del pericolo che gli Stati Uniti stiano sottovalutando la situazione esplosiva che sta maturando a livello internazionale per le tensioni fra USA-Cina e Russia.
Quello che Kissinger non dice è che i rischi di un conflitto sono esacerbati dall’atteggiamento aggressivo e tracotante di Washington che, in una contesto internazionale profondamente mutato, pretendono di attuare come superpotenza egemone provocando e insultando le super potenze rivali, senza considerare che il mondo si è ormai impostato su un equilibrio multipolare.

Traduzione e nota: Luciano Lago

9 Commenti

  • mario
    28 Marzo 2021

    L “IMPERO DEL MALE : EBREO SIONISTA—–AMERICANO E” ORMAI ALLA FINE.
    LA CINA E” LA RUSSIA VI FARANNO PAGARE TUTTO IL MALE CHE AVETE FATTO ALL “UMANITA”
    ANCHE IL POPOLO ITALIANO E” CON LA CINA CON LA RUSSIA, E CON TUTTI I PAESI LIBERI
    DI QESTO PIANETA , W LA LIBERTA”……………………………………………………………………

  • Eugenio Orso
    28 Marzo 2021

    Se uno come kissinger attira l’attenzione su una guerra usa contro Cina, non è che la guerra vera scoppierà in Europa o altrove (Siria?), contro la Russia?
    Sono abituato alle menzogne dei liberisti, pur a livelli infimi … Se lasciano trapelare che l’ad (o ceo) di una società sarà X, state pur sicuri che X è “bruciato” e sarà eletto, a sorpresa, Y …

    Cari saluti

    • atlas
      29 Marzo 2021

      non colpire troppo nel segno, la redazione potrebbe rimanerci male. Come sulla Turchia di merdogan ferreo alleato della Russia ……

  • Manente
    28 Marzo 2021

    Sul conflitto con la Russia che è già pianificato, neanche una parola, molto strano, sembra che il vecchio cialtrone sionista voglia suggerire alla cabala neo-con di tenere buona la Cina in vista di una guerra contro la Russia che tra l’altro coinvolgerebbe in pieno il territorio europeo.
    Prima che la situazione sfoci in un conflitto nucleare, la Cina dovrebbe aderire con urgenza alla proposta avanzata dal governo russo per bocca di Lavrov che consiste in un accordo fra Cina e Russia per rinunciare al dollaro come moneta di scambio internazionale, eliminando in tal modo il principale strumento che permette agli Usa di dominare il mondo e di ricattare le altre Nazioni con le sanzioni e con l’arma del debito. Credo sia questa la cosa di cui le lobby della finanza anglo-sionista hanno più paura in quanto distruggerebbe una volta per tutte il potere dei Rothschild e dei loro sodali, un potere infernale che tiene sotto ricatto il mondo intero da oltre 200 anni !!!

  • giuseppe sartori
    28 Marzo 2021

    un applauso sia a eugenio che a manente

  • Eugenio Orso
    28 Marzo 2021

    L’accordo per il superamento del dollaro come moneta di scambio nei commerci mondiali, coinvolgerebbe anche altri paesi minacciati dagli usa, come l’Iran e, forse, anche gli astuti turchi …
    Potrebbe richiedere una valuta internazionale di scambio che affianchi le monete nazionali dei paesi aderenti, per la questione scottante del cambio delle singole valute nazionali.
    Questa moneta (anti-dollaro) non sarebbe certamente come l’euro, che è una trappola elitista per saccheggiare i paesi europei più deboli e indebitati.

    Cari saluti

    • atlas
      29 Marzo 2021

      e invece potrebbe essere proprio l’€. Se vent’anni fa l’Europa avesse preso altri orientamenti …

      invece è stato sempre più un progressivo precipitare nella merda

  • eusebio
    29 Marzo 2021

    Il vecchio sionista Kissinger, regista del massacro degli oppositori all’anglosionismo ante litteram in Argentina, ha avvertito della necessità di dividere la Cina dalla Russia per attaccarle separatamente, mentre il suo successore, il giovane sionista Blinken, le ha aggredite entrambe all’unisono.
    L’aggressione alla Cina procede spedita, il parlamentare USA Scott Perry alla Camera bassa ha proposto di includere Taiwan nell’alleanza NATO Plus, che include oltre ai 27 paesi NATO pure Australia, Nuova Zelanda, Giappone, Corea del Sud ed Israele.
    Questo vorrebbe dire automaticamente il casus belli tra NATO e Cina, che considera Taiwan una provincia ribelle, oltre che il riconoscimento de facto dell’indipendenza di Taiwan.
    Il fatto che i circoli sionisti al potere in occidente stiano accelerando nell’aggressione a Cina e Russia è forse dovuto al declino irreversibile dell’apparato militare occidentale, un paio di settimane un F-35 USA secondo Southfront durante un’esercitazione a fuoco sparando un colpo di cannone gli è esploso il colpo appena uscito auto abbattendosi, ormai la deindustrializzazione imposta dai circoli sionisti per permettere all’oligarchia finanziaria di controllare la politica, l’economia e la società occidentali ha disarmato gli USA, mentre l’imponente riarmo, lo sviluppo industriale e tecnologico e la successiva dedollarizzazione del gigantesco blocco eurasiatico preannunciano il totale annientamento delle oligarchie sioniste nelle varie province da loro controllate, Ucraina, Europa occidentale, Palestina occupata ed infine Nord America.

  • giorgio
    29 Marzo 2021

    Quando sento nominare Kissinger, uno dei peggiori criminali viventi, ho un sobbalzo per la ripulsa che mi provoca ……
    è ancora vivo ….. e pontifica pure …..

Inserisci un Commento