Messaggio dalla Cina a Donald Trump: “cosa vuoi da noi”?


Un messaggio di un cittadino cinese al presidente Trump, al governo degli Stati Uniti e ai media americani
Di Lin Liangduo


Quando è troppo è troppo. Abbastanza ipocrisia per questo mondo unico.
Cosa vuoi da noi, comunque? Cosa vuoi veramente da noi?

Quando eravamo il malato dell’Asia, eravamo chiamati “il pericolo giallo”.

Quando siamo previsti per diventare la prossima superpotenza, siamo stati chiamati “la minaccia”.

Quando eravamo poveri, hai invaso le nostre città e eretto cartelli con la scritta “Non sono ammessi cani o cinesi”.

Quando siamo divenuti ricchi e ti prestiamo denaro, ci incolpi per i tuoi debiti nazionali.

Quando abbiamo chiuso le nostre porte, hai contrabbandato droghe (oppio) per aprire i nostri mercati.

Quando abbracciamo il libero scambio, ci incolpi per aver portato via il tuo lavoro.

Quando abbiamo provato il comunismo, ci odiavi per essere comunisti.

Quando abbracciamo il capitalismo, ci odi per essere capitalisti.

Quando stavamo cadendo a pezzi, hai marciato con le tue truppe e volevi la tua “giusta quota”. Quando abbiamo provato a rimettere insieme i pezzi rotti, “Free Tibet”, hai urlato,

È stata un’invasione! Quando, a causa tua, lo Xinjiang e il Tibet sono stati persi nel caos e nella furia, hai richiesto regole di legge.

Medici cinesi sbarcano in Italia

Quando sosteniamo la legge e l’ordine contro la violenza (a Hong Kong) , la chiami “violazione dei diritti umani”.

Quando avevamo un miliardo di persone, hai detto che stavamo distruggendo il pianeta. Quando abbiamo provato a limitare i nostri numeri, hai detto che abbiamo abusato dei diritti umani.
Quando costruiamo le nostre industrie, ci chiamate inquinatori.
Quando vendiamo merci, ci incolpate per il riscaldamento globale.
Quando compriamo petrolio, lo chiami sfruttamento e genocidio.

Quando voi invadete ed occupate gli altri paesi per il petrolio, la chiamate “liberazione”.

Quando eravamo in silenzio, hai detto che volevi che avessimo la libertà di parola. Quando non stiamo più in silenzio, dici che siamo xenofobi sottoposti a lavaggio del cervello.

“Ci capisci, abbiamo chiesto”? “Certo che lo facciamo”, hai detto, “Abbiamo Fox News, CNN e The Economist”.

E oggi nel 2020, stiamo facendo del nostro meglio per far fronte a un’epidemia di virus sconosciuta, ma nulla di ciò che facciamo è abbastanza buono da farti piacere.

La Cina condanna le sanzioni USA

Abbiamo messo in quarantena l’area infetta, ma la CNN pubblica un articolo sporco che ci dice che è un metodo “troppo aggressivo” e che “stiamo violando i diritti umani” e stiamo facendo “un progetto per la segregazione razziale”. Ma se non lo facessimo, ci condanneresti per non aver preso misure più forti. (1)

Allora, cosa vuoi veramente da noi?
Quando è troppo è troppo. Abbastanza ipocrisia per questo mondo unico.
I leader cinesi non hanno bisogno di essere guidati dagli Stati Uniti e gli americani non hanno il diritto di dare lezioni alla Cina (una civiltà millenaria) di “pace” o di”diritti umani” o qualsiasi altra cosa. Proprio da voi no
!

E perché questa terra non è abbastanza grande per tutti noi?

Tradotto dal cinese per Global Research

4 Commenti

  • MDA
    7 Giugno 2020

    Ma che cagata di articolo e’?
    Parlare della lettera aperta di mons. Viganò piuttosto.

  • Teoclimeno
    8 Giugno 2020

    Se la Cina continua ad avanzare, salta il PNAC (Progetto per un Nuovo Secolo Americano).

  • MDA
    8 Giugno 2020

    Cardinal Charles Bo ha detto bene riguardo al partito comunista cinese

  • SESTO
    8 Giugno 2020

    Grande lezione di equilibrio e saggezza.

Inserisci un Commento

*

code