Mentre nel 2018 gli Stati Uniti erano in guerra con i terroristi uiguri, ora affermano che non esistono più

Gli uiguri adesso fanno comodo a Washington per usarli contro la Cina

di Alan Macleod.

Con la Cina che adesso è entrata nel mirino degli Stati Uniti, l’ETIM (organizzazione terroristica) è passata dall’essere un avversario a quello di un potenziale alleato di Washington.

WASHINGTON – Negli ultimi mesi della sua amministrazione, il presidente Donald Trump ha rimosso dalla lista dei terroristi statunitensi un’organizzazione paramilitare poco conosciuta chiamata ETIM, un acronimo che sta per Movimento di indipendenza del Turkestan orientale o Movimento islamico del Turkestan. Orientale, a seconda da chi è denominato. Il gruppo è anche noto come Partito islamico del Turkestan orientale (TIP o ETIP).

Spiegando la decisione, il Dipartimento di Stato ha affermato che “l’ETIM è stato tolto dalla lista perché, per oltre un decennio, non ci sono state prove credibili che l’ETIM continuasse ad esistere”. La mossa è stata salutata da un’ampia gamma di gruppi uiguri negli Stati Uniti, che l’hanno vista come un passo verso il blocco delle azioni della Cina contro gli uiguri nella provincia dello Xinjiang.

Tuttavia, la decisione avrà confuso chiunque abbia una lunga memoria o che abbia seguito da vicino la guerra al terrorismo. Solo due anni prima, gli Stati Uniti erano attivamente in guerra con il movimento islamico del Turkestan orientale, con lo stesso Trump che ordinava l’escalation di una campagna di bombardamenti contro di loro.

Nel 2018, il maggiore generale James Hecker, comandante del Comando aereo della NATO in Afghanistan, ha tenuto una conferenza stampa in cui ha osservato che non solo l’ETIM era reale, ma questo gruppo stava lavorando fianco a fianco con i talebani. Ha continuato a vantarsi che le sue forze stavano distruggendo le loro basi di addestramento, riducendo le loro attività terroristiche sia nella regione di confine tra Afghanistan, Pakistan e Cina, sia all’interno della Cina.
Prenderemo di mira chiunque sia un nemico dell’Afghanistan”, ha detto al Washington Post il generale di brigata Lance Bunch , annunciando anche che “[noi] ora abbiamo nuove autorità che ci consentono di farlo, prendono di mira i talebani e l’ETIM dove in precedenza pensavano di erano al sicuro ”.

Perché allora il governo ha improvvisamente insistito sul fatto che ETIM / TIP non esistesse? E chi è questa oscura organizzazione?

Terrorista uiguri in combattimento in Siria

Chi sono gli ETIM / TIP?
Il Movimento Islamico del Turkestan Orientale è un gruppo jihadista guidato dal 2003 da Abdul Haq al-Turkistani, un esponente uigura nato nello Xinjiang. Il suo obiettivo è creare uno stato etnico esclusivamente musulmano (Turkestan orientale) nello Xinjiang. Una regione asciutta e montuosa al confine occidentale della Cina, lo Xinjiang ha le dimensioni dell’Alaska e ospita circa 25 milioni di persone.

“Questa terra è solo per i musulmani”, spiega Haq in un film di propaganda di al-Qaeda; “La semplice presenza di miscredenti su questa terra dovrebbe essere una ragione sufficiente per i musulmani per impegnarsi nel jihad”. L’ETIM è ancora considerata un’organizzazione terroristica dalle Nazioni Unite, dall’Unione Europea, dal Regno Unito e dalla Russia, tra gli altri.

Non sorprende che anche il governo cinese lo classifichi come tale. Alla domanda sui suoi commenti, Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha detto a MintPress che “ETIM è da tempo impegnato in attività terroristiche e violente, causando gravi vittime e ponendo serie minacce alla comunità. Sicurezza e stabilità in Cina in questa regione e al di là “. Wenbin ha anche criticato il “flip-flop” americano su ETIM, che, nelle sue stesse parole, “espone ancora una volta il doppio standard dell’attuale amministrazione statunitense sull’antiterrorismo e la sua odiosa pratica di perdonare coloro che gli possono essere utili per attività di destbilizzazione.
MintPress ha anche contattato varie organizzazioni uiguri per un commento, ma tutti hanno rifiutato di rispondere.

Wenbin spiega che tra alcuni degli attacchi di più alto profilo in Cina ci sono stati i tentativi dell’ETIM di sabotare le Olimpiadi di Pechino del 2008 effettuando attentati contro le città ospitanti. Poco prima dei giochi, ETIM ha pubblicato un video con una bandiera olimpica in fiamme e avvertendo tutti i musulmani di stare lontani dai luoghi. C’è stata anche una serie di attacchi mortali attribuiti a ETIM in cui i terroristi guidavano veicoli schiacciando folle di pedoni e poi eseguivano uccisioni con coltellate.
Nel 2009, le tensioni tra uiguri e cinesi han si sono trasformate in rivolte mortali nella capitale dello Xinjiang, Urumqi, dove quasi 200 persone, per lo più di etnia han, sono state uccise a causa dei disordini, Pechino ha ordinato un massiccio aumento della sorveglianza e della sicurezza nella regione , inondando la provincia di telecamere, polizia armata e spie. Ad oggi, le autorità cinesi mantengono una presenza estremamente sicura.

Ovviamente, la stragrande maggioranza delle persone uccise dai terroristi dell’ ETIM nel mondo sono musulmani non salafiti, e considerare ETIM come rappresentanti della popolazione uigura nel suo insieme sarebbe estremamente fuorviante. In effetti, gli uiguri dello Xinjiang sono stati coinvolti nel fuoco incrociato tra ETIM e il governo cinese. Ad oggi, il governo afghano considera il gruppo anche una seria minaccia alla pace e alla sicurezza in Afghanistan.
Al-Qaeda, legami talebani, obiettivo cinese
Le unità ETIM si sono addestrate e hanno combattuto in quello che sembra essere praticamente ogni conflitto che coinvolge i musulmani negli ultimi 20 anni, ma sempre con l’obiettivo di portare a casa le proprie capacità. Un rapporto esclusivo dell’Associated Press nel 2017 intitolato ” Uiguri che combattono in Siria Obiettivo per la Cina ” ha rivelato che almeno 5.000 uiguri dello Xinjiang si erano recati in Siria per addestrarsi e combattere al fianco di Al-Qaeda e dello Stato islamico. “Non ci interessa come sono andati i combattimenti o chi fosse Assad”, ha detto ad AP il combattente ETIM; “Volevamo solo imparare a usare le armi e poi tornare in Cina”.
Per molti, il giro di vite di Pechino sulle libertà civili in seguito alle rivolte di Urumqi è stato il catalizzatore. “Vendicheremo i nostri cari torturati nelle prigioni cinesi”, ha detto un altro combattente all’AP . Un rapporto del New York Times del 2015 rileva inoltre che i musulmani cinesi sono stati addestrati in Libia prima di recarsi in Siria per combattere le forze governative.

Le Nazioni Unite affermano che l’ETIM “mantiene stretti legami con i talebani, Al-Qaeda e il Movimento islamico dell’Uzbekistan”. Infatti, dal 2005 il leader dell’ETIM Haq è membro del Consiglio degli anziani di Al Qaeda, un gruppo di circa due dozzine di individui che controllano la leadership dell’organizzazione. L’ONU rileva che in precedenza la principale fonte di finanziamento per ETIM era lo stesso Osama bin Laden, che assunse e pagò direttamente Haq. (…..)
Nel 2002, le forze statunitensi hanno catturato e detenuto 22 militanti uiguri dell’ETIM in un campo in Afghanistan. Sono stati mandati al campo di prigionia di Guantanamo Bay a Cuba e sono stati accusati di viaggiare dalla Cina per unirsi alla jihad ETIM, cosa che molti hanno ammesso. Tuttavia, tutti hanno insistito sul fatto che non stavano cercando di danneggiare gli Stati Uniti e invece vedevano la Cina come il loro principale nemico.
Non vedendoli come una minaccia diretta per se stessi, gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciarli in paesi terzi e nel 2013 erano stati tutti rilasciati. (……)
Il Dipartimento di Stato ha designato ETIM come un gruppo terroristico, aggiungendolo alla sua lista nel settembre 2002. A quel punto, l’amministrazione Bush aveva dichiarato guerra al terrorismo, stava combattendo i talebani in Afghanistan e stava per invadere l’Iraq. Inoltre, all’epoca le relazioni con la Cina erano buone e l’amministrazione Bush voleva garantire la cooperazione cinese o almeno allentare la resistenza cinese alle sue campagne.

Banda uiguri in attesa arruolamento dagli USA

“Designare ETIM / TIP come organizzazione terroristica sembra appropriato” , ha detto a MintPress Daniel Dumbrill, uno YouTuber canadese attualmente nello Xinjiang e un critico aperto della politica statunitense nei confronti della Cina, aggiungendo:

“Non credo che improvvisamente e bruscamente cessino di esistere e non credo che neppure il governo degli Stati Uniti ci creda. Dalla loro sconfitta le Tigri Tamil sono rimaste inattive per più di 10 anni, ma rimangono nella lista delle organizzazioni terroristiche del governo degli Stati Uniti. Pertanto, non sembra che l’eliminazione dei gruppi terroristici inattivi non sia mai stata una questione prioritaria. C’è ovviamente, credo, un ulteriore motivo per [la loro rimozione dalla lista delle organizzazioni terroristiche] ”.


Una lotta per la supremazia mondiale
Oggi, invece, le relazioni con la Cina sono decisamente peggiorate. La rapida crescita economica del paese ha allarmato e preoccupato molti pianificatori occidentali, che ora vedono la Cina come la “priorità senza precedenti” dell’America per il 21 ° secolo. Il presidente Trump ha imposto sanzioni al Paese e ha cercato di bloccare la crescita di aziende tecnologiche cinesi come Huawei, TikTok e Xiaomi. La guerra commerciale è stata accompagnata da una guerra di parole, con i vertici di Washington che hanno suggerito che la nuova Guerra Fredda con Pechino riguarderà meno carri armati e missili e più “calci sotto il tavolo”. Altri consigliarono agli Stati Uniti di intraprendere una guerra culturale generalizzata,

La prospettiva di una guerra calda, tuttavia, non può essere trascurata. E le azioni degli Stati Uniti rendono la minaccia ancora più probabile. Nel 2013, l’amministrazione Obama ha annunciato un “Pivot to Asia”, vale a dire un ritiro dal Medio Oriente e un’escalation delle tensioni nel Pacifico. Oggi, più di 400 basi militari statunitensi circondano la Cina. Le navi e gli aerei statunitensi continuano a ispezionare la costa cinese, testando le loro difese. A luglio, la USS Rafael Peralta ha navigato entro 41 miglia nautiche dalla megalopoli costiera di Shanghai. All’inizio di quest’anno, il capo del Comando strategico ha affermato che esiste una “possibilità molto reale” di guerra contro Pechino nel prossimo futuro.

Fu in questo contesto che gli Stati Uniti iniziarono a denunciare il trattamento riservato dalla Cina alla sua minoranza uigura. Lo Xinjiang è stato oggetto di gravi misure di sicurezza per più di un decennio e l’internamento degli uiguri è continuato almeno dal 2014. Eppure gli Stati Uniti sono rimasti in gran parte in silenzio sul loro trattamento fino a tempi recenti. Oggi, il “National Endowment for Democracy” (NED) degli Stati Uniti accusa la Cina di aver imprigionato tra uno e tre milioni di musulmani uiguri, descrivendolo come un genocidio. Il NED ha donato quasi 9 milioni di dollari a gruppi uiguri e ha condannato quello che vede come un “silenzio assordante nel mondo musulmano” sulla loro difficile situazione.

Amnesty International ha collaborato ampiamente [con la propaganda della CIA], definendo quelli che la Cina chiama gli istituti di rieducazione destinati a de-radicalizzare la popolazione come “campi di detenzione che praticano la tortura e il lavaggio del cervello di chiunque sia sospettato di slealtà” “. Gli uiguri avrebbero affermato di essere stati sterilizzati con la forza, che i loro luoghi di culto sarebbero stati demoliti e che sarebbero stati costretti a mangiare carne di maiale e separati dalle loro famiglie.

Altri hanno rifiutato questa interpretazione. L’economista Jeffrey Sachs, capo della Rete delle soluzioni per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, ha recentemente scritto:

Ci sono accuse credibili di violazioni dei diritti umani contro gli uiguri, ma non costituiscono di per sé un genocidio. E dobbiamo capire il contesto della repressione cinese nello Xinjiang, che aveva sostanzialmente la stessa motivazione dell’incursione americana in Medio Oriente e in Asia centrale dopo gli attacchi del settembre 2001: fermare il terrorismo dei gruppi islamici militanti.

Dumbrill sembrava essere d’accordo, osservando che molti uiguri nello Xinjiang vedono i jihadisti estremisti come la loro principale preoccupazione, e non le forze governative, di cui alcuni uiguri parlano con affetto. “Presenza della polizia a parte, le persone conducono una vita piuttosto ordinaria qui con gli stessi tipi di speranze e sogni che le persone di qualsiasi altro luogo”, ha detto a MintPress , criticando la copertura dei media stranieri.

Wenbin è stato, non sorprendentemente, ancora più sprezzante delle accuse. “I politici ei media occidentali stanno disperatamente diffondendo bugie sullo Xinjiang”, ha detto, aggiungendo che “l’accusa di ‘genocidio’ è più che assurda.

La collocazione del Xijiang in Cina


La politica del terrore
Nello stesso momento in cui stava rimuovendo il Movimento islamico del Turkestan orientale dalla lista perché apparentemente non esisteva, l’amministrazione Trump ha aggiunto Cuba alla sua lista di stati che supportano il terrorismo. Senza un pizzico di ironia, l’allora segretario di Stato Mike Pompeo ha indicato “l’interferenza maliziosa dell’isola in Venezuela e nel resto dell’emisfero occidentale” come motivo della nomina. Un rapporto pubblicato il mese scorso dal Dipartimento della salute e dei servizi umani ha evidenziato quale fosse un’influenza così maligna: l’invio di medici e altre squadre mediche in altri paesi bisognosi durante una pandemia globale.

Eppure la politica della lista del terrorismo è sempre stata molto sospetta. Nel tentativo di smorzare il sostegno globale alla sua causa e consolidare il governo dell’apartheid, l’amministrazione Reagan ha inserito il leader sudafricano Nelson Mandela nella lista dei terroristi nel 1988. Mandela è stata rimossa dalla lista dei terroristi solo nel 2008 – 14 anni dopo assumendo la presidenza.

Nel frattempo, l’amministrazione Trump ha anche recentemente rimosso il Sudan dalla lista degli stati sponsor del terrorismo, in quello che è stato un evento apertamente transazionale. Il Sudan ha accettato di normalizzare le sue relazioni con Israele e di dare agli Stati Uniti centinaia di milioni di dollari. Come al solito, Trump non ha potuto non vantarsi ad alta voce: “BUONE notizie! Il nuovo governo del Sudan, che sta facendo passi da gigante, ha accettato di pagare 335 MILIONI di dollari alle vittime e alle famiglie del terrorismo americano. Una volta presentato, rimuoverò il Sudan dall’elenco degli Stati sponsor del terrorismo. Infine, GIUSTIZIA per il popolo americano e un GRANDE passo per il Sudan ”, ha twittato.

In definitiva, il drastico cambiamento nella politica statunitense su ETIM non ha nulla a che fare con il movimento stesso – che rimane lo stesso gruppo jihadista legato ad al-Qaeda, Daesh e talebani – ma piuttosto a un cambio di posizione americana nei confronti della Cina. Per anni, gli Stati Uniti hanno ignorato le questioni relative ai diritti umani nello Xinjiang, con la Cina vista come un utile laboratorio per il capitalismo americano. Ma la rapida ascesa della Repubblica popolare cinese ha spaventato molte persone a Washington; da qui l’improvviso interesse per il destino degli uiguri.
La designazione di ETIM come gruppo terroristico è stata probabilmente vista come un ostacolo dagli Stati Uniti nel tentativo di suscitare disordini in Cina. Con la Cina ora nel mirino, il gruppo è passato dall’essere un avversario a quello di un potenziale alleato. Sembra che il governo abbia deciso che era più facile insistere sul fatto che non esistono più che fingere di non essere più un gruppo terroristico.

Sebbene il cambiamento di stato possa sembrare irrilevante, potrebbe essere un segno di un futuro pericoloso. Il movimento islamico del Turkestan orientale è stato inserito nell’elenco a causa della guerra al terrorismo. Ora ne è stato tolto a causa della guerra imminente contro la Cina. Un dopppio standard evidente.

fonte: https://www.mintpressnews.com

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • Skeptiz
    Inserito alle 15:24h, 18 Maggio Rispondi

    Tu vuò fà l’americano?
    Un paese essenzialmente mafioso
    dove la politica del terrore
    è alimentata dalla potenza di fuoco delle armi e
    il gioco si basa su due scelte (che fanno vincere sempre il banco).
    1. se non paghi il pizzo diventi un terrorista (e affronti il nemico combattendo con una piccola parte di armi che loro ti vendono)
    2. se paghi hai la protezione del capo clan e lavori per aumentare la loro potenza di fuoco
    Un meccanismo oliato e testato da anni. Un Ponzi Western

  • eusebio
    Inserito alle 19:00h, 18 Maggio Rispondi

    Istigati dai sionisti infuriati per il sostegno economico cinese all’Iran USA e UE stanno cercando di creare problemi alle aziende statali cinesi all’interno del WTO, stanno cercando di installare un regime anticinese in Birmania per tagliare alla Cina la pipeline che porta gas e petrolio nello Yunnan, hanno appena tenuto esercitazioni navali e terrestri in Giappone tra forze USA, nipponiche e francesi in chiave anticinese, cercano di portare all’indipendenza Taiwan, quindi niente di più facile che cercheranno di infiltrare terroristi wahabiti in Tagikistan e da lì nello Xinjiang per scatenare una guerriglia anticinese.
    Pure la Russia è messa male, il parlamento europeo ha dichiarato le elezioni per la Duma di Stato che si terranno a settembre “non democratiche”, e vorrebbe inviare osservatori e magari truppe occidentali in Russia per farle organizzare da Soros.
    I sionisti ormai sono in pieno delirio di onnipotenza, i palestinesi gli daranno un amarissimo risveglio.

Inserisci un Commento