Mentre l’Italia è in emergenza per l’epidemia, arrivano masse di migranti dalla Libia

Sono sbarcati oggi 274 migranti dalla Ocean Viking nel porto di Pozzallo in Sicilia. La nave delle Ong Sos Méditerranée e Medici Senza Frontiere ha attraccato nella località siciliana questa mattina 23 Febbraio, essendo stata autorizzata dalle autorità marittima e dal Ministero dell’Interno.

I migranti che erano a bordo sono stati trasbordati attraverso tre operazioni portate a termine nel giro di 48 ore tra martedì 18 e mercoledì 19 febbraio.
Quello di oggi è il secondo sbarco che avviene a Pozzallo dopo l’emergenza del Coronavirus. L’ultimo sbarco risale al 2 febbraio, in cui erano scesi a terra 363 migranti recuperati in mare.
Il governo Conte ha continuato ad autorizzare gli sbarchi di migranti sulle coste siciliane nonostante l’emergenza del Corona virus.
Ultimo momento: anche i migranti arrivati sotto quarantena

Decisa la quarantena anche per i migranti sbarcati in Sicilia. In base alle misure di prevenzione sul coronavirus, il Viminale alla fine si è convinto a disporre la quarantena anche per i migranti a bordo della Ocean Viking: «saranno trattenuti in quarantena nell’hotspot della cittadina siciliana.

Si adotteranno le medesime misure precauzionali prevoste in altri casi, il personale della nave rimarrà isolato a bordo per tutto il periodo necessario». Prima dello sbarco dei migranti è salito a bordo il medico Vincenzo Morello per le prime visite dei migranti.


Il Papa Bergoglio a Bari: Non alzare muri, accogliere tutti e no ai populismi

Il Papa a Bari


Nel frattempo il Papa Bergoglio, in visita a Bari, ha rinnovato l’appello ad accogliere quanti fuggono dalla guerra o lasciano la loro terra in cerca di una vita degna dell’uomo”. Non alzare muri e non chiudere i ponti, ha ribadito il Papa Bergoglio.


Nel corso della sua omelia, Papa Francesco ha preso una posizione netta contro i populismi e le retoriche sovraniste. Durante la sua partecipazione all’incontro di Bari “Mediterraneo frontiera di pace” il pontefice, parlando davanti a 60 vescovi, ha parlato di necessità di integrazione, facendo appello all’umanità dei cittadini, chiamati ad essere “instancabili operatori di pace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM