Mentre l’Europa è alle prese con la pandemia, la guerra civile in Ucraina continua

di Karine Bechet-Golovko.

Nel frattempo, nella vita reale, la guerra nel Donbass continua. L’esercito ucraino bombarda le giovani repubbliche, mentre le autorità locali e la popolazione cercano di ricostruire le case distrutte. Senza l’aiuto dell’Occidente. Coronavirus o no, ci sono altre priorità.

E i media sono troppo impegnati a mantenere ferma la maionese, con l’aiuto dell’OMS, che alla fine non pubblica più i dati relativi alle persone recuperate dal coronavirus, poiché sarebbero incomplete.
In breve, mentre alcuni stanno conducendo una guerra psicologica, altri difendono la loro terra, la loro vita, la loro cultura da un pericolo altrimenti reale ed esistenziale.

Abbiamo parlato due settimane fa dell’idea di un nuovo spazio di discussione tra Kiev e il Donbass, che dovrebbe avere il vantaggio di riunire le due parti in conflitto in Ucraina, al fine di cercare un’uscita da crisi diversa dalle armi . Era davvero sorprendente che l’Ucraina potesse accettare un dialogo diretto con Donbas, perché questo automaticamente lo portava a riconoscere che stava combattendo non contro la Russia, ma contro il suo stesso popolo. Quindi è stata una guerra civile.
L ‘”errore ” è stato corretto e alla fine non verrà istituito alcun dialogo diretto, come afferma Andrei Ermak, il capo dell’amministrazione presidenziale ucraina. Secondo le sue osservazioni, l’Ucraina è pronta a discutere con le popolazioni dei territori di DNR e LNR, ma non con i loro leader, cosa che non ha mai fatto e che non farà mai. Problema risolto.

E infatti, il modo in cui l’Ucraina dialoga con le popolazioni civili di queste regioni è ben noto. L’esercito continua a bombardare, in particolare il centro di Gorlovka, dove ha colpito eroicamente nuovi autobus appena messi in circolazione. Per la popolazione. In 24 ore, la Repubblica di Donetsk ha registrato 35 violazioni dell’ennesimo cessate il fuoco.

Artiglieria Ucraina

Nel frattempo, la gente e le autorità locali stanno cercando di ricostruire le case distrutte dall’artiglieria ucraina in modo che le persone possano trovare un tetto sopra le loro teste. 102 case, ad esempio, nei distretti di Donetsk che furono particolarmente colpite dai bombardamenti ucraini. L’impianto metallurgico dell’Enakievo (EMZ), uno dei più antichi del paese, è stato chiuso per ripristinarne il funzionamento. L’eterna lotta della vita contro la morte.

Ovviamente, il pericolo rappresentato dall’onnipotente coronavirus è inferiore a quello di un cessate il fuoco con il Donbass. Inoltre, il presidente Zelensky , che obbedientemente ha fermato il paese (è vero che questo gli dà una scusa per la recessione), ha dichiarato che questo non dovrebbe in alcun modo influire sulle capacità dell’esercito ucraino.

Tutto il pericolo è relativo. E soprattutto, ha il peso che vogliamo riconoscerlo.

http://russiepolitics.blogspot.com/2020/04/chronique-du-monde-reel-pendant-ce.htm

Karine Bechet-Golovko

Fonte: RussisiePolitics

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code